Il 33 tuffo da ponte Cavour di Mister Ok, il bagnino di Castel Fusano - Report - NAUTICA REPORT
Report / Il 33 tuffo da ponte Cavour di Mister Ok, il bagnino di Castel F...
Il 33 tuffo da ponte Cavour di Mister Ok, il bagnino di Castel Fusano

Il 33 tuffo da ponte Cavour di Mister Ok, il bagnino di Castel Fusano

Il tradizionale tuffo nel Tevere, appuntamento imperdibile per tutti i romani alle 12.00 del 1 gennaio 2022 da ponte Cavour ci  sarà e sempre con Mister Ok.

 

Maurizio Palmulli, per tutti Mister Ok, nonostante il COVID ci ha ripensato, non ha potuto mancare al suo 33° tuffo di Capodanno, appuntamento irrinunciabile come il brindisi di mezzanotte.

 

Per i romani, il tuffo del 1 gennaio da ponte Cavour è la tradizione, inaugurata nel 1946 da Rick De Sonay, l'italo-belga che si lanciava in costume e cilindro, facendo ok con la mano per rassicurare i curiosi che si fermavano ad ammirarlo, e portata avanti da tanti altri.
 


 

Rick De Sonay, il primo Mister Ok in una foto del 1966

 

Maurizio Palmulli, bagnino di Castel Fusano anche l'anno scorso, dopo 32 anni di lanci, aveva annunciato il 'ritiro'. Famoso il tuffo per "La grande bellezza" di Paolo Sorrentino. Già in precedenza però la figura di Mister Ok era apparsa al cinema: era il 1968, e fu proprio il mitico tuffatore a interpretare se stesso nel film di Dino Risi "Straziami, ma di baci saziami".

 

Dalle interviste rilasciate negli anni, Maurizio Palmulli ha sempre detto"per me tuffarmi nel Tevere a Capodanno significa continuare una tradizione bellissima, ricca di passione, di goliardia, di storia. E' motivo di grande orgoglio. Ho cinque figli, cinque nipoti, quando mi vedono in tv sono felici. E questo per me ha un valore inestimabile».
 

  
 

Maurizio Palmulli in arte MR.OK

 

Non ce l'ha fa a rinunciare all'appuntamento atteso da tutti i romani e lo fa ancora. Per inaugurare il nuovo anno nella capitale, si lanceranno insieme a Maurizio, da ponte Cavour, altri adepti rispettando la tradizione e consolidando il tradizionale "Ok" che ha valso il soprannome prima di Rick De Sonay e poi di Maurizio Palmulli.


"Con il passare degli anni l'altezza diventa sempre più grande - racconta Palmulli - Ma per me è sempre stata la stessa bellissima emozione, l'adrenalina dura per giorni e quell'entusiasmo mi ricarica".

 

“Spero che tutto vada bene”, afferma Palmulli che il 1° gennaio si tufferà seguito da altri tre romani che, da una decina di anni, condividono la sfida. “Quest’anno dedico il mio tuffo ai miei figli e ai campioni di tuffi che gareggeranno ai campionati europei di nuoto del 2022 che si disputeranno a Roma, gli spiegherò cosa vuol dire tuffarsi nel Tevere."
 

  
 

Il volo d'angelo di MR:OK
 

GLI ALTRI TUFFI - Ma «Mister Ok» non sarà solo, dopo di lui si tufferanno altri temerari romani «doc» che hanno assaporato le fredde acque invernali del fiume della Capitale e che anche quest'anno rispetteranno la tradizione. Tra di loro Marco Fois che compie il tuffo da 15 anni.

 

Dice Palmulli rispetto alla preparazione dell'impresa - «Al cenone di Capodanno mangio il giusto e vado a dormire poco dopo la mezzanotte - dice Maurizio. «La paura c'è, ma è cosciente, la concentrazione è tale che non mi permette di pensare ad altro. Appena salgo sul ponte, un attimo prima di sentire lo sparo del cannone del Gianicolo, ho l'adrenalina a mille, poi appena mi tuffo e salgo in superficie comincio a tremare perchè scarico la tensione e mi resta solo l'entusiamo del risultato raggiunto».
 

I VOLI DI MISTER OK - 'Mister ok' non si ferma all'impresa romana di Capodanno ma da un anno si cimenta in un nuovo progetto che coinvolge i ponti e i fiumi delle capitali europee: il giorno di Natale 2013 si è gettato da un ponte di Parigi. Dopo aver studiato e perlustrato tre ponti la scelta è caduta sul Neuf. «L'anno prossimo - dice Palmulli -, dopo essermi tuffato nel Tevere, nel Tamigi e nella Senna, mi piacerebbe gettarmi dal ponte Carlo di Praga. Ho 68 anni, credo di averne fatti abbastanza di salti e questo mi inorgoglisce molto» - Questo diceva un anno fa Panimulli e chissa' se lo farà.
 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Tramonto di un paradiso terrestre

di Fabrizio Fattori

Gli ampi arcipelaghi del Pacifico che vanno dalle Figi alle isole S...

La battaglia di Salamina - ''Meglio morire in piedi che vivere in ginocchio''

di Tealdo Tealdi

Il quadro, “La battaglia navale di Salamina” dipinto ne...

Il Madagascar isola felice

di Fabrizio Fattori

Questa appropriata definizione risale al XVII secolo ad opera dei v...

Santa Lucia, il tragico destino del ''Tram di Ponza''

Affondato il 24 luglio 1943 da un aereo inglese

Costruita nel 1912 dai cantieri del Tirreno di Ancona per la Compag...

Ferragosto degli anni '60, come oggi: ''Tutti ar mare!''

La scelta mai cambiata del mare alla montagna

Era l’abitudine degli italiani, quelli che preferivano il mar...
Turismo e ormeggi
Ravenna - Capitale del mosaico a vocazione marinara
È la città più grande e storicamente più importante della Romagna; il suo territorio comunale è il secondo in Italia per superficie, superato solo da quello di Roma e comprende nove lidi sul litora
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 19/08/2022 07:00

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI Privacy Policy Cookie Policy