Il Mayflower e la nascita dell'America - Report - NAUTICA REPORT
Report / Il Mayflower e la nascita dell'America
Il Mayflower e la nascita dell'America

Il Mayflower e la nascita dell'America

La nave dei Padri Pellegrini sbarcati a Cape Cod

La Mayflower fu la nave con la quale i Padri Pellegrini, salpati il 6 settembre 1620 da Plymouth (Inghilterra), raggiunsero gli attuali Stati Uniti a Cape Cod due mesi dopo, l'11 novembre.

 

Storia

 

In Inghilterra, nel 1602, la chiesa anglicana visse un periodo travagliato che portò alla nascita della chiesa calvinista oltre che chiese minori dette congregazioni o chiese riformate. John Robinson, sacerdote anglicano sospeso dal servizio dal vescovo di Norwich, entrò in contatto con un gruppo di dissidenti religiosi tra i quali John Smyth (fondatore della Chiesa Battista), William Brewster, e William Bradford.

 

Divenuti numerosi, si insediarono in un vasto territorio nella valle del fiume Trent, tra le contee del Lincolnshire, Yorkshire e Nottinghamshire.

 

Divergenze interne portarono alla divisione di questa congregazione in due tronconi, favoriti anche da motivi geografici: Smyth rimase a Gainsborough (Lincolnshire), mentre Brewster e Bradford si insediarono vicino a Scrooby (Nottinghamshire), con Robinson come loro pastore.

 

  

 

La baia di Cape Cod, dove nel novembre del 1620 la Mayflower attraccò. Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=1423232

 

Le persecuzioni messe in atto dall'arcivescovo di York e dal vescovo di Lincoln fecero decidere i due gruppi ad emigrare nei Paesi Bassi, che a quell'epoca era l'unico paese in cui era presente la tolleranza religiosa, Smyth ad Amsterdam e Robinson, affiancato da Brewster e Bradford, a Leida. Qui il gruppo crebbe grazie alla gestione di Robinson e del cognato, il diacono John Carver e vi rimasero per oltre dieci anni.

 

Mayflower 

 

I padri pellegrini, dopo una lunga negoziazione, grazie all'amicizia di William Brewster con Sir Edwin Sandys (tesoriere e funzionario della prima azienda inglese in Virginia, nonché responsabile della colonia), ottennero nel 1619 una concessione dalla Compagnia della Virginia che assicurava loro parte della propria zona settentrionale in nord America nella valle del fiume Hudson.

 

Investirono gran parte delle loro risorse, strinsero un contratto finanziario con un commerciante in ferro, Thomas Weston, ed affittarono una nave, decisi a dar vita sotto la protezione inglese a una remunerativa attività di commercio, di caffè e tè.

 

Il gruppo di 102 passeggeri non era omogeneo: molti erano membri della congregazione, ma si erano uniti anche un certo numero di famiglie e di altre persone che speravano di migliorare la propria situazione economica

 

  

 

Plymouth Rock - Foto di Robin Booker da Pixabay 

 

Il viaggio

 

La nave era in realtà un galeone a tre alberi di circa 180 tonnellate alla cui guida c'erano i padri pellegrini Carver e Brewster.

 

La nave partì dal porto di Plymouth (Inghilterra) il 6 settembre 1620. Dopo circa due mesi attraverso l’Oceano Atlantico, i Padri Pellegrini fecero il loro ingresso al porto di Cape Cod, poi a Provincetown (Massachusetts) l'11 novembre, dove firmarono il Patto del Mayflower che diede origine al loro governo.

 

Rinunciando alla concessione ottenuta, sbarcarono l'11 dicembre sulla costa occidentale del Massachusetts, dove fondarono la Colonia di Plymouth, riconosciuta ufficialmente il 1º giugno 1621. Secondo la tradizione, il punto esatto in cui i padri pellegrini misero per la prima volta piede a terra nel Nuovo Mondo è contrassegnato dalla Roccia di Plymouth, che può essere tuttora vista sul lungomare della cittadina.

 

Tra i passeggeri della Mayflower: Christopher Jones capitano e co-proprietario; John Alden, organizzatore del viaggio e fondatore della colonia; John Carver, primo governatore; William Bradford, che venne nominato governatore alla morte di Carver e venne rieletto per 30 volte consecutive.

 

  

 

The middle and later months of 2020 mark the 400th anniversary of the departure of the Mayflower CREDIT: GETTY

 

Il Mayflower lasciò Plymouth il 5 aprile 1621 e riattraccò al porto in Inghilterra il 6 maggio.

 

La storia è in realtà complicata perché il nome Mayflower era all'epoca molto frequente per le navi e non si conosce con certezza il nome del cantiere navale che la costruì.

 

La nave dei Pellegrini Mayflower ha un posto importante nella storia americana come simbolo dell’antica colonizzazione europea dei futuri Stati Uniti. Il documento principale del viaggio della Mayflower e della creazione della colonia di Plymouth è dato dalle lettere e dal diario di William Bradford, che fu la forza guida e poi il governatore della colonia.

 

Quest'anno ricorre Il quattrocentesimo anniversario del viaggio della Mayflower. Il Harwich Mayflower Heritage Centre spera di costruire una copia della nave ad Harwich, Inghilterra.

 

In copertina la Mayflower nel porto della Plymouth di William Halsall - Pilgrim Hall Museum, Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=308115

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Formentera dreamin'

Insieme a alla vicina Ibiza forma una delle Isole Pitiuse

Formentera è una delle quattro isole principali componenti l...

Il Museo Navale di Pegli

La storia del museo navale ha origini alla fine dell'Ottocento

Il Museo navale di Pegli è un museo di Genova, ospitato all&...

Il Rex un vero Re dei mari

di Fabrizio Fattori

L’anima del “Popolo di Navigatori” ha toccato la ...

Costa Azzurra: tra mare e montagna, profumi e sapori

Mare e montagna si incontrano in una infinita varietŗ di luoghi e paesaggi

Lungo una costa rocciosa e frastagliata le strade panoramiche domin...

Il Museo delle Navi Romane di Nemi: la Casa di Caligola

Fa parte del Sistema Museale Museum Grandtour

Il Museo rappresenta un centro fondamentale per il consolidamento d...
Turismo e ormeggi
Viareggio Porto 2020: la porta dal mare della ''Regina di Versilia''
Da agosto 2019, iCare, società in “house providing” del Comune di Viareggio, gestisce l’Approdo Turistico La Madonnina e le banchine Ceina e Antonini.   L’Approdo è collocato nel cuore del distret
Fonte: Nautica Report
Titolo del: 12/08/2020 07:00

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI