Amphicar 770, la prima cabriolet anfibia - Report - NAUTICA REPORT
Report / Amphicar 770, la prima cabriolet anfibia
Amphicar 770, la prima cabriolet anfibia

Amphicar 770, la prima cabriolet anfibia

Progettata nel 1961 da Hans Trippel

La Amphicar 770 è un veicolo anfibio per trasporto persone cabriolet progettato nel 1961 da Hans Trippel che sviluppò il veicolo a Wittenau presso la Deutschen Waggon- und Maschinenfabrik (DWM) (divenuta successivamente Deutsche Waffen- und Munitionsfabriken AG).

 

La carrozzeria era prodotta dalla Industrie-Werke Karlsruhe AG (IWK) in una ex azienda di armamenti a Schlutup presso Lubecca. In Germania il veicolo nel 1962 era venduto al prezzo di 10.500 DM.
 


 

Dei 3.878 veicoli prodotti, 3.046 furono esportati negli USA. L'alto costo, due volte un Volkswagen Maggiolino, non permise un numero maggiore di vendite. Dal 1964 al 1965 il prezzo scese a 8385 DM. L'azienda americana di Hugh Gordon di Santa Fe Springs, in California, acquisì la maggior parte dei pezzi di ricambio e dei macchinari di produzione.

 

Carrozzeria e autotelaio

 

Un telaio a tubi e una carrozzeria in acciaio, la cui parte inferiore ha uno spessore di 1,5 mm. Tutte le parti saldate. Le portiere sono concepite per l'immersione con un sistema a guarnizione doppia. Nel vano motore c'è una pompa di sentina, per asportare l'eventuale acqua entrante dagli assali. Per il movimento in acqua vi sono luci di navigazione (rosso/verde) e una tromba di segnalazione. Vi è una luce bianca di posizione sul tetto. La ruota di scorta è nel bagagliaio, sull'asse anteriore il serbatoio in plastica.
 

  
 

Gli assali anteriori e posteriori hanno sospensioni a molle elicoidali con ammortizzatori idraulici e l'impianto frenante con tamburi ad azionamento idraulico (freno a mano meccanico).

 

La direzione di marcia sia su strada che in acqua è data dall'assale anteriore.

 

Motore e trasmissione

 

Il motore è un quattro cilindri in linea a ciclo Otto della britannica Triumph Herald 1200 con una cilindrata di 1,2 litri e una potenza di 38 PS (28 kW). La trasmissione con cambio a quattro rapporti della Hermes di Wuppertal con rapporto 3 : 1 con retromarcia e movimento possibile in accoppiamento con le due eliche in polimero per il movimento in acqua.
 

  
 

Ci sono 13 punti d'ingrassaggio su tutto il veicolo, per evitare grippaggi data la presenza di acqua in buona parte delle zone meccaniche. Su strada raggiunge una velocità di 120 km/h, in acqua 6,5 nodi, 12 km/h.

 

Dati tecnici

 

Motore:  4 cilindri - 4 tempi - in linea
(posteriore sull'asse)
Cilindrata:  1147 cm³
Alesaggio:  69,3 × 76 mm
Compressione:  1 : 8,0
Potenza a 1/min:  28 kW (38 PS) a 4750
Coppia max. a 1/min:  80 Nm a 2500
Valvole:  Aste e bilancieri, albero a camme
Raffreddamento:  ad acqua
Cambio:  sincronizzato a quattro rapporti (strada) e
avanti/indietro in acqua;
due eliche
Sospensioni:  barre longitudinali
Molle:  con ammortizzatori idraulici
Freni:  idraulici con tamburo Ø 230 mm
(Freno di stazionamento a mano sull'asse posteriore)
Carrozzeria:  autoportante in acciaio
Dimensioni (Lung.× Larg. × Alt.):  4330 × 1565 × 1520 mm
Altezza da terra:  253 mm
Passo:  2100 mm
Carreggiata anteriore/posteriore:  1212 mm/1260 mm
Pneuamtici:  6.40–13
Massa senza conducente:  1050 kg
MTT:  1350 kg
Velocità massima:  strada: 120 km/h – acqua: 12 km/h
Consumo:  ca. 9 l per 100 km
Consumo in acqua:  2,3 l/h a 5 km/h, 10 l/h a 10 km/h

 

Leggi anche: Veicoli anfibi
 

Titolo del:

Tags

veicoli anfibi, cabriolet anfibia, automobili galleggianti
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Eugène Cornu, architetto di ''Stelle''

Nel 1943 progettò il famoso Bélouga

Eugène Cornu è stato un architetto navale francese, n...

La leggenda dell'El Dorado

Lo Zipa di Guatavita cosparso di polvere d'oro si tuffava nella laguna

La laguna di Guatavita è un lago situato...

Viaggio in Vietnam e Cambogia - Ha Long: una baia indimenticabile

di Fabrizio Fattori

A pochi chilometri da Hanoi, nel golfo del Tonchino, si trova una t...

HMS Belfast e il convoglio artico

di Tealdo Tealdi

Non sono molte le navi militari partecipanti alla II° Guerra Mo...

Hans Langsdorff marinaio prussiano

di Fabrizio Fattori

Le guerre spesso sono lo scenario di atrocità inutili e grat...
Turismo e ormeggi
Porto Cesareo (LE) - Un porto naturale nella costa salentina
Porto Cesareo grazie al suo "Porto naturale" che si affaccia sull'Isola Grande, detta anche Isola dei Conigli è uno dei più bei posti della costa salentina.   Essa dista solo 500 m dalla costa ed è
Fonte: parks.it e Nautica Report
Titolo del: 29/07/2021 07:40

© Copyright 2011-2021 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI