Capodanno a New York, la storia della ''Ball Drop'' a Times Square - Report - NAUTICA REPORT
Report / Capodanno a New York, la storia della ''Ball Drop'' a Times Squar...
Capodanno a New York, la storia della ''Ball Drop'' a Times Square

Capodanno a New York, la storia della ''Ball Drop'' a Times Square

di Alessandro Tapparini

Ogni 31 dicembre da 114 anni a questa parte, New York ha festeggiato l’arrivo del nuovo anno a Times Square. Come sarà quest'anno ?

 

In tutti gli anni passati, applaudendo non tanto con il normale spettacolo pirotecnico che rallegra le piazze di ogni altra grande città del pianeta, bensì principalmente con la discesa per 23 metri di una sfera luminosa di oltre tre metri e mezzo di diametro, ricoperta da 2.688 triangoli di cristallo Waterford, lungo un'asta posta alla sommità dell'edificio One Times Square, New York ha celebrato il rito della Ball Drop.

 


 

The "ball drop"
 

Questo strano rituale risale al lontano 1907, quando la piazza (in realtà una sorta di grande crocevia, tra Broadway, la Settima Avenue e la 42esima Strada aveva da poco assunto il nome di Times Square e la sua nuova identità di epicentro della vita notturna newyorkese.

 

Fino al 1903 si chiamava Longacre Square e non aveva un ruolo molto rilevante nella vita della città. Il nuovo corso era scaturito quell’anno dalla inaugurazione dell’edificio che ospitava la nuova sede del quotidiano New York Times: l’editore, 

 


 

New York - Times Square

 

Alfred Ochs, era riuscito a convincere le autorità cittadine a ribattezzare la piazza in onore del giornale, ed aveva pensato di organizzarvi, sempre a fini pubblicitari, uno sfarzoso veglione “pubblico” dell’ultimo dell’anno, spodestando il tradizionale festeggiamento che sino ad allora i newyorkesi erano soliti tenere sempre sulla Broadway ma molto più a sud, a Downtown, vicino a Wall Street.

 

La trovata aveva avuto un gran successo e per i primi tre anni, sino al 1906, l’arrivo dell’anno nuovo era stato festeggiato lì con dei normali fuochi d’artificio. 
 

  

 

New York - Times Square 1907
 

Poi le autorità cittadine avevano vietato lo spettacolo pirotecnico, ed Ochs così per quel capodanno del 1907 si dovette inventare qualcosa d’altro.

 

Nacque così la bizzarra trovata della sfera luminosa sulla cima del palazzo che ospitava la sede del giornale (e che, a dirlo ora fa quasi tenerezza, all’epoca era il secondo edificio più alto della città).

 

Da allora la palla luminosa ha salutato l’arrivo del nuovo anno ogni anno - tranne che nel 1942 e nel 1943, quando le restrizioni nell’impiego della illuminazione elettrica imposte dalla Seconda Guerra Mondiale resero temporaneamente impossibile la sua accensione. In origine si trattava di una sfera di ferro e legno da 300 chili, sulla quale erano installate cento lampadine.

  

 

Alfred Ochs proprietario del New York Times

 

Poi, nel 1920 venne sostituita da una sfera di solo ferro ma molto più leggera, circa 180 chili; quindi nel 1955 da una di alluminio, da 68 chili, che durante gli Anni Ottanta venne modificata per farla assomigliare ad una mela.

 

Il capodanno del 2000 ha portato in dono la nuova sfera di cristallo ed il congegno completamente computerizzato, e quello del 2007 – il centennale del ball drop - la sostituzione delle tradizionali lampadine con le nuove luci al LED – ben 672 moduli in grado di emettere 16 milioni di sfumature cromatiche.

 

Anche quest'anno, causa covid, sarà limitata la presenza del pubblico ad un massimo di 15.000 persone contro una capacità di 53.000.

 

Alessandro Tapparini
 

Titolo del:

Tags

New York, Times Sqiuare, ball drop, cristallo Waterford, Alfred Ochs,
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Tramonto di un paradiso terrestre

di Fabrizio Fattori

Gli ampi arcipelaghi del Pacifico che vanno dalle Figi alle isole S...

La battaglia di Salamina - ''Meglio morire in piedi che vivere in ginocchio''

di Tealdo Tealdi

Il quadro, “La battaglia navale di Salamina” dipinto ne...

Il Madagascar isola felice

di Fabrizio Fattori

Questa appropriata definizione risale al XVII secolo ad opera dei v...

Santa Lucia, il tragico destino del ''Tram di Ponza''

Affondato il 24 luglio 1943 da un aereo inglese

Costruita nel 1912 dai cantieri del Tirreno di Ancona per la Compag...

Ferragosto degli anni '60, come oggi: ''Tutti ar mare!''

La scelta mai cambiata del mare alla montagna

Era l’abitudine degli italiani, quelli che preferivano il mar...
Turismo e ormeggi
Ravenna - Capitale del mosaico a vocazione marinara
È la città più grande e storicamente più importante della Romagna; il suo territorio comunale è il secondo in Italia per superficie, superato solo da quello di Roma e comprende nove lidi sul litora
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 19/08/2022 07:00

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI Privacy Policy Cookie Policy