Ferragosto degli anni '60, come oggi: ''Tutti ar mare!'' - Report - NAUTICA REPORT
Report / Ferragosto degli anni '60, come oggi: ''Tutti ar mare!''
Ferragosto degli anni '60, come oggi: ''Tutti ar mare!''

Ferragosto degli anni '60, come oggi: ''Tutti ar mare!''

La scelta mai cambiata degli italiani di preferire il mare alla montagna

Era l’abitudine degli italiani, quelli che preferivano il mare alla montagna. Ed erano tanti.
 

Negli anni ’60 di un ferragosto qualunque, in spiaggia, un tripudio di bikini fantasia tipo Positano, coppe a balconcino e sgambatura casta, talvolta con una specie di grembiulino davanti, vedo-non vedo delle brave figlie di mammà.



 

Riccione anni 60 -  (Foto di Pico Zangheri)

 

I  tamburelli e il loro tam tamIl juke-box che suona Mare contro mare, sfida balneare della tv unica e indivisibile, come l’Italia e Gianni Morandi canta. E poi le pinne, il fucile, gli occhiali, il mare che sarà pure una tavola blu, ma… ormai è l’una passata, e la sola tavola che si vede in giro è quella da camping, imbandita per il pranzo; sedie pieghevoli e tovaglia a scacchi bianchi e rossi.
 

La birra della tedesca spumeggiante non è ancora popolarissima, così lo sciabordio di vino e gassosa regna sovrano. Si mangia. Timballo, imperatore incontrastato del pantagruelismo ferragostano. Ma c’è anche la frittata di pasta e le cosce di pollo. Nell’afa estiva si consuma il rito delle poche famigliole scampate a gite in montagna, poi il  cocomero nell’acqua. Il 15 d’agosto gli italiani stanno al mare, e lì mangiano come a casa, altro che pizzette.



 

Solvi Stubing testimonial della birra Peroni negli anni 60

 

C’è anche qualche straniero, per lo più formato da coppie attempate tedesche, che sembrano di un altro pianeta. Sandali spartani e calzini bianchi. Il mito precipita. I giovanotti – capello appiccicato e costume ascellare col pettine infilato dietro – si domandano dove siano finite le svedesi doc, belle, alte, bionde e che dicono sempre sì.
 

Forse a Rimini, chissà. La riviera romagnola, quella sì che è vita… Intanto qui, sulla spiaggia nostrana, tocca decodificare il timballo in lasagna, per farsi capire dai turisti del nord, ectoplasmi con la pelle diafana e molliccia che il sole lo vedono si e no tre giorni l’ anno. Mica come gli indigeni, faccia di cartone raggrinzito abbronzata pure d’inverno.



 

Rimini anni 60

 

E anche sotto l’ombrellone arriva il cocomero, bollente come al solito, perché il mare, come il ruscello, non rinfresca un bel niente. E’ un brodino, il mare. Filtrato e sgrassato, pulito e limpido. Comunque un brodino, dal quale sembrano fuggire cavallucci e stelle marine, che negli anni ’60 ci sono davvero e quelli arenati sulla riva te li porti a casa come un trofeo salmastro.
 

Il pasto di ferragosto prevede l’inevitabile pennica all’ombra, con il preciso compito di allontanare, dopo tale simposio, lo shock cardiopatico. I ragazzini giocano al bigliardino e leccano il ghiacciolo, le ragazzine giocano a chiodo sulla sabbia, sotto l’ombra. Chi riesce a sfuggire al controllo dei genitori prepara la pista per le biglie, allisciando la sabbia assolata col secchiello pieno d’acqua.



 

Il biliardino

 

I più piccoli si impegnano per quasi tutta la mattina con secchielli e palette per fare castelli con la sabbia nel bagnasciuga.Fra gli ombrelloni passa il progenitore dei vu’ cumprà, che in quegli anni era italianissimo, col vassoio di pizzette, bombe e ciambelle zuccherate.

 

Durante il bagno pomeridiano si affondano le mani nella sabbia e si tirano su telline e cannolicchi, per la cena. Ce n’erano allora. 
 


 

Tramonto a Riccione

 

La giornata finisce con la passeggiata sul molo, a guardare la rete del trabocco calare lenta nell’acqua e risalire con un po’ di pescetti.

 

Al chiarore della luna quel ragno di mare sembra una magia, e forse lo è. Appena scalfita, qualche anno dopo, dal rumore delle palline clic clac che trapanano i timpani. E già risuonano gli anni ‘70.
 

Titolo del:

Tags

ferragosto italiano, il sorpasso, anni sessanta, spiagge, vacanze al amre anni 60
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Genuensis ergo mercator

di Fabrizio Fattori

L’abilità  mercantile dei genovesi affermatasi ne...

Leros. L'isola a cui chiedere perdono

di Francesca Carignani - Foto di Giovanni Rinaldi

La dolce Leros. Sempre trascurata nei nostri viaggi. Punto di sosta...

HMS Belfast e il convoglio artico

di Tealdo Tealdi

Non sono molte le navi militari partecipanti alla II° Guerra Mo...

Flavio Gioia, il ''Mai nato''

Sarebbe stato nella tradizione il perfezionatore della bussola magnetica

Flavio Gioia sarebbe stato nella tradizione un navigatore e invento...

Kodachrome Kastelorizo

di Francesca Carignani - Foto di Giovanni Rinaldi

Arrivare a Kastelorizo a distanza di 24 anni dalla prima volta &egr...
Turismo e ormeggi
Paola (CS) Città di San Francesco
Paola è un comune in provincia di Cosenza in Calabria.    È principalmente conosciuta per aver dato i natali a San Francesco di Paola ed ospita il Santuario del Santo, centro dell'ordine dei frati minimi.
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 25/08/2019 07:10

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI