L’acqua di superficie: uno studio trentennale - Scienza, Natura e Ambiente - NAUTICA REPORT
Scienza, Natura e Ambiente / L’acqua di superficie: uno studio trentennale
L’acqua di superficie: uno studio trentennale

L’acqua di superficie: uno studio trentennale

Di Fabrizio Fattori

Che il nostro pianeta continui a mutare il proprio aspetto è testimoniato puntualmente dalla cronaca e dagli studi di settore.

 

Terremoti, eruzioni, inondazioni, erosioni, frane, mutamenti climatici, e il non trascurabile e sconsiderato apporto antropico, hanno prodotto assestamenti e infranto equilibri nei delicati ecosistemi che caratterizzano la terra, innescando, conseguentemente, profondi cambiamenti nell’assetto socio politico e facendo pagare prezzi altissimi all’ambiente nel suo insieme.

 

E’ stato recentemente pubblicato un rapporto dal CCR (Centro di ricerca della commissione europea) su l’analisi di lungo periodo (1985 – 2015) sulla superficie terrestre dal quale si evidenzia che nel corso di questi ultimi trenta anni la superficie ricoperta d’acqua si è incrementata di 115.000 km2 e in circa 173.000 km2 è stato valutato l’incremento di terra.

 

L’analisi si avvale di una mappa mondiale sulle riserve d’acqua elaborata dalla Nasa e dall’ United States Geological Studio, dalla quale appare come il fenomeno sia variamente distribuito alle diverse latitudini e presenti un andamento fortemente squilibrato. Paesi come l’Afganistan e l’Iran hanno perso oltre il 50% delle loro acque di superficie, ma anche gli Usa e l’Australia  risentono del fenomeno.

 

Le cause sono molteplici, ma il principale accusato sembra essere il mutamento climatico che genera siccità che a sua volta, là dove possibile, stressa le risorse idriche a fini agricoli. Questi continui assestamenti andranno sicuramente ad esasperare lo squilibrio nella distribuzione di acqua utilizzabile per i bisogni dell’uomo già oggi fortemente iniquo.

 

Basti pensare che oltre il 50% delle acque di superficie si trova in Usa e Canada dove risiede il 5 % della popolazione mondiale (circa 400 milioni), mentre solo  il 10% delle risorse idriche è presente in Asia dove risiede il 60% della popolazione del pianeta (oltre 4 miliardi).

 

Alcune stime hanno individuato una quantità d’acqua compresa tra i 12.000 e i 14.000 km3 anno come sufficiente a soddisfare le necessità di vita dell’intera popolazione mondiale (2001). Questo dato ha subito un decremento nel corso degli anni e si ipotizza che nel 2025 l’uomo avrà a disposizione mediamente 5 m3 annui pro capite (circa 13 litri al giorno) dove alcune popolazioni africane ed asiatiche disporranno solo di 1,7 m3 procapite anno (circa 5 litri al giorno).

 

Analizzando questi dati e la sua innaturale distribuzione, si evidenzia come in un prossimo futuro la conflittualità planetaria avrà il suo perno sul possesso di risorse idriche, non a caso, già oggi, i fondi sovrani di molti paesi hanno dato luogo a massici acquisti di questa risorsa in altri paesi sottraendola alle popolazioni locali mettendo a repentaglio la stabilità sociale  ed innescando massicce migrazioni.

 

Fabrizio Fattori

 

Foto di copertina da Rinnovabili.it

 

Titolo del:

Tags

distribuzione dell'acqua sul pianeta, cambiamenti climatici, fabbisogno idrico mondiale, sicccità
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

È nato un nuovo vulcano nell'Oceano Indiano

di Andrea Piazza

A partire dal maggio dello scorso anno e per oltre 365 giorni, un l...

Le Best Practices: il Cold Ironing

di Felice Magarelli

Il settore marittimo-portuale contribuisce in maniera piuttosto mas...

Suzuki a Santa Margherita Ligure per l’iniziativa “A pesca di immondizia” 8° edizione del Suzuki & Save the green

Santa Margherita Ligure, 26 marzo 2019

- Pescatori, sub e diportisti tutti fianco a fianco per ripulire sp...

Mal di plastica come guarirne

Una barca di bottiglie da Rimini a Venezia

Il successo di questo materiale nelle sue molteplici funzioni ed us...

La guerra dell'acqua

di Fabrizio Fattori

Risorsa imprescindibile che produce con il mutare del clima, con l&...
Turismo e ormeggi
La Riviera del Brenta con le sue Ville (PD)
Lungo l'asta del fiume Brenta, vero e proprio cordone ombelicale che collegava Venezia alla Riviera e alla colta Padova, sorgono le splendide ville circondate da parchi che hanno reso famosa questa verde località. &n
Fonte: turismovenezia.it - Nautica Report
Titolo del: 26/06/2019 06:55

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI