Baglietto, un sogno sul mare. 1854 -1983 - News - NAUTICA REPORT
News / Baglietto, un sogno sul mare. 1854 -1983
Baglietto, un sogno sul mare. 1854 -1983

Baglietto, un sogno sul mare. 1854 -1983

Genova, 20 febbraio 2018

Dal 7 aprile al 1 maggio 2018 presso la Sala delle Compere di Palazzo San Giorgio a Genova si terrà la mostra Baglietto, un sogno sul mare. L’idea è partita dall’arch. Emanuela Baglietto, figlia di Pietro Baglietto ultimo proprietario dell’attività di famiglia assieme al cugino Giampiero, architetto partner del Renzo Piano Building Workshop vuole essere un omaggio alla storia del cantiere.
 
La mostra a cura di Emanuela Baglietto con la consulenza per la ricerca storica dell’architetto Piero Maria Gibellini ripercorre le tappe fondamentali della storia dei cantieri Baglietto dalla loro fondazione nel 1854 con piccoli gozzi passando attraverso i primi motoscafi da diporto e da corsa, le barche a vela, i record di velocità e le vittorie delle regate nazionali e internazionali, le imbarcazioni militari e sperimentali, le innovazioni tecnologiche, le barche per clienti ed armatori d’eccezione, fino a rappresentare l’eccellenza italiana nel design e nella nautica.
 
 
La mostra organizzata dall’Associazione Culturale Pegli Live in collaborazione con l’Associazione Varagine e la società Fast&Events e realizzata con la partecipazione dell’attuale proprietà Baglietto nel ruolo di main sponsor è strutturata per temi che ripercorrono le tappe fondamentali della produzione. Vengono messi in evidenza la ricerca di tipo scientifico-tecnologico e l'abilità degli uomini che hanno contribuito nei diversi periodi della storia alla realizzazione di questo sogno sul mare e a una storia imprenditoriale unica e inimitabile. Attraverso l’allestimento la storia del cantiere si racconta per immagini e progetti descrivendone l’evoluzione dai primi scafi prodotti dai maestri d’ascia fino alle barche moderne frutto delle più sofisticate tecnologie.
 
Il progetto espositivo realizzato in collaborazione con l’arch. Matteo Orlandi è costituito da una struttura leggera di aste in legno lamellare, una sorta di mikado a supporto di fotografie storiche e disegni nautici che sembrano sospesi nell’aria e da una serie di tavoli con modelli d’epoca. Gran parte delle fotografie è stata messa a disposizione dall’Archivio di Varagine.it che ha raccolto nel tempo le fotografie dei cittadini di Varazze e delle loro esperienze.
 
Partner istituzionale della mostra è l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale che ospita la mostra presso la sua sede di Palazzo San Giorgio; partner culturali sono il MU.MA e il Museo del Mare. Si stanno inoltre coinvolgendo le altre principali istituzioni e associazioni territoriali e del settore.
 
La mostra sarà visitabile a partire dal 7 di aprile con apertura dal martedì alla domenica in orario continuato dalle ore 10.00 alle ore 19.00.
 
Il 6 aprile si terrà l’evento inaugurale, riservato su invito a sponsor, partner, promotori e ospiti.
 
 
Per maggiori informazioni
 
Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Wilsons Promontory adventure builds confidence for Port Phillip Bay Riviera owners

Looking back at some of our classic Riviera adventures, we remember earlier last year w...

Charter e navigazione sicura grazie al Consorzio Marine della Toscana

“Banchina Sicura” in tutti i porti e marine associate per 2.500 posti barca

Vacanze in tranquillità in charter e navigazione in sicurezz...

Assonautica Italiana - Venezia: il rilancio parte anche dalla nautica. Varata oggi una barca in legno elettrica

La scure che si è abbattuta su Venezia a causa del lockdown per il covid-19, ved...

Da Monte Carlo Yachts il nuovo MCY 76 Skylounge

Conto alla rovescia per il lancio del MCY 76 Skylounge, secondo modello della coll...

La Soprintendenza del Mare in collaborazione con la Guardia di Finanza e BCsicilia recupera un’ancora di epoca ellenistico-romana

Nei fondali di San Vito Lo Capo, nel Trapanese, la Soprintendenza del Mare, in collabor...
Turismo e ormeggi
La Riviera del Brenta con le sue Ville (PD)
Le splendide dimore sul fiume che collegava Venezia a Padova
Lungo l'asta del fiume Brenta, vero e proprio cordone ombelicale che collegava Venezia alla Riviera e alla colta Padova, sorgono le splendide ville circondate da parchi che hanno reso famosa questa verde località. &n
Fonte: turismovenezia.it - Nautica Report
Titolo del: 01/06/2020 07:10

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI