L’acqua di superficie: uno studio trentennale - Scienza, Natura e Ambiente - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi
Ostuni (BR) - La Città Bianca
Ostuni è un comune della provincia di Brindisi in Puglia.   Detta anche Città Bianca, per via del suo caratteristico centro storico che un tempo era interamente dipinto con calce bianca, oggi solo parzialmente. Insieme a
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 24/03/2019 07:10
Scienza, Natura e Ambiente / L’acqua di superficie: uno studio trentennale
L’acqua di superficie: uno studio trentennale

L’acqua di superficie: uno studio trentennale

Di Fabrizio Fattori

Che il nostro pianeta continui a mutare il proprio aspetto è testimoniato puntualmente dalla cronaca e dagli studi di settore.

 

Terremoti, eruzioni, inondazioni, erosioni, frane, mutamenti climatici, e il non trascurabile e sconsiderato apporto antropico, hanno prodotto assestamenti e infranto equilibri nei delicati ecosistemi che caratterizzano la terra, innescando, conseguentemente, profondi cambiamenti nell’assetto socio politico e facendo pagare prezzi altissimi all’ambiente nel suo insieme.

 

E’ stato recentemente pubblicato un rapporto dal CCR (Centro di ricerca della commissione europea) su l’analisi di lungo periodo (1985 – 2015) sulla superficie terrestre dal quale si evidenzia che nel corso di questi ultimi trenta anni la superficie ricoperta d’acqua si è incrementata di 115.000 km2 e in circa 173.000 km2 è stato valutato l’incremento di terra.

 

L’analisi si avvale di una mappa mondiale sulle riserve d’acqua elaborata dalla Nasa e dall’ United States Geological Studio, dalla quale appare come il fenomeno sia variamente distribuito alle diverse latitudini e presenti un andamento fortemente squilibrato. Paesi come l’Afganistan e l’Iran hanno perso oltre il 50% delle loro acque di superficie, ma anche gli Usa e l’Australia  risentono del fenomeno.

 

Le cause sono molteplici, ma il principale accusato sembra essere il mutamento climatico che genera siccità che a sua volta, là dove possibile, stressa le risorse idriche a fini agricoli. Questi continui assestamenti andranno sicuramente ad esasperare lo squilibrio nella distribuzione di acqua utilizzabile per i bisogni dell’uomo già oggi fortemente iniquo.

 

Basti pensare che oltre il 50% delle acque di superficie si trova in Usa e Canada dove risiede il 5 % della popolazione mondiale (circa 400 milioni), mentre solo  il 10% delle risorse idriche è presente in Asia dove risiede il 60% della popolazione del pianeta (oltre 4 miliardi).

 

Alcune stime hanno individuato una quantità d’acqua compresa tra i 12.000 e i 14.000 km3 anno come sufficiente a soddisfare le necessità di vita dell’intera popolazione mondiale (2001). Questo dato ha subito un decremento nel corso degli anni e si ipotizza che nel 2025 l’uomo avrà a disposizione mediamente 5 m3 annui pro capite (circa 13 litri al giorno) dove alcune popolazioni africane ed asiatiche disporranno solo di 1,7 m3 procapite anno (circa 5 litri al giorno).

 

Analizzando questi dati e la sua innaturale distribuzione, si evidenzia come in un prossimo futuro la conflittualità planetaria avrà il suo perno sul possesso di risorse idriche, non a caso, già oggi, i fondi sovrani di molti paesi hanno dato luogo a massici acquisti di questa risorsa in altri paesi sottraendola alle popolazioni locali mettendo a repentaglio la stabilità sociale  ed innescando massicce migrazioni.

 

Fabrizio Fattori

 

Foto di copertina da Rinnovabili.it

 

Fonte: Nautica Report
Titolo del:

Tags

distribuzione dell'acqua sul pianeta, cambiamenti climatici, fabbisogno idrico mondiale, sicccità
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Mal di plastica come guarirne

Una barca di bottiglie da Rimini a Venezia

Il successo di questo materiale nelle sue molteplici funzioni ed us...

La guerra dell'acqua

di Fabrizio Fattori

Risorsa imprescindibile che produce con il mutare del clima, con l&...

Guardia Costiera: ''Cetacei, fai attenzione! 2.0''

Sanremo, 9 marzo 2019

Al via, con importanti novità, la seconda stagione della for...

GRRinPORT al lavoro per la gestione sostenibile dei rifiuti nei porti

Il progetto GRRinPORT (Gestione sostenibile dei rifiuti e dei reflui nei porti), f...

A Stromboli l’origine di tre grandi tsunami di epoca medievale

di Andrea Piazza

«Non si può pingere con pennello, né scrivere c...

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI