Dal lago al Mar Nero. Il diluvio - Report - NAUTICA REPORT
Report / Dal lago al Mar Nero. Il diluvio
Dal lago al Mar Nero. Il diluvio

Dal lago al Mar Nero. Il diluvio

di Fabrizio Fattori

La terra ha impiegato milioni di anni a stabilire un, per altro ancora oggi precario, equilibrio tra terre emerse e masse d’acqua. E di questo millenario lavorio l’uomo ha ancora memoria nelle sue più remote vicissitudini.

 

Alla fine degli anni novanta venne pubblicato un libro ''Il diluvio'' (Pitman & Ryan) dove l’esperienza del diluvio universale, repertoriata dalla Bibbia e da altre antiche scritture, era da mettere in relazione a quanto avvenuto nell’area del Mar Nero circa 7.500 anni fa.

 

L’evoluzione dell’Oceano Paratetide ha lasciato nell’area euro asiatica alcuni laghi, dal Balaton al Caspio al lago d’Aral al Mar Nero e quest’ultimo vide il suo destino di lago d’acqua dolce mutarsi in mare aperto. L’ultima era glaciale aveva iniziato ad evolversi 12.000 anni fa e con lo scioglimento dei ghiacci il livello dei mari si era progressivamente elevato fino a raggiungere soglie critiche nell’area del Mar di Marmara e dello stretto dei Dardanelli.

 

La particolare conformazione orografica mise sotto pressione la massa d’acqua proveniente dall’area mediterranea che si riversò violentemente nel lago elevandone il livello di parecchi metri e costringendo le numerose popolazioni rivierasche ad un esodo epico.

 

Le acque salate, più dense, si stratificarono sul fondo, lasciando in superficie una fascia di acqua salmastra più leggera che, stante anche la scarsa mobilità tra i due strati, rese le profondità prive di ossigeno e di vita. La datazione di questo fenomeno è stata convalidata dalle ricerche effettuate su resti di molluschi recuperati dai fondali che attraverso la datazione al radiocarbonio hanno dimostrato i tempi della trasformazione delle acque ed il conseguente evolversi delle specie.

 

Ulteriori ricerche hanno localizzato l’antica linea di costa a 150 metri dalla superficie attuale, confermata anche da un’ampia fascia di pietrisco rotondeggiante, e configurato il fenomeno del travaso delle acque come una cascata violenta durata ininterrottamente per diversi mesi, paragonabile, in termini di portata, a duecento cascate del Niagara.

 

Le popolazioni non ebbero il tempo di pianificare l’abbandono delle loro case o il recupero dei loro beni, stante il rapido crescere della linea di costa (più di un chilometro al giorno), e queste vestigia costituiscono un’importante riserva di conoscenza archeologica insieme ai reperti di diversi naufragi di varie epoche in buono stato di conservazione dovuto all’assenza di ossigeno degli stati profondi e quindi all’assenza di microorganismi demolitori.

 

Fabrizio Fattori

 

In copertina Il Diluvio, di Francis Danby1840Tate BritainLondra

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

William Dampier, il pirata ''Naturalista''

William Dampier è stato un pirata, esploratore ed osservatore scientifico ingles...

Lisbona, la CittÓ della Luce

Un susseguirsi di colori, dal mare alle case...

Lisbona entra nel cuore. Uno dei figli più illustri del...

Occhio e malocchio nel 'porto di Torlonia'

di Manuela Revello

Il rilievo del cosiddetto "porto di Torlonia" (propriamen...

La progettazione nautica secondo Jack Laurent Giles

di Giovanni M. Isopi

Jack Laurent Giles è stato uno dei più affermati prog...

Ostia Antica, una piccola Roma

di Giulio Galassi

Ostia trae il suo nome da Ostium, la bocca, cioè la foce del...
Turismo e ormeggi
Riserva Naturale della Foce dell'Isonzo (GO)
All'estremità settentrionale del mare Adriatico, dove sfocia il fiume Timavo, inizia una fascia litoranea caratterizzata dai bassi fondali e da una complessa struttura lagunare che, comprendendo Venezia, termina con il delta del fiume P
Fonte: parks.it e Nautica report
Titolo del: 25/10/2021 09:20

© Copyright 2011-2021 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI