L'acqua del Re Sole - Report - NAUTICA REPORT
Report / L'acqua del Re Sole
L'acqua del Re Sole

L'acqua del Re Sole

di Fabrizio Fattori

La grande macchina idraulica (detta di Marly) ideata da Arnold de Ville e costruita, tra il 1681 ed il 1684, dai fratelli Rannequin e Paulus Sualem con l’ausilio di 1800 operai e l’impiego di tonnellate di materiale consentì  di rifornire le fontane e il castello di Versailles circa 6000 metri cubi d’acqua al giorno.

 

L’abbondanza d’acqua e la sua utilizzazione nelle spettacolari fontane che adornavano le residenze reali era un elemento fondamentale dell’ostentazione di potere della casa regnante, utile ad ammaliare quella nobiltà che era trattenuta a corte dalla costante ricerca di privilegi e riconoscimenti e che veniva posta in una dimensione onirica e ben lontana dai problemi del paese, fidelizzandone la presenza e sopendo eventuali fronde contestatrici. Fontane e giochi d’acqua costituivano il “gran divertissement”  della corte.
 


 

Un canale navigabile venne aperto a Versailles, per raggiungere il “Trianon”. Al privilegio della passeggiata sul Canal Grande provvedeva una vera flotta costituita da un Grande Vascello dotato di sei cannoni, armato dal conte di Langeron generale di marina a Tolone, una Galeotta dorata, una Galera, alcune scialuppe e due gondole affidate, quest’ultime, a quattro gondolieri veneziani. Una vera ciurma, tra ufficiali, marinai ed operai navali, era giornalmente a disposizione per le attività, alloggiata in un apposito quartiere chiamato la “Piccola Venezia”.

 

L’inverno il canale gelato consentiva passeggiate in slitta compresi gli inevitabili incidenti, come ci rimandano le cronache dell’epoca.

 

A Fontainbleau, altra residenza reale, le passeggiate in barca si svolgevano su tre canali, il cui utilizzo era sottoposto alle rigide regole gerarchiche della corte. Il Re ed i suoi familiari prendevano posto sul “Bucentauro” e navigavano sul canale centrale. Su i due canali laterali barche più piccole trasportavano la nobiltà minore. I canali lunghi parecchie centinaia di metri convergevano in un ampio bacino dove era possibile manovrare, contemporaneamente, a diverse imbarcazioni.

 

Queste mini crociere erano considerate molto piacevoli e per tanto molto ambite e consentivano, oltre a insperate contiguità con i reali, spettacolari visioni delle centinaia di fontane e giochi d’acqua che adornavano la reggia.

 

Fabrizio Fattori

 

Leggi anche: Dalla Senna a Versailles, la Macchina di Marly

 

Immagine di copertina da: www.baroque.it
 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Reginald Aubrey Fessenden, la determinazione delle proprie idee

di Fabrizio Fattori

La storia è piena di geni incompresi, capaci di avere idee t...

Norbert Casteret dalle vette alle grotte

di Fabrizio Fattori

Perlustrare cavità sotterrane, spesso allagate, è for...

La guerra delle perle

di Fabrizio Fattori

Il fascino delle perle è stato subito per millenni da tutto ...

I bastimenti dell'emigrazione italiana

Milioni d'italiani alla ricerca di fortuna

Furono molti i bastimenti che trasportarono nei loro viaggi transoc...

Istanbul e il suo porto

Una citt carica di storia e brulicante di vita

"L'enormità di quelle tre città scaglionate,...
Turismo e ormeggi
Area Marina Protetta Secche della Meloria (LI)
L'Area Marina Protetta Secche della Meloria, si trova nel bacino nord occidentale del Mediterraneo ed è situata a 3 miglia dalla costa livornese.
 
  La Torre della Meloria, da sempre meta delle gite d
Fonte: parks.it e Nautica Report
Titolo del: 25/09/2021 07:40

© Copyright 2011-2021 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI