Mariette, 1915 - Barche e Navi d'Epoca - NAUTICA REPORT
Barche e Navi d'Epoca / Mariette, 1915
Mariette, 1915

Mariette, 1915

SLOOP MARCONI O BERMUDIANO

Argentario, Imperia, Porto Cervo, Cannes, St. Tropez, Palma: questi sono i luoghi dove di solito si può trovare il grande schooner blu mentre corre, sempre con tutte le vele in su, l'equipaggio pronto, lo skipper attento, il proprietario al timone. In effetti questo contrasta un po 'con l'idea attuale di golette come barche tranquille, da crociera ma senza grandi aspirazioni competitive.

 

Eppure, se torniamo alle origini, nonostante la probabile nascita di golette in Olanda intorno al 17 ° secolo, si trovano nel 19 ° secolo, sulla costa orientale degli Stati Uniti, intere flotte di golette correre ai banchi di Terranova, certamente non per piacere ma per arrivare prima nelle zone di pesca e quindi sui mercati.
 


 

Mariette all'Argentario

 

Ci sono state anche delle sfide sportive tra golette ampie e poco profonde, con sempre più estremità sottili e con una sempre maggiore spinta e superficie velica.

 

Se da un lato lo stimolo di velocità e le conseguenti esaperazioni di scafo e vele hanno portato in questi anni a rischiare la nave e l'equipaggio, hanno creato però le basi da cui i grandi designer americani hanno tratto le linee delle loro golette.

 

E non va dimenticato che nel DNA di questo progetto vi è l'orgoglio di aver creato un mito nella Cento GhineeCup: l'America, il primo vincitore nel 1851, era una goletta! Agli inizi del 20° secolo° Nat Herreshoff di Bristol, Rhode Island, attinse a tutto questo e per la sua esperienza di Coppa America ebbe sei unità vincenti.
 

  
 

Progettate una serie di belle golette, idonee alla navigazione, veloci per le corse, ma anche eleganti, al fine di meglio rappresentare l'alta posizione sociale dei loro proprietari.

 

Mariette era parte di questa flotta, insieme alla gemella Vagrant, di proprietà di Harold S. Vanderbilt. Costruita per Federico J.Brown, Mariette cambiiò proprietario e nome dopo dodici anni, questo destriero dei mari diventò Cleopatra's Barge. Il suo lungo periodo con questo proprietario, Francis K. Crowninshield, si concluse con la seconda guerra mondiale, quando la barca, requisita dalla Marina americana, fu utilizzata come nave guardacoste e poi venduta, iniziò un inevitabile declino che, dopo trent'anni di charter e vagabondaggi, la portò a rischaire la demolizione in un cimitero hulk nei Caraibi.

 

  
 

Mariette alla Pendennis Cup

 

La sua bellezza non passò certo inosservata all'inizio degli anni 80. Recuperata e portata in Italia, la goletta subì un primo restauro presso il Cantiere Beconcini di La Spezia: gran parte degli interni, tra cui la famosa pannellatura in noce originale nel salone che fu salvata in quanto in buone condizioni, mentre l'impianto diventò goletta trinchetta,

 

Vale a dire con vele di strallo al posto della parte randa di cappa anteriore, sicuramente più facile da maneggiare con una piccola troupe, ma molto meno bella di quella originale avanti e indietro.
 

  
 

Mariette all'Argentario

 

Notata e acquistata nel '94 dall'americano Thomas J. Perkins che già possedeva importanti navi moderne, ma che voleva misurarsi con i classici, Mariette tornò da Beconcini per il restauro finale.

 

Anche se lo scafo in acciaio sembrava essere stata poco colpito dalle sue molte vicissitudini, il ponte in teak su travi di metallo doveva essere completamente rifatto. I sistemi idraulici ed elettrici furono sottoposti a radicale ristrutturazione e si installarono due nuovi 150 HP Caterpillar.

 

L'attrezzatura di coperta, tutta in acciaio inox moderno, è fu rifatto in conformità con i dettami ei materiali del periodo. Tom Eaton, il capitano della Puritan, un'altra famosa goletta, fu impeganto nella supervisione di questo impegnativo restauro. Il lavoro di Eaton fu quello di controllare, tra le altre cose, il ritorno di Mariette al suo armo originale.

 

I disegni di Nat Herreshoff erano fortunatamente ancora esistenti, conservati presso il Massachusetts Institute of Technology. Sulla base di questi l'alberatura fu completamente rifatta da Harry Spencer, Isola di Wight, con l'utilizzo di douglas per gli alberi più bassi e bompresso e abete rosso per i picchi, antenne e tutto il lavoro in alto. Ratsey e Lapthorn fornirono le vele tutte fatte a mano in Dacron colore avorio creando i 750 metri quadrati di superficie propulsiva.

 

Gli interni di Mariette erano sempre stati piuttosto ben conservati, in modo che il restauro si limitò a riadattare filologicamente quanto era stato cambiato nel corso degli anni. Fu Charlie Wroe, l'attuale capitano, che mi portò a vedere questo meraviglioso salone a tutta larghezza, dove pannelli in noce capitonné, divani in pelle nella zona di lettura e sala da pranzo con camino.

 

La curva morbida della scala in mogano si unisce al canalone che porta alla cabina di navigazione, alle cabine doppie per gli ospiti e alla suite armatoriale. Qui, a differenza del resto della barca, la tonalità dominante è la luce: pannelli bianchi illuminano i due letti a muro, mobili in mogano, arredi d'epoca e bagno privato con vasca in legno. Lo studio del proprietario è adiacente ma separato.

 

Una cucina funzionale e poi, in sequenza, cabine per il capitano, per gli ufficiali e l'equipaggio. Per quanto riguarda la movimentazione e la logistica della goletta in regata, Charlie Wroe ha spiegato che le prestazioni dipendono sicuramente dal timoniere, normalmente Mr. Perkins, e dal capitano, ma un altro fattore importante è la sincronizzazione dell'equipaggio nelle complicate manovre di virata e strambata.

  

Argentario 2013

 

Con una brezza tesa e un mare calmo, per esempio all'Argentario o in Sardegna, Mariette offre un vero e proprio spettacolo di potenza: tutte le vele, 15 nodi, l'apoteosi della vela! Tuttavia, le rande da crociera (Mariette ha un set di 38 vele, comprese quelle da regata) possono essere ridotte per una navigazionepiù più tranquilla.

 

Entrando nel circuito classico Mariette ha trovato degni rivali in attesa di lei - Puritan, Altair, Aello, il ketch Thendara, The Lady Anne e Tuiga - e ha iniziato una felice stagione di corse, in cui la splendida goletta blu raggiunge sempre il podio o posizioni alte di classifica.

 

Scheda tecnica

 

Lunghezza ft:.

 

Lunghezza scafo: 

 

Lunghezza al galleggiamento:.

 

Larghezza:.

 

Pescaggio: 

 

Dislocamento: 

 

Motori:

 

Superficie velica:.

 

Designer: 

 

Builders:

 

Restauro:

42,06 m

 

32,9 m.

 

24,38 m

 

7.19 m

 

4.80 m.

 

183 tonnellate

 

2 x 150 HP Caterpillar Diesel

 

749,80 mq

 

NG Herreshoff

 

Herreshoff Manufacturing Company/1915

 

Cantiere Navale Beconcini/1995

 

Articolo di Lino Pastorelli tratto da: www.nauticalweb.com
 

Titolo del:

Tags

Herreshoff Manufacturing Company, Cantiere Navale Beconcini, banchi di Terranova, Cento GhineeCup,
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Solway Maid, 1940

CUTTER MARCONI O BERMUDIANO

Solway Maid, ultima costruzione del cantiere scozzese William ...

IV International Hannibal Classic: aperte le iscrizioni alle vele díepoca a Monfalcone

Aperte ufficialmente le iscrizioni alla IV edizione dell’International Hannibal C...

Skagerrak, 1939

YAWL MARCONI O BERMUDIANO

Questo yawl Marconi è stato sempre impropriamente associato ...

Nazgul of Fordell, 2008 - Spirit of Tradition Yacht

SLOOP MARCONI O BERMUDIANO

Nazgul è un personaggio de Il Signore degli Anelli, men...

Siris, 1925

GOLETTA AURICA

Varato per Sir Arthur Paget, questo 8 Metri Stazza Internazionale h...
Turismo e ormeggi
Viareggio Porto 2020: la porta dal mare della ''Regina di Versilia''
Da agosto 2019, iCare, società in “house providing” del Comune di Viareggio, gestisce l’Approdo Turistico La Madonnina e le banchine Ceina e Antonini.   L’Approdo è collocato nel cuore del distret
Fonte: Nautica Report
Titolo del: 12/08/2020 07:00

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI