Il Bluebird di Donald Campbell - Report - NAUTICA REPORT
Report / Il Bluebird di Donald Campbell
Il Bluebird di Donald Campbell

Il Bluebird di Donald Campbell

Figlio dell'altrettanto famoso Malcolm Campbell seguì le orme del padre

Donald Malcolm Campbell (Kingston upon Thames, 23 marzo 1921 – Coniston Water, 4 gennaio 1967) è stato un pilota automobilistico britannico, che, fra gli anni cinquanta e anni sessanta conquistò otto record di velocità.

 

È l'unica persona ad essere riuscita a battere nello stesso anno sia il record di velocità a terra che quello sull'acqua (nel 1964).



 

Il Bluebird record velocità su terra nel 1964

 

Figlio dell'altrettanto famoso Malcolm Campbell, a sua volta specialista dei record di velocità, seguì le orme del genitore anche nella scelta del nome dei veicoli utilizzati, chiamati "Bluebird".
 

Il Bluebird-Proteus CN7
 

 

 

Bluebird-Proteus CN7 - Foto di Ann Jury da Pixabay 

 

Il primo suo record di velocità terrestre, relativo ai veicoli con quattro ruote, venne stabilito sulla pista del Lago Eyre in Australia il 17 luglio 1964, raggiungendo la velocità di 403.10 mph (648.73 km/h) a bordo del Bluebird-Proteus CN7.

 

Donald Campbell

Tale record ebbe peraltro vita piuttosto breve, essendo stato più volte migliorato da altri concorrenti sempre nel corso dello stesso anno.

 

Già dal 1955 Campbell aveva cominciato a migliorare anche i record di velocità sull'acqua, stabilendone 7 con il primo primato conseguito con 202,32 mp/h, fino all'ultimo tentativo vittorioso del 31 dicembre, sempre in Australia e a bordo del Bluebird K7, con cui raggiunse le 276.33 mph (444.71 km/h).

 

Non contento del risultato il pilota britannico tentò degli ulteriori miglioramenti all'imbarcazione ma, proprio in un nuovo tentativo di stabilire record, perse la vita il 4 gennaio 1967 in un incidente mentre viaggiava ad una velocità superiore ai 260 mn.

 

Titolo del:

Tags

Coniston Water, Bluebird-Proteus CN7,
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

John Gale Alden, marinaio e designer americano

John G. Alden iniziò la sua carriera di designer, apprendista con la BB Crownins...

Fuga ad Achill, l’isola della spiaggia riemersa

Una delle località più belle e spettacolari d’Irlanda

Sono ben cinque le spiagge Bandiera Blu che adornano la costa d...

Bocas del Toro, baie e lagune ''Quasi'' incontaminate!

di Luigi Ottogalli

Navigando in questa parte del Caribe, i personaggi che s'incont...

Michele da Cuneo navigatore e testimone epistolare

di Fabrizio Fattori

Spesso le grandi imprese sono messe in relazione con pochi, grandi ...

L'altra Saint Tropez, le Musée de l’Annonciade

di Tealdo Tealdi

Nella perla della Costa Azzurra, dove i più importanti pitto...
Turismo e ormeggi
Peschici (FG)
La città di Peschici si trova su una rupe a picco sul mare e domina una delle baie fra le più belle d’Italia.   Il nome Peschici è probabilmente di origine Slava, infatti Sueripolo, capitano degli Slavi, dop
Fonte: www.viaggiareinpuglia.it e Nautica Report
Titolo del: 07/04/2020 07:45

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI