I marmi ''Elgin'' strappati alla Grecia ed al suo Mare - Report - NAUTICA REPORT
Report / I marmi ''Elgin'' strappati alla Grecia ed al suo Mare
I marmi ''Elgin'' strappati alla Grecia ed al suo Mare

I marmi ''Elgin'' strappati alla Grecia ed al suo Mare

di Fabrizio Fattori

Nel 1687 il Partenone venne sventrato dall’esplosione della santa barbara turca colpita, improvvidamente, da una granata veneziana.

 

La frammentazione delle incomparabili opere d’arte che lo abbellivano furono il presupposto per quello che ancora oggi è considerato un ulteriore atto vandalico subito dal tempio maggiore dell’acropoli ateniese.

 

Nel 1802 il conte di Elgin si dedicò allo studio delle opere  residue  repertoriandole con appositi disegni ed effettuando calchi. Successivamente, costatando che alcune delle sculture frammentate venivano ridotte in calce riuscì, ad avere una discussa autorizzazione dalla “Sublime Porta” di acquistare per quanto possibile sculture del Partenone, del Tempio di Atena Nike e di altre costruzioni dell’acropoli come l’Eretteo.

 

  

 

7th Earl of Elgin by Anton Graff around 1788

 

Alleggerite di ulteriore materiale marmoreo, ulteriormente frammentate ed imballate in sedici casse vennero imbarcate sul brigantino “Mentor” destinazione Londra. Il brigantino venne colto da un’improvvisa tempesta ed a stento fece rotta verso Citera per trovarvi rifugio, ma nella complessa manovra di attracco urtò le rocce ed affondò.

 

Il relitto si adagiò su di un fondale di diciotto metri con tutto il suo carico. Iniziarono i tentativi di recupero portati avanti dagli italiani della Spezia dell’esperto Menachini che con la sua nave “Speziot” e l’ausilio della “Victorieuse'' fallì il tentativo di recupero dell’intera nave e di tutto il suo carico.

 

Furono gli abili tuffatori di Samo ad effettuare il recupero delle sedici preziose casse. Occorsero due anni per completare l’operazione ed i marmi rimasero sulla spiaggia di Aulemono sotto stretta sorveglianza armata per tutto questo tempo esposti alla variabilità meteorologica.

 

Nel 1816 vennero venduti al British Museum. La vendita non consentì ad Elgin di recuperare le ingenti spese affrontate, ma questo non lo indusse a cedere a Napoleone i marmi malgrado la più vantaggiosa offerta.

 

Oggi rappresentano una delle principali attrazioni del Museo e sono esposte in uno spazio a loro dedicato nella sala “Duveen” in ricordo di Joseph Duveen spregiudicato mercante di opere d’arte del secolo scorso, che contribuì ad arricchire  le collezioni e i musei americani con la pittura europea dei secoli XVI e seguenti,... naturalmente impoverendo le proprietà locali.

 

Fabrizio Fattori

 

In copertina foto di Graham Hobster da Pixabay 

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Reginald Aubrey Fessenden, la determinazione delle proprie idee

di Fabrizio Fattori

La storia è piena di geni incompresi, capaci di avere idee t...

Norbert Casteret dalle vette alle grotte

di Fabrizio Fattori

Perlustrare cavità sotterrane, spesso allagate, è for...

La guerra delle perle

di Fabrizio Fattori

Il fascino delle perle è stato subito per millenni da tutto ...

I bastimenti dell'emigrazione italiana

Milioni d'italiani alla ricerca di fortuna

Furono molti i bastimenti che trasportarono nei loro viaggi transoc...

Istanbul e il suo porto

Una città carica di storia e brulicante di vita

"L'enormità di quelle tre città scaglionate,...
Turismo e ormeggi
Area Marina Protetta Secche della Meloria (LI)
L'Area Marina Protetta Secche della Meloria, si trova nel bacino nord occidentale del Mediterraneo ed è situata a 3 miglia dalla costa livornese.
 
  La Torre della Meloria, da sempre meta delle gite d
Fonte: parks.it e Nautica Report
Titolo del: 25/09/2021 07:40

© Copyright 2011-2021 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI