Al via a Marina Cala dè Medici il corso per riparatore di imbarcazioni da diporto - Le professioni del mare - NAUTICA REPORT
Le professioni del mare / Al via a Marina Cala dè Medici il corso per riparatore di imbarca...
Al via a Marina Cala dè Medici il corso per riparatore di imbarcazioni da diporto

Al via a Marina Cala dè Medici il corso per riparatore di imbarcazioni da diporto

Rosignano Solvay, 29 gennaio 2018

Ha avuto inizio lunedì scorso, 22 gennaio, presso la sala conferenze Mistral del Porto turistico di Rosignano, il corso per “Manutentore, riparatore di imbarcazioni da diporto” facente parte del progetto di formazione strategica B.E.S.T. (Blue Economy and Strategic Training) della Regione Toscana per la professionalizzazione ed il rilancio dell’occupazione nel settore della nautica.
 
Il progetto è stato avviato in attuazione del Decreto Dirigenziale n. 13953 del 30/11/2016 e prevede la realizzazione di percorsi formativi per l’inserimento lavorativo, di percorsi e servizi personalizzati per la creazione di impresa e di interventi formativi a favore degli occupati.
 
Cala de’ Medici ha aderito in qualità di azienda partner sia per la messa in formazione dei propri dipendenti, sia per la realizzazione di stage previsti all’interno di 2 percorsi destinati a disoccupati: “Manutentore, riparatore di imbarcazioni da diporto” (ospitato presso la nostra sede) e “Tecnico della gestione dell’accoglienza ai passeggeri porti/diporti e dell’informazione e promozione dei servizi del porto turistico, porto passeggeri e del territorio locale”.
 
Nell’ambito della formazione per i dipendenti, il responsabile di banchina, il nostromo e tutti gli ormeggiatori del Marina Cala de’ Medici hanno frequentato nel mese di gennaio, presso il Porto, un corso di 40 ore che si è incentrato sull’inglese tecnico e sulla “Internazionalizzazione, innovazione della prassi organizzativa e nuovi strumenti di comunicazione”, finalizzato ad apprendere come operare per un miglior posizionamento dell’azienda nel mercato internazionale.
 
Per quanto riguarda la formazione alla quale hanno avuto accesso i disoccupati (i corsi sono interamente gratuiti in quanto finanziati con le risorse del POR FSE TOSCANA 2014 - 2020 e rientrano nell'ambito di Giovanisì (www.giovanisi.it), il progetto della Regione Toscana per l'autonomia dei giovani), oltre al corso per riparatore di imbarcazioni da diporto, attualmente ospitato dal Cala de’ Medici, come detto, è stato attivato anche un altro percorso, quello per “Tecnico della gestione dell’accoglienza ai passeggeri porti/diporti e dell’informazione e promozione dei servizi del porto turistico, porto passeggeri e del territorio locale”.
 
Al termine della parte teorica in aula, 176 ore per i manutentori e 286 per i tecnici dell’accoglienza, tutti icorsisti faranno uno stage presso le aziende partner, stage della durata di 176 ore per i manutentori e di 284 ore, più 30 ore di accompagnamento, per i tecnici dell’accoglienza.
 
Il Marina ospiterà, così, due stagisti che andranno ad affiancare il proprio personale. «Siamo molto felici di aver fatto la nostra piccola parte, aderendo al progetto, per favorire l’incremento dell’occupazione nel settore della nautica sul nostro territorio – commenta la Direzione PortualeA nostro avviso c’è bisogno di persone formate in maniera specifica per lavorare in questo settore, così come in ogni altro, solo che purtroppo spesso gli strumenti per poter fornire competenze specifiche mancano. Grazie a questo progetto, che unisce la parte teorica in aula ad uno stage sul campo, questo è possibile», conclude.
 
Paola Ribeiro Franci

Ufficio Comunicazione | Communication Office

comunicazione@marinacalademedici.it

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Donne marinaio

Quasi duemila le donne nella Marina Militare Italiana

Le donne marinaio - una categoria rara ma in aumento nei trasporti ...

Vincenzo Poerio entra a far parte di Tankoa Yachts

In seguito all’assemblea societaria che si è tenuta il giorno 25 febbraio,...

Assemblea di Fedepiloti - Ruoli e principi nel pilotaggio italiano

Assemblea Nazionale della Federazione Italiana Piloti dei Porti in programma nella sala...

Al via ''E-JOB', il progetto europeo per nuove professioni nello yachting italiano e francese

Il progetto è stato presentato a Viareggio dalla Provincia di Lucca e da Isyl

Favorire le opportunità di lavoro nell’economia de...

Seatec 2020: opportunità per i giovani al Seatec Career Day

I cantieri nautici alla ricerca di figure esperte in ingegneria e progettazione nautica

Nella prospettiva di incentivare l’incontro tra domanda e off...
Turismo e ormeggi
La Riviera del Brenta con le sue Ville (PD)
Le splendide dimore sul fiume che collegava Venezia a Padova
Lungo l'asta del fiume Brenta, vero e proprio cordone ombelicale che collegava Venezia alla Riviera e alla colta Padova, sorgono le splendide ville circondate da parchi che hanno reso famosa questa verde località. &n
Fonte: turismovenezia.it - Nautica Report
Titolo del: 01/06/2020 07:10

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI