Il batiscafo ''Trieste'' prima delle fossa delle Marianne - Report - NAUTICA REPORT
Report / Il batiscafo ''Trieste'' prima delle fossa delle Marianne
Il batiscafo ''Trieste'' prima delle fossa delle Marianne

Il batiscafo ''Trieste'' prima delle fossa delle Marianne

di Fabrizio Fattori

Il nome di August Picard rimanda sia al raggiungimento di altezze stratosferiche con palloni aerostatici (16.889 metri) sia all’esplorazione di profondità abissali (10.900 circa) dove l’esperienza acquisita nelle attività spaziali si riverberarono sulla messa a punto di un batiscafo destinato, in competizione con altri progetti, a raggiungere profondità record rimaste tali a lungo.

 

Dopo una proficua collaborazione con la marina francese del G.E.R.S. ( Gruppo Esperienze e Ricerche Subacquee)  Picard, nel 1951, reperiti capitali sufficienti, si dedicò alla realizzazione di un proprio batiscafo.

 

La sfera di 13 tonnellate, alloggio  per i due esploratori (Picard ed il figlio Jacques) venne costruita dalle Acciaierie di Terni mentre la struttura galleggiante/serbatoio venne realizzata dai Cantieri Riuniti dell’Adriatico di Trieste ed il tutto venne poi assemblato dalla Navaltecnica di Napoli.

 

Questa tipologia costruttiva consentiva un’ampia capacità di movimento essendo totalmente svincolata dalla nave appoggio con cui era in contatto solo nella fase iniziale e gestiva i processi di immersione/emersione  immettendo acqua o liberando sfere metalliche con un sistema elettromagnetico, unico modo, questo, realizzabile alle alte pressioni degli abissi. Dopo due anni di lavori nell’ agosto del 1953 il batiscafo “Trieste” si immerse al largo di Napoli per oltre 1.000 metri.

 

Il vivido racconto dei due esploratori, redatto anche a seguito delle ulteriori molteplici immersioni, è ancora oggi quanto mai interessante. Nel settembre del 1953 venne raggiunta la profondità di 3.119 metri a largo dell’isola di Ponza che costituì il primo record del batiscafo di Picard e questo rappresentava il massimo possibile nell’area tirrenica dove il plateau disponibile non consentiva profondità maggiori.

 

Tutto andò per il verso giusto considerando che l’evento aveva richiamato una discreta folla di barchette curiose che la corvetta “Fenice” tenne alla larga con appositi, generosi, getti d’acqua, per garantire un affioramento del batiscafo in tutta sicurezza. Nel 1958 la marina americana lo acquistò e trasferitolo nel Pacifico  portò a termine negli anni a seguire e dopo opportune modifiche, diverse immersioni nella Fossa delle Marianne fino al raggiungimento della profondità record di 11.900 metri circa.

 

Fabrizio Fattori

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Cantiere Valdettaro, 1917

Una gloriosa tradizione centenaria

Il Cantiere Valdettaro, fondato nel lontano 1917 a Porto Venere, ne...

La tratta degli schiavi nell'800

Il 1 gennaio 1863 Abramo Lincoln abolisce la schiavitý in America

Dalla fine del XVIII sec. nel sud degli Stati Uniti si svilupp&ogra...

Islanda, una saga infinita

di Fabrizio Fattori

Spesso il termine colonizzare apre a scenari di usurpazioni territo...

Il Mito delle Sirene

Come nacque questa leggenda di sempre?

Cominciamo con lo splendido mare che, secondo antichi confini, orla...

William Starling Burgess, ''Inquieto'' genio americano

Uno dei grandi dello yacht design americano

William Starling Burgess (25 dicembre 1878 - 19 marzo 1947) designe...
Turismo e ormeggi
Isola di San SŤrvolo (VE) - Dal dolore allo sviluppo culturale
San Sèrvolo (denominazione veneziana di San Servilio, martire dell'Istria, festa il 24 maggio), è un'isola della laguna di Venezia, collocata all’incrocio tra i canali dell’Orfano, di San Nicolò e del Lazza
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 16/05/2022 07:45

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI