Fuoribordo Suzuki portatili: leggeri e tecnologici - Motori marini - NAUTICA REPORT
Motori marini / Fuoribordo Suzuki portatili: leggeri e tecnologici
Fuoribordo Suzuki portatili: leggeri e tecnologici

Fuoribordo Suzuki portatili: leggeri e tecnologici

- Fuoribordo Suzuki, nello specifico i pesi piuma e leggeri, ovvero la gamma che include modelli portatili e trasportabili
 
- #SuzukiSmartBuy: fuoribordo Suzuki portatili DF2.5 e DF4/5/6A
disponibili sull’e-commerce shop.suzuki.it/marine/fuoribordo
 

Il range di potenza in questione, per ciò che concerne la gamma fuoribordo Suzuki, va dal Suzuki DF2.5 al Suzuki DF20A ovvero motori in grado di spingere piccoli natanti, anche quelli a vela, tutti conducibili senza patente nautica e dunque adatti per chi si vuole avvicinare all’esperienza del diporto. Spesso, però, sono utilizzati anche come motori ausiliari o di rispetto per barche più grandi e molto di frequente, sono scelti dai pescatori sportivi che si cimentano nella traina, specialità che si esercita con la barca a lento moto, velocità per le quali sono sufficienti potenze contenute. Non ultimo è l’utilizzo di questi motori per spingere gli yacht tender, scafi di servizio indispensabili per spingersi fino sotto costa, là dove, per questione d’ingombri e di pescaggio, un’imbarcazione di taglia grande non può arrivare.

 

Insomma, c’è tutto un mondo di utilizzi specifici che rendono anche i fuoribordo più piccoli degni della massima attenzione in quanto fondamentali per il pieno godimento di un’imbarcazione.
 


 

Suzuki propone 9 modelli a listino studiati per rispondere a qualsiasi necessità dell’utente e della sua imbarcazione: di base ciascuno è disponibile nella versione con gambo standard o lungo, per poter essere installato su specchi di poppa di altezze differenti. Disponibili nella maggior parte dei casi in doppia livrea: Nebular Black o Cool White (DF6A, DF9.9B, DF15A e DF20A).

 

Il Suzuki DF2.5, con i suoi 13,5 kg, è il peso piuma assoluto della gamma. Monocilindrico di 68 cc., due valvole per cilindro, pur nella sua semplicità non deve però essere definito un fuoribordo privo di dotazioni tecniche degne di un motore di categoria superiore. Il DF2.5 presenta caratteristiche come il sistema di raffreddamento ad acqua, tramite pompa, la regolazione dell’assetto in quattro posizioni e una timoneria a barra, che consente una fine regolazione della sensibilità, in modo da potersi adattare alle abitudini di ciascun armatore. L’avviamento è manuale e il sistema d’accensione è digitale CDI (Capacitor Discharge Ignition). Il Suzuki DF2.5 viene spesso utilizzato per motorizzare piccoli tender, dinghy o piccole imbarcazioni a vela. I suoi consumi ridottissimi giustificano la presenza di un piccolo serbatoio della benzina da 900 cc integrato nel motore.

 

Motore 4 Tempi monocilindrico da 138 cc. Questo il cuore, l’unità termica che equipaggia altri tre fuoribordo portatili della gamma Suzuki, accomunati anche nel peso che è di soli 23,5 kg. Stiamo parlando dei DF4A, DF5A e DF6A, rispettivamente di 4, 5 e 6 HP di potenza, anch’essi in grado di consumare davvero poco – il serbatoio del carburante, da 1 litro è integrato nel motore. Fuoribordo che vantano diversi aspetti tecnici capaci di fare la differenza come il sistema di alimentazione e di lubrificazione, che permette di riporre il motore sui tre lati: destro, sinistro e frontale, senza doversi preoccupare di eventuali perdite di olio o carburante (cosiddetto “three way storage”). Operazione per altro facilitata dalla presenza di due comode maniglie, una frontale e una posteriore, che garantiscono una presa sempre ottimale. Il nuovo sistema di lubrificazione forzata si avvale di un passaggio supplementare per l’olio, realizzato per lubrificare in modo efficace la testa, l’albero a gomiti e le bielle. L’introduzione, inoltre, di un filtro olio su motori di simile taglia, oltre a rappresentare un’innovazione, incrementa notevolmente l’affidabilità e la durata dell’unità termica. Perfetti per spingere un tender, hanno anch’essi la timoneria a barra di sensibilità regolabile.
 


 

Grazie al programma #SuzukiSmartBuy, questi fuoribordo possono essere acquistati direttamente sul web store Suzuki Marine: 

shop.suzuki.it/marine/fuoribordo

 

La gamma dei fuoribordo acquistabili on-line è composta da: Suzuki DF2.5S e DF2.5L (colore Nebular Black); Suzuki DF4AS e DF4AL (colore Nebular Black); Suzuki DF5AS e DF5AL (colore Nebular Black); Suzuki DF6AS e DF6AL (colori Nebular Black e Cool White).

 

Questi fuoribordo godono di un apposito listino e-commerce IVA inclusa.

 

I prezzi indicati sono franco concessionario IVA inclusa, costi di PDI (Pre Delivery Inspection) e costi di installazione esclusi.

 

Dopo i pesi piuma, portatili, è quindi la volta dei pesi leggeri, i fuoribordo trasportabili che nella gamma Suzuki sono il DF8A e il DF9.9A, e i DF9.9B, DF15A e DF 20A.

 

I primi due, DF8A e DF9.9A, rispettivamente da 8 e 9.9 HP, derivano da uno stesso 4 Tempi di 208 cc, dove la cilindrata contenuta risponde ad una chiara scelta progettuale, finalizzata a offrire al diportista un fuoribordo quanto più compatto e leggero, che nella sua semplicità rientrasse entro la soglia dei 40 kg, 39 per l’esattezza nelle versioni a gambo corto. Bicilindrici, con due valvole per cilindro, hanno prezzi particolarmente contenuti tali da renderli la giusta scelta anche per chi vuole provare per la prima volta a vivere il mare dal mare, su un piccolo natante.

 

Un piccolo step di peso, 5 kg in più, accompagna l’utente Suzuki a varcare una soglia tecnologica diversa, che nell’ambito dei fuoribordo trasportabili è divenuta un vero e proprio riferimento per il mercato. Stiamo parlando del bicilindrico in linea di 327 cc, motore anche stavolta declinato in diversi livelli di potenza: DF9.9B, DF15A e DF20A. Al loro lancio sono stati i primi 4 Tempi equipaggiati con un innovativo sistema di iniezione elettronica del carburante, che non necessita della batteria per funzionare, in grado di offrire un avviamento facilitato e un notevole risparmio di benzina. In particolare il DF9.9B è anche il più piccolo dei fuoribordo Suzuki a essere dotato, come i fratelli maggiori, fino al top di gamma DF350A, del Lean Burn, ovvero del sistema a combustione magra di Suzuki. La potente centralina elettronica che lo governa è in grado di calcolare, istante per istante, in base delle condizioni di carico del motore, la percentuale di benzina necessaria alla combustione, mettendola in relazione alla percentuale di ossigeno, comburente, alimentando i cilindri con una miscela cosiddetta magra, ossia che utilizza meno carburante. Dunque, parchi nei consumi e più attenti all’ambiente rispetto a fuoribordo di pari caratteristiche. Sono molto apprezzati dai pescatori sportivi come motore ausiliare per la pesca a traina, dai velisti che li utilizzano per motorizzare daysailer e piccoli cabinati, oppure dai professionisti del mare, che ne fanno un uso continuativo, proprio per i loro bassi consumi. Possono essere richiesti anche in versione con gambo extra lungo.

 

Suzuki Italia SpA

Ufficio Stampa e PR Corporate

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

BRP interrompe la produzione dei motori Evinrude e stringe un accordo con Mercury

L'azienda canadese ha deciso di interrompere la produzione di motori fuoribordo, e ...

Suzuki DF150 e DF175: i fuoribordo di media potenza ad alte prestazioni

La potenza nei fuoribordo non è tutto. Poniamo l’accento sulle peculiarit&...

Proroga dei termini di garanzia dei prodotti Honda in relazione all’emergenza Covid-19

Desideriamo rassicurare tutti i possessori di un nostro prodotto la cui garanzia sia sc...

Honda Marine pronta a ripartire. Una nuova iniziativa commerciale per contribuire alla ripresa

Grazie anche all’impegno dei Concessionari Ufficiali aderenti, i clienti che dal ...

Evinrude: per i motori E-Tec 40 cavalli non è più necessaria la patente nautica

La revisione della norma è definitiva

Il Parlamento ha finalmente sbloccato la situazione in via definiti...
Turismo e ormeggi
Costa degli Infreschi e della Masseta (SA)
Viaggio in uno degli ultimi paradisi d'Italia
Siamo sulla costa che va dalla Torre dello Zancale (Marina di Camerota) a Scario nel Golfo di Policastro.   Macchia mediterranea, oliveti, vigneti, il tutto lambito da un mare che, secondo gli orari, assume gradazioni di verde diverse
Fonte: hermes.campania.it e Nautica Report
Titolo del: 30/05/2020 07:05

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI