Tommaso Spadolini svela il progetto di un nuovo 43 metri per un esperto armatore - News - NAUTICA REPORT
News / Tommaso Spadolini svela il progetto di un nuovo 43 metri per un e...
Tommaso Spadolini svela il progetto di un nuovo 43 metri per un esperto armatore

Tommaso Spadolini svela il progetto di un nuovo 43 metri per un esperto armatore

Nelle sue parole, il designer fiorentino descrive le richieste e il processo dietro lo sviluppo del design di un explorer in acciaio e alluminio.

 

“Il cliente europeo, già armatore di un motoryacht di 36 metri, desiderava qualcosa di più grande rimanendo però sotto i 45 metri di lunghezza fuoritutto. L’idea iniziale è nata da un mio precedente disegno, il 47 metri Aslec 4 costruito da Rossinavi nel 2012. Gli sono piaciuti il profilo esterno con la sua sovrastruttura ribassata, ma al tempo stesso aveva alcune specifiche richieste.

Prima di tutto, desiderava un pozzetto grande e aperto a poppa del ponte principale, che potesse essere riparato da tendalini. Nei primi schizzi si può notare come abbiamo scelto di enfatizzare quest’area con corrimano al posto delle murate rialzate, assicurando così una vista ininterrotta sul mare sia dal ponte aperto sia dal salone principale.

 

Oltre ad essere un segno distintivo del design, la grande scalinata di poppa porta ai due garage laterali. Poiché il cliente intende usare lo yacht per crociere a lungo raggio ed esplorazioni, desiderava tender di buone dimensioni e qui c’è lo spazio per due tender di 5,5 metri di lunghezza. Stiamo anche studiando la fattibilità di costruire una carena Ice Class.

L’armatore aveva poche richieste a proposito del layout interno, con una classica disposizione a quattro cabine ospiti sul ponte inferiore e l’armatoriale nella sezione anteriore del ponte principale, sfruttando appieno il baglio massimo. Desiderava inoltre che la propria cabina fosse ricca di luce naturale, ecco il perché delle finestrature estremamente grandi.

 

Poiché l’armatore preferisce trascorrere il suo tempo a bordo all’aria aperta o sul ponte principale vicino all’acqua, l’upper deck lounge sul bridge deck è confortevole ma di dimensioni ridotte.

 

 

Per quanto riguarda le linee esterne e il layout interno, il progetto è completo all’incirca al 70%. Dobbiamo iniziare con il design degli interni e il décor e attualmente stiamo sviluppando le specifiche tecniche preliminari.

 

Una volta completo, cercheremo il cantiere adatto a realizzarlo. Consideriamo tutte le opzioni e la decisione finale sarà naturalmente del cliente, ma essendo italiano sarei ovviamente felice se lo yacht fosse costruito in Italia!”

 

About Tommaso Spadolini

 

Lo studio Tommaso Spadolini ha celebrato 40 anni di attività nel 2018.

Architetto e designer - Tommaso Spadolini è uno dei più qualificati rappresentanti delle eccellenze culturali Italiane e proviene da una famiglia fiorentina di architetti; il padre, Pier Luigi, a partire dagli anni ’60 è stato autore di diversi progetti di imbarcazioni, tra le quali la celebre serie Akhir dei Cantieri di Pisa. 

Timeless classic - questa la definizione più internazionale dello stile Spadolini. Linee pulite, essenziali, sobrie e senza tempo, volte a creare un design al servizio della funzionalità che nasce dalla continua interazione con l’armatore. Interazioni che nella maggior parte dei casi si sono ripetute fino a fidelizzare i clienti nel corso degli anni, diventando rapporti personali e di lungo respiro. Progetti dedicati ad una committenza di alto livello, sensibile ed esigente, come il Fortuna progettato per la Famiglia Reale spagnola, il primo yacht a superare i 70 nodi di crociera, oppure Nina J, 42 metri - vincitore del World Yachts Trophies nel 2006 a Cannes. Risale al 2011 Numptia, il 70 metri costruito da Rossinavi che vince i World Superyacht Awards nel 2012.

Un design al servizio della funzionalità - stilema riconoscibile in ogni progetto Spadolini, elaborato negli anni, dall'esordio con Canados, lunga collaborazione che ha visto nascere oltre 100 barche, sino al Don Giovanni di Aprea selezionato per il Compasso d’oro. Tommaso Spadolini ha realizzato progetti per molti cantieri che fanno parte della storia dell’industria nautica: Cantieri di Pisa, Barberis, Alalunga, Baglietto, Codecasa, Rossinavi. Tra le molte altre collaborazioni con cantieri internazionali di primaria importanza, la progettazione degli interni per i primi due 80' Wally di Luca Bassani e per Bao Bab, il primo motoryacht dei cantieri inglesi Camper&Nicholson. 

La profonda conoscenza del mare e dei segreti della navigazione, raggiunta grazie anche alla sua grande esperienza come velista e regatante, unita a un personalissimo estro creativo, segna con forza la progettazione di Tommaso Spadolini e del suo studio. Capace di indicare nuove strade e nuovi trend, è stato il primo progettista a intuire che l’aumento dei volumi interni avrebbe rivoluzionato l’intera industria dei superyacht. 

Tantissimi i riconoscimenti internazionali: tra questi il The World Superyacht Awards 2017 e lo Showboat Design Awards 2017 per il 35m Otam Gipsy.  

 

PRESS OFFICE / SAND PEOPLE COMMUNICATION

Alice Paniccia

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Primo giorno di regate a Crotone per il Campionato Italiano Vela d'Altura 2019

Prima prova in acqua per il Campionato Italiano Assoluto di Vela d'Altura 2019 &nda...

Vela: disputata a Mandello del Lario la Alfio Cup, quarta tappa della Classe Dinghy 12'

Quarantuno Dinghy 12’ a Mandello del Lario per l’ottava edizione della Alfi...

Azzurra vince una prova e sale in seconda posizione

Giornata positiva per Azzurra nelle acque portoghesi di Cascais, dove è in corso...

Diego e Max Testa, padre e figlio, all’assalto del Campionato Italiano Endurance 2019

Napoli, 17 Luglio - Comincerà sabato prossimo, 20 luglio, l’avventura del ...

Il Cantiere austriaco Frauscher al Cannes Yachting Festival 2019

Il cantiere rinnova la sua presenza al Salone Nautico di Cannes 2019, dove saranno espo...
Turismo e ormeggi
Isola di San Secondo (VE) - Forse il recupero...
San Secondo è un'isola della Laguna Veneta. Sorge tra San Giuliano e Venezia ed è facilmente individuabile in quanto si trova a soli 114 m a sinistra del Ponte della Libertà per chi va verso Venezia.   Inizial
Fonte: wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 18/07/2019 06:15

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI