Il dove di Odisseo - Report - NAUTICA REPORT
Report / Il dove di Odisseo
Il dove di Odisseo

Il dove di Odisseo

di Fabrizio fattori

Ulisse impersona l’archetipo del viaggiatore per mare spinto dall’avventura e dalla voglia di scoprire e conoscere, come ricorda il celeberrimo verso dell’Inferno dantesco (…fatti non foste per viver come bruti ma per seguir virtute e conoscenza …).

 

Il suo peregrinare ancora oggi è al centro di congetture sui luoghi, non sempre sicuramente riconducibili all’area mediterranea, visitati nel corso del lungo viaggio di ritorno dopo la distruzione di Troia. Già Itaca, luogo del ritorno, appare, come la conosciamo oggi, non essere l’Itaca di Ulisse, descritta come pianeggiante, ma montuosa nella realtà geografica. Forse, più propriamente Lefkada appare  la migliore candidata ad essere la dimora di Ulisse dove Penelope e Telemaco lo aspettano in balia dei Proci.

 

Ma gli altri, molti luoghi toccati nel viaggio di ritorno subiscono nel corso dei secoli dislocazioni contraddittorie ognuna basata su congetture filologiche più o meno ineccepibili. Ortelio nel “Parergon” (XVI secolo circa) restringe il campo degli spostamenti ad un’area ristretta al sud Italia, Sicilia compresa. Ad esempio, Ogigia l’isola dove Calipso tiene prigioniero Ulisse per molti anni, viene collocata  tra Crotone ed il golfo di Taranto e non in Marocco dove alcuni la ritengono oggi più probabile.

 

E questo senza contare le teorie successive di Duval (1667) o altre ricostruzioni ottocentesche che  la collocavano nel mar Nero o nei Balcani, o sovrapporsi ai luoghi del mediterraneo fenicio (Berard). Altri, dalle più sfrenate fantasie, collocavano l’intera Odissea tra Cornovaglia e Scozia (Steuerwald 1978), o in Giappone, Cina e Corea (Daunicht 1971), altri in territorio australe (Pellech 1983) o nell’area baltica e in Norvegia (Vinci 1995).…. E queste sono solo alcune delle molteplici teorie storico geografiche che cercano di localizzare le imprese di Ulisse in modo definitivo ed affidabile, naturalmente confliggendo tra loro.

 

Appare, comunque, irrilevante avere certezza dei luoghi narrati nell’Odissea . Che i Lotofagi fossero sulle coste libico-tunisine o in Sicilia, o che Polifemo scagliasse le sue pietre dal Vesuvio o dalle rocce siciliane, o che i Lestrigoni vivessero in Campania piuttosto che in Sardegna, o che le sirene nuotassero nel mare campano o altrove, appare poca cosa rispetto al  fascino suscitato da un racconto millenario trasmetto di bocca in bocca e da molteplici poeti fino ai nostri giorni e sia ancora capace di coinvolgerci con fortissime emozioni.

 

Fabrizio Fattori

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

John Gale Alden, marinaio e designer americano

John G. Alden iniziò la sua carriera di designer, apprendista con la BB Crownins...

Fuga ad Achill, l’isola della spiaggia riemersa

Una delle località più belle e spettacolari d’Irlanda

Sono ben cinque le spiagge Bandiera Blu che adornano la costa d...

Bocas del Toro, baie e lagune ''Quasi'' incontaminate!

di Luigi Ottogalli

Navigando in questa parte del Caribe, i personaggi che s'incont...

Michele da Cuneo navigatore e testimone epistolare

di Fabrizio Fattori

Spesso le grandi imprese sono messe in relazione con pochi, grandi ...

L'altra Saint Tropez, le Musée de l’Annonciade

di Tealdo Tealdi

Nella perla della Costa Azzurra, dove i più importanti pitto...
Turismo e ormeggi
Peschici (FG)
La città di Peschici si trova su una rupe a picco sul mare e domina una delle baie fra le più belle d’Italia.   Il nome Peschici è probabilmente di origine Slava, infatti Sueripolo, capitano degli Slavi, dop
Fonte: www.viaggiareinpuglia.it e Nautica Report
Titolo del: 07/04/2020 07:45

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI