Ibn Battuta, un viaggiatore di altri tempi - Report - NAUTICA REPORT
Report / Ibn Battuta, un viaggiatore di altri tempi
Ibn Battuta, un viaggiatore di altri tempi

Ibn Battuta, un viaggiatore di altri tempi

di Fabrizio Fattori

Il mondo arabo ha prodotto sin dai primi secoli di islamismo una serie di resoconti di viaggio strettamente collegati al pellegrinaggio alla Mecca, divenuti nel corso degli anni sempre più ampi e dettagliati.

 

Tra questi narratori di mondi nuovi si distingue Ibn Battuta, marocchino di Tangeri, che spinto dall’esigenza di compiere quanto previsto da un  buon mussulmano, va oltre e viaggia per terra e per mare per circa trent’anni, compiendo oltre 120.000 chilometri, il triplo di quanto, prima di lui, aveva compiuto Marco Polo.

 

Viaggi compiuti parte in solitario o al seguito di carovane commerciali, trovando appoggi ed ospitalità grazie alla comune fede nel Corano e alla sua notorietà di uomo di fede e conoscenza. Furono i viaggi per mare a fargli compiere, tra mille pericoli, tempeste e pirati oltre alle inevitabili malattie, le più ampie distanze.

 

 

Abd Allāh al-Lawātī al-Ṭanǧī ibn Baṭṭūṭa

Imre Solt, CC BY-SA 3.0 , via Wikimedia Commons

 

Tra il 1327 e il 1330 percorre il Mar Rosso ed il golfo Persico per poi discendere lungo la costa africana oltre l’odierna Mombasa e ritorno. Poi nel 1333 lungo le coste indiane fino alle Maldive e all’isola di Ceylon. Successivamente (1341) attraversa il golfo del Bengala ridiscende sino a Sumatra per attraversare il mar cinese meridionale e approdare via terra a Pechino.

 

Ma anche le frontiere del nord lo vedranno protagonista di lunghi tragitti che lo porteranno a nord del Mar Nero e del Caspio fino alle terre di un freddo inimmaginabile. Nel 1354 sulla strada del ritorno attraverserà il grande Mare di sabbia e si dedicherà alla stesura, su richiesta del sultano di Fez, dei suoi ricordi di viaggio.

 

Si tratta infatti di ricordi conservati per quasi trent’anni nella sua memoria non avendo nel corso di un così lungo periodo, mantenuto diari, lettere o appunti. Tutto affidato alla sua memoria, sollecitata anche da altri resoconti di viaggio e da quanto il suo colto scrivano Ibn Yuzayy poeta andaluso, aggiunse a sua discrezione.

 

Nei suoi racconti, conosciuti come “Il Viaggio” (al-Rihla), si condensano, quindi, esperienze di altri, che se pur non prive di attendibilità, lasciano su parte della sua opera un vago alone di immaginazione. Tali narrazioni, venute casualmente  e frammentariamente a conoscenza dell’occidente nel corso del XIX secolo, contribuiscono comunque ad arricchire la conoscenza di ampie aree geografiche e di culture secolari del XIV secolo.

 

Fabrizio Fattori

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Santa Lucia, il tragico destino del ''Tram di Ponza''

Affondato il 24 luglio 1943 da un aereo inglese

Costruita nel 1912 dai cantieri del Tirreno di Ancona per la Compag...

La mania dei tulipani

Dal 1636 i bulbi vennero scambiati in borsa

La storia del tulipano affonda le radici non in Olanda, bensì...

Kodachrome Kastelorizo

di Francesca Carignani - Foto di Giovanni Rinaldi

Arrivare a Kastelorizo a distanza di 24 anni dalla prima volta &egr...

Il naufragio del Meduse, 1816

di Fabrizio Fattori

La fregata “Meduse” prese il largo, insieme ad alt...

Barletta: cronaca di una cittÓ invisibile ma disastrata

di Nicola Palmitessa

Tifo per l’Italia, oggi più di prima, perché um...
Turismo e ormeggi
Area marina protetta di Capo Caccia - Isola Piana (SS)
Siamo nella costa ovest, vicino ad Alghero, nell’ampia insenatura di Porto Conte, che va dalla rocciosa penisola di Capo Caccia, sino a Capo Galera, di fronte ci sono le isole Piana e Foradada.    I fondali sono ricchi di c
Fonte: Nur on-line e Nautica Report
Titolo del: 21/06/2021 06:30

© Copyright 2011-2021 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI