Il Caicco Turco - Report - NAUTICA REPORT
Report / Il Caicco Turco
Il Caicco Turco

Il Caicco Turco

Si differenzia dalla “Gulet” per avere l'albero prodiero più alto di quello posto verso poppa

Il caicco è una barca bialbero di origine turca, nata come barca da pesca e carico, costruita in legno e molto spaziosa.

 

Si differenzia dalla “Gulet” per avere l'albero prodiero più alto di quello posto verso poppa.

 

Ha una notevole larghezza rispetto alle barche a vela e questo garantisce il loro comfort. Furono proprio la spaziosità e la conseguente comodità che favorirono, nel tempo, la trasformazione dei caicchi da barche da lavoro in barche da crociera.

 

A tal fine i caicchi sono a motore e le rande non possono essere spiegate per la navigazione velica a causa dell'ingombro provocato dalla cabina di pilotaggio e da altre sovrastrutture necessarie a rendere più confortevole la navigazione.

 

Può essere quindi usato il solo fiocco, ma in condizioni di mare non formato. Esso ha il pregio di stabilizzare il movimento di rollio della barca in navigazione in presenza tuttavia di mare appena increspato.

 

Prevalentemente i caicchi sono in legno, quale il mogano, il teak, l'iroko o il semplice legno di pino.

 

Recentemente i caicchi sono costruiti però anche in acciaio.

 

Costruzione Caicco tradizionale

Da molti anni il nome Caicco è legato alla Turchia. Molte di queste imbarcazioni navigano nelle acque Italiane, Croate, Spagnole e possiamo incontrarle nelle baie e nei porti di molti altre nazioni toccate dal mare.

 

In Turchia la tradizione per la costruzione di queste imbarcazioni è forte nelle aree di Bodrum, Marmaris, Bozborun, Fetiye, Gogek, Antalya e naturalmente Tuzla . Non possiamo comunque dimenticare una delle aree più importanti del passato; il mar Nero.

 

Attualmente la produzione del Caicco in Turchia si divide in tre diverse tipologie per i materiali e le tecniche usati:

 

Costruzione Caicco tradizionale

Costruzione del Caicco Turco, con metodo tradizionale ovvero con tavole dello scafo inchiodate e calafatate per rendere impermeabile lo scafo.

 

Costruzione del Caicco Turco , con sistema lamellare. La costruzione dello scafo e delle altre strutture portanti viene effettuata tramite la stratificazione di listelli di legno, Mogano o Sapelli, incollati con resine epossidiche .

 

Costruzione del Caicco Turco, in acciaio.

 

 
Caicco in legno-acciaio

Le imbarcazioni si dividono poi in tre grandi categorie basate sui diversi disegni di base:

 

Il Caicco chiamato in Turchia, Aynakic, con poppa tagliata e pertanto con grandi volumi in questa zona dove generalmente viene costruita la cabina armatoriale.

 

La Gulet, la goletta turca, che ha la poppa tonda ed una linea molto simile alle golette da carico che hanno solcato i mari di tutto il mondo.

 

Il Tirhandil con prua e poppa simili che comunque non superano i 17.50m. Infatti sopra queste dimensioni i Tirhandil diventano sgraziati.

 

Il Caicco è molto utilizzato per crociere e charter specialmente nel Mediterraneo

 

www.caiccomania.com
 

Titolo del:

Tags

caicco, gulet, Turchia, barca da pesca, Bodrum, Marmaris, Bozborun, Fetiye, Gogek, Antalya, Tuzla, mar nero
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

John Gale Alden, marinaio e designer americano

John G. Alden iniziò la sua carriera di designer, apprendista con la BB Crownins...

Fuga ad Achill, l’isola della spiaggia riemersa

Una delle località più belle e spettacolari d’Irlanda

Sono ben cinque le spiagge Bandiera Blu che adornano la costa d...

Bocas del Toro, baie e lagune ''Quasi'' incontaminate!

di Luigi Ottogalli

Navigando in questa parte del Caribe, i personaggi che s'incont...

Michele da Cuneo navigatore e testimone epistolare

di Fabrizio Fattori

Spesso le grandi imprese sono messe in relazione con pochi, grandi ...

L'altra Saint Tropez, le Musée de l’Annonciade

di Tealdo Tealdi

Nella perla della Costa Azzurra, dove i più importanti pitto...
Turismo e ormeggi
Peschici (FG)
La città di Peschici si trova su una rupe a picco sul mare e domina una delle baie fra le più belle d’Italia.   Il nome Peschici è probabilmente di origine Slava, infatti Sueripolo, capitano degli Slavi, dop
Fonte: www.viaggiareinpuglia.it e Nautica Report
Titolo del: 07/04/2020 07:45

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI