Barbanera e la sua famigerata Queen Anne's Revenge - Report - NAUTICA REPORT
Report / Barbanera e la sua famigerata Queen Anne's Revenge
Barbanera e la sua famigerata Queen Anne's Revenge

Barbanera e la sua famigerata Queen Anne's Revenge

Uno dei pirati più famosi della storia

Edward Teach, noto come Barbanera fu un celebre pirata britannico che ebbe il controllo del Mar dei Caraibi per un breve periodo fra il 1716 e il 1718, durante la cosiddetta età d'oro della pirateria.

 

Anche se poco si sa circa la sua vita, si pensa che il pirata "Barbanera" sia nato a Bristol, in Inghilterra nel 1679 e morto a Ocracoke, 22 novembre 1718. Egli fu un marinaio su una nave corsara durante la Guerra di Successione Spagnola, nota in America come Guerra della Regina Anna, prima di stabilirsi nell'isola bahamiana di New Providence, base del capitano pirata Benjamin Hornigold, alla cui ciurma Teach si unì nel 1716.
 


 

Edward Teach inpersonato da Ray Stevenson nella fortunata serie TV Black Sails

 

Hornigold lo pose al comando di uno sloop che aveva catturato in precedenza, e i due si distinsero insieme in valorosi atti di pirateria. Il numero dei seguaci aumentò ulteriormente con la cattura di altre due navi da aggiungere alla flotta pirata, una delle quali passò poi in comando a Stede Bonnet, ma sul finire del 1717 Hornigold decise di ritirarsi dalla pirateria, prendendo con sé due vascelli a uso personale.

 

La Queen Anne's Revenge

 

Teach proseguì invece l'opera cominciata dal suo maestro e catturò un mercantile francese il Concorde che veniva impiegata per il commercio degli schiavi per la Francia, Teach lo rinominò Queen Anne's Revenge, equipaggiandolo con 40 cannoni. diventando così un rinomato pirata, il cui soprannome era derivato dalla sua barba lunga, nera e intrecciata che gli conferiva un aspetto inquietante assieme alle finte micce che si faceva accendere sotto il cappello a inizio di ogni battaglia per incutere terrore ai suoi nemici.

 

Egli formò così un'alleanza di pirati e bloccò il porto di Charleston, nella Carolina del Sud, passando poi a Beaufort, nella Carolina del Nord. Si divise la compagnia con Bonnet, stabilendosi a Bath Town, dove accolse il perdono che gli venne concesso da re Giorgio I d'Inghilterra.
 


 

Ben presto però riprese la via del mare e riuscì ad attirarsi le ire di Alexander Spotswood, governatore della Virginia. Spotswood raggruppò numerosi soldati e marinai per cercare di catturare il pirata, fatto che riuscì loro il 22 novembre 1718. Durante una feroce battaglia tra le due parti, Teach e molti altri marinai della sua ciurma vennero uccisi da un piccolo gruppo di marinai guidati dal tenente di vascello Robert Maynard.

 

Leader freddo e calcolatore, Teach preferiva all'uso della forza la possibilità di incutere terrore ai suoi nemici, facendo di sé un'immagine che è rimasta nell'immaginario collettivo. Al contrario delle moderne rappresentazioni che si fanno dei pirati, egli comandò i suoi vascelli con benevolenza nei confronti dei suoi uomini e non vi sono rapporti nei quali si dice che abbia mai maltrattato o ucciso uno dei suoi prigionieri. Il Barbanera venne romanticizzato dopo la sua morte e divenne una figura ispiratrice per molti film e racconti sulla pirateria.

 

La cattura di Barbanera

 

Il 20 luglio 1718 Barbanera rifiutò l'amnistia offertagli da Woodes Rogers, Governatore di Nassau e delle Bahamas. Il governatore della Virginia Alexander Spotswood ordinò al tenente di vascello della Marina inglese Robert Maynard di catturare Barbanera, vivo o morto.
 

  
 

La cattura di Barbanera

 

A bordo della nave da guerra Pearl, Maynard raggiunse Barbanera il 21 novembre del 1718, nell'insenatura di Ocracoke, e riuscì a ucciderlo dopo una sanguinosa battaglia. Si racconta che Barbanera non morì prima di aver subito 25 ferite, di cui 5 da arma da fuoco, e che il suo corpo fece tre volte il giro della nave prima di inabissarsi.

 

La testa mozzata del pirata venne infissa sulla punta del bompresso della Pearl. Nella sua carriera Barbanera aveva catturato quasi 140 navi. Alla sua morte aveva 38 anni.

Nel marzo 2007 i responsabili del Queen Anne's Revenge Shipwreck Project annunciarono l'intenzione di recuperare la Queen Anne's Revenge ma la nave si trova al largo delle coste della Nord Carolina e attualmente è coperta di coralli. Nel giugno 2011 è stata rinvenuta l'ancora, nel 2013 alcuni cannoni e continuano le sorprese dalla famigerata nave di Barbanera.

 

Leggi anche: Pirata Barbanera, un vero terrore dei mari

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Cantiere Valdettaro, 1917

Una gloriosa tradizione centenaria

Il Cantiere Valdettaro, fondato nel lontano 1917 a Porto Venere, ne...

La tratta degli schiavi nell'800

Il 1 gennaio 1863 Abramo Lincoln abolisce la schiavitù in America

Dalla fine del XVIII sec. nel sud degli Stati Uniti si svilupp&ogra...

Islanda, una saga infinita

di Fabrizio Fattori

Spesso il termine colonizzare apre a scenari di usurpazioni territo...

Il Mito delle Sirene

Come nacque questa leggenda di sempre?

Cominciamo con lo splendido mare che, secondo antichi confini, orla...

William Starling Burgess, ''Inquieto'' genio americano

Uno dei grandi dello yacht design americano

William Starling Burgess (25 dicembre 1878 - 19 marzo 1947) designe...
Turismo e ormeggi
Isola di San Sèrvolo (VE) - Dal dolore allo sviluppo culturale
San Sèrvolo (denominazione veneziana di San Servilio, martire dell'Istria, festa il 24 maggio), è un'isola della laguna di Venezia, collocata all’incrocio tra i canali dell’Orfano, di San Nicolò e del Lazza
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 16/05/2022 07:45

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI