Il Codice Molfino - Report - NAUTICA REPORT
Report / Il Codice Molfino
Il Codice Molfino

Il Codice Molfino

di Fabrizio Fattori

L’avv. Matteo G. Molfino  viene in possesso, all’inizio dell’ 800, di una raccolta di documenti relativi alla produzione poetica di un autore trecentesco identificato come Luchetto (piccolo Luca) o da altri non concordemente come l’ “Anonimo Genovese”. Tale raccolta, conosciuta oggi come il “Codice Molfino” è conservata presso l’Archivio Storico del Comune di Genova.

 

Tale scoperta assunse, per la città di Genova, un ruolo di orgoglio storico culturale in quanto si verificò all’interno di un processo di unificazione geografico-politico che vide la Liguria essere annessa, proprio in quegli anni, allo Stato di Sardegna. Tale riscoperta consentì agli intellettuali ottocenteschi e alla società ligure tutta, di dialogare con nuovi strumenti culturali con i centri di potere sabaudi.

 

I documenti hanno, comunque, sopratutto un rilevante valore storico-linguistico, in quanto testimoniano l’uso letterario della lingua genovese attraverso 147 componimenti in lingua oltre a 35 in latino, e costituiscono il modello più o meno esplicito per buona parte della letteratura dialettale successiva.

 

Il primo componimento datato 1283 conferma l’Anonimo Genovese come uno dei primi autori liguri del medioevo che usi il volgare utilizzato a Genova alla fine del XIII secolo.

 

I temi trattati evidenziano un concreto amore per la Repubblica genovese, pervaso da un senso religioso e di giustizia che lo spinge, a volte, ad esprimere critiche socio politiche nei confronti della società del suo tempo. Anche la vita marinara offre spunti epici ai suoi componimenti, sostenuti anche da esperienze ed avventure di viaggio vissute in prima persona.

 

De modo navigandi
 

  


Testo come “riscritto” da Tonino Conte

Da “Ogni Uomo è un marinaio che mai cessa il navigare” – Il Melangolo 2003 

 

Fabrizio Fattori

Titolo del:

Tags

Genova, Luchetto, Anonimo Genovese, Archivio Storico del Comune di Genova
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

La ''Velarca'' una storia da recuperare

di Fabrizio Fattori

Si tratta di una imbarcazione storica, una gondola lariana, a lungo...

Il relitto di Uluburun: una storia mediterranea

di Fabrizio Fattori

Al largo delle coste turche, nell’estate del 1982, un pescato...

Colombia: San Andrés, il Caribe dei Pirati

Colonizzata nel 1602 dagli Ugonotti nella vicina isola di Providencia

A 326 miglia nautiche da Cartagena e a solo due ore di vo...

Il Passaggio a Nord-Est. La Rotta del Mare del Nord

La rotta era conosciuta prima del XX secolo come Passaggio a Nord-Est

La Rotta del Mare del Nord è una rotta marittima dal Mar di ...

Saint Barth (o Barthélemy), l'isola dei VIP nel Mar dei Caraibi

di Claudia Stiatti

Madre Natura ha creato un’isola affascinante: Saint Bart...
Turismo e ormeggi
San Vito Lo Capo (TP)
San Vito Lo Capo è un comune della provincia di Trapani in Sicilia.   Rinomata località balneare della Sicilia, nota per la sua spiaggia, considerata tra le migliori d'Italia. Sul suo territorio è compresa la
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 06/08/2020 06:50

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI