Royal Yacht Bloodhound, 1936 - Barche e Navi d'Epoca - NAUTICA REPORT
Barche e Navi d'Epoca / Royal Yacht Bloodhound, 1936
Royal Yacht Bloodhound, 1936

Royal Yacht Bloodhound, 1936

OCEAN RACING YACHT

Il classico yacht da regata Bloodhound del 1936, di proprietà da 1960 di Sua Maestà la Regina e del principe Filippo, a bordo del quale il principe Carlo e la principessa Anna impararono a navigare, è stato acquistato da The Royal Yacht Britannia Trust nel 2010. Bloodhound di solito è in mostra accanto al Britannia a Edimburgo nell'ambito della Royal Exhibition Sailing.

 

Nei mesi di luglio e agosto, Bloodhound naviga a Oban, dove è disponibile per una veleggiata giornaliera, intorno alle isole occidentali, con l’equipaggio dei velisti del Britannia .
 


 

Il Principe Filippo appassionato velista

 

I membri della famiglia reale e in particolare il principe Filippo, sono sempre stati appassionati velisti. Il Principe Filippo aveva di proprietà Coweslip, progettato e costruito dal leggendario Uffa Fox. Tuttavia, come i bambini reali crescevano, il principe Filippo volle uno yacht più grande, con posti letto che avrebbero consentito di intraprendere crociere in famiglia.

 

Costruito nel 1936 dal famoso cantiere Camper & Nicholsons in Gosport, Bloodhound è stato uno degli yacht per regate oceaniche di maggior successo mai costruito, vinse decine di gare nel sud dell'Inghilterra ed ha attraversato l'Atlantico per competere anche in Bermuda.
 


 

Bloodhound - 1964

 

Bloodhound fu acquisito dalla Famiglia Reale nel 1962 e il principe Filippo ebbe co questa barca molto successo in competizioni come la famosa Cowes Week regata attorno all'Isola di Wight. Durante questa festa della vela Britannia ha ospitato non solo la famiglia reale britannica, ma i membri di altre famiglie reali e molti dignitari.
 

Durante la proprietà reale Bloodhound accompagnò Britannia nelle Western Isles, quando la famiglia reale ogni anno si godeva  l’unica vera vacanza in famiglia. Aveva un equipaggio permanente di tre marinai e uno Skipper discendente di Sir Francis Drake. È stato durante questi momenti felici che i giovani Royals hanno imparato a navigare su Bloodhound . Successivamente all’uso reale, Bloodhound  e il suo equipaggio furono messi a disposizione degli yacht club di tutto il paese per insegnare a migliaia di giovani come navigare.
 

 


Il Priincipe Carlo sul Bloodhound - 1965

 

Nel 1969 Bloodhound fu venduto dalla Famiglia Reale e ritirato dalle regate. Nel corso del tempo cadde inesorabilmente in rovina diventando quasi un relitto. Ma nel 2003 la barca, acquistata da Tony McGrail, un geometra velista e restauratore di yachts classici, nel corso dei tre anni e mezzo successivi, attraverso un importante refitting interno ed esterno è stata riportata alla  condizione originaria e originale. 

 

www.royalyachtbritannia.co.uk
 

Titolo del:

Tags

Bloodhound, Camper & Nicholsons, The Royal Yacht Britannia Trust, Royal Exhibition Sailing, principe Filippo, Famiglia Reale Inglese
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Zaca - Lo yacht ''Sogno'' di Errol Flynn

GOLETTA AURICA

Poche imbarcazioni a vela moderne sono circondate da mito e leggend...

Orion, 1910

GOLETTA AURICA

Sulvana, Pays de France, Diane. Sono alcuni dei nomi avuti in oltre...

Arcturus, 1930

GOLETTA AURICA

Costruito nel Maine nel 1930, è una delle nove imbarcazioni ...

Swala, 1969

SLOOP MARCONI O BERMUDIANO

Swala, che in lingua swahili significa gazzella, si è manten...

Naf, 1973

SLOOP MARCONI O BERMUDIANO

Naïf, costruita in tre strati di mogano lamellare su ordinate ...
Turismo e ormeggi
Termoli e il porto turistico (CB)
Il Marina di San Pietro è il nuovo porto turistico di Termoli recentemente realizzato a seguito dell’opera di ampliamento del vecchio porto. 
Nella citta' di Termoli si incrociano il 42º
Fonte: Nautica Report
Titolo del: 17/10/2019 07:20

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI