Il Cauri moneta internazionale - Report - NAUTICA REPORT
Report / Il Cauri moneta internazionale
Il Cauri moneta internazionale

Il Cauri moneta internazionale

di Fabrizio Fattori

L’uomo ha sempre cercato un mediatore per i propri scambi di merci. Qualcosa che consentisse di attribuire un valore ad ogni singolo bene sulla base di un criterio condiviso.

 

Qualcosa che avesse qualità di solidità, facilità di trasporto, e fosse facilmente accumulabile. Per più di tremila anni la conchiglia “Cypraea moneta” ha assolto a questo compito in vaste aree di tre continenti.

 

Pescata prevalentemente nell’arcipelago delle Maldive, dove le donne stendevano stuoie di cocco intrecciate sulla superficie del mare, aspettando che le conchiglie vi si attaccassero a miglia e una volta essiccate iniziavano a essere scambiate ovunque grazie al loro valore accettato  e condiviso.

 

Dalle coste indiane del Bengala a quelle nord africane o del Niger, dal Gange al Mali, dal Borneo a Malacca e oltre. Viene trasportata facilmente in grandi quantità, spesso come zavorra delle imbarcazioni, a miliardi o a tonnellate; gli stessi veneziani non disdegnano il loro uso così come gli olandesi e gli inglesi che la utilizzano nei loro commerci orientali.

 

Queste immense quantità, spostate secondo le necessità del mercato, determinano fenomeni inflattivi o di recessione monetaria, determinando scompensi di valore nelle varie aree interessate al loro uso alterando la fiducia in questo strumento di pagamento.

 

Anche l’immissione nei circuiti dei Cauri di una conchiglia simile ma di minor valore (Cypraea annulus), destabilizza ulteriormente il sistema. Malgrado ciò il passaggio a sistemi monetari tradizionali, se pur facilitato dai colonizzatori che li impongo, è molto graduale ed in alcune aree il loro uso resiste più a lungo ed è spesso legato a specifici commerci come quello dell’olio di palma o a cerimonie tradizionali.

 

La memoria del valore di questa conchiglia permane ancora oggi nella ostentazione di decorazioni casalinghe, nella gioielleria femminile ed è ricordato sulle banconote delle Maldive.

 

Fabrizio Fattori

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Eugène Cornu, architetto di ''Stelle''

Nel 1943 progettò il famoso Bélouga

Eugène Cornu è stato un architetto navale francese, n...

La leggenda dell'El Dorado

Lo Zipa di Guatavita cosparso di polvere d'oro si tuffava nella laguna

La laguna di Guatavita è un lago situato...

Viaggio in Vietnam e Cambogia - Ha Long: una baia indimenticabile

di Fabrizio Fattori

A pochi chilometri da Hanoi, nel golfo del Tonchino, si trova una t...

HMS Belfast e il convoglio artico

di Tealdo Tealdi

Non sono molte le navi militari partecipanti alla II° Guerra Mo...

Hans Langsdorff marinaio prussiano

di Fabrizio Fattori

Le guerre spesso sono lo scenario di atrocità inutili e grat...
Turismo e ormeggi
Porto Cesareo (LE) - Un porto naturale nella costa salentina
Porto Cesareo grazie al suo "Porto naturale" che si affaccia sull'Isola Grande, detta anche Isola dei Conigli è uno dei più bei posti della costa salentina.   Essa dista solo 500 m dalla costa ed è
Fonte: parks.it e Nautica Report
Titolo del: 29/07/2021 07:40

© Copyright 2011-2021 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI