Il mosaico del Mare di Giona - Report - NAUTICA REPORT
Report / Il mosaico del Mare di Giona
Il mosaico del Mare di Giona

Il mosaico del Mare di Giona

di Fabrizio Fattori

Nel 1906 l’archeologo austriaco Niemann rinviene sotto un pavimento in marmo a poca distanza dalla basilica Teodoriana di Aquileia un esteso mosaico rappresentante scene marine con abbondanti riferimenti alla fauna e alle modalità di pesca, con presenza di figure umane, barche e paesaggi.

 

Ad una più attenta lettura si possono individuare rappresentazioni relative alla figura del profeta Giona che prima viene gettato in mare da un’imbarcazione allo scopo di sedarne i tempestosi flutti evocati da Dio per le sue disubbidienze.

 

Poi viene ingoiato da un pesce, balena o drago che fosse, e depositato a terra dopo tre giorni di permanenza nel capiente stomaco del mostro.
 


 

Foto tratta da www.viedellabellezza.it/materiale/la-storia-di-giona-nei-mosaici-di-aquileia/

 

A terra lo vediamo riprendere le forze sotto un ombroso pergolato di qiqajon. L’episodio rimanda alla similitudine terrena e divina del Cristo che come testimoniato nel vangelo di Matteo (12,40), rimarrà sepolto per tre giorni prima di rinascere.

 

Collocabile ai primi anni del IV secolo d.C. (313-320) il mosaico rappresenta nell’immaginario della prima cristianità la natura divina di Gesù confermata dalla resurrezione dopo tre giorni e tre notti nel sepolcro, ma anche la  rinascita a nuova vita di tutti coloro che sono stati battezzati e hanno vissuto in Cristo.

 

La figura di Giona, narrata sia dalla Bibbia e dai Vangeli ma anche presente in alcune “sure” del Corano, acquisisce oggi una valenza ulteriore di spiritualità condivisa nell’area mediterranea, testimoniata anche dalla volontà distruttrice dell’Isis che tra le prime nefaste azioni ha posto la tomba e la moschea di Giona a Mosul viste come legami tra popoli  da cancellare.

 

Fabrizio Fattori
 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Pescatori preistorici d'alto mare

I nostri antenati praticavano la pesca d'altura 42.000 anni fa

Gli archeologi hanno scoperto che gli esseri umani praticavano l...

La battaglia di Salamina - '''Meglio morire in piedi che vivere in ginocchio''

di Tealdo Tealdi

Il quadro, “La battaglia navale di Salamina” dipinto ne...

Syros. Autentica e solenne

di Francesca Carignani - Foto di Giovanni Rinaldi

Cinque anni fa sfiorammo appena Syros mentre, in avaria di motore c...

Agostino Straulino, nato per essere marinaio

una delle figure leggendarie della vela italiana

Nato a Lussinpiccolo, Croazia, il 10 ottobre 1914 e morto a Roma il...

Un voto per navigare nei secoli

di Tealdo Tealdi

Dal 1237 la prima domenica di luglio si svolge a Grado una straordi...
Turismo e ormeggi
Zoagli (GE) - La terrazza sul Tigullio
Zoagli è un piccolo borgo incastonato tra i comuni costieri di Rapallo e Chiavari nel golfo del Tigullio, ad est di Genova.   Confina a nord con i comuni di Rapallo, Coreglia Ligure e San Colombano Certenoli, a sud è bag
Fonte: wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 30/03/2020 07:45

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI