Comsubin: le forze speciali della Marina Militare Italiana - Report - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi
Santa Maria di Castellabate (SA)
Castellabate è la porta nord del Parco Nazionale del Cilento, il più esteso d'Italia; a sud chiude il golfo di Salerno con Punta Licosa e l'omonima isola; ed è anche sede della più bella area marina protetta d&#
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 23/09/2018 07:00
Report / Comsubin: le forze speciali della Marina Militare Italiana
Comsubin: le forze speciali della Marina Militare Italiana

Comsubin: le forze speciali della Marina Militare Italiana

Di Gianluca Rocca

Uomini che operano in silenzio in uno dei reparti d'élite delle Forze Armate: sono gli Incursori della Marina Militare che operano dal mare e sul mare e  sono riconosciute in tutto il mondo.

 

Questi uomini appartengono al COMSUBIN il Comando subacquei e incursori della Marina Militare Italianail cui nome ufficiale è Raggruppamento subacquei e incursori "Teseo Tesei".

 

All’interno del raggruppamento subacquei e incursori della nostra Marina Militare, incaricato di svolgere operazioni di guerra non convenzionale,  appartiene il Gruppo Operativo Incursori GOI.
 


 

Il GOI del COMSUBIN è l'unico reparto della Marina Militare facente parte delle forze speciali italianee fino alla creazione del GIS e del NOCS era l'unica unità italiana addestrata alla liberazione di ostaggi e lotta antiterrorismo.

 

Gli Incursori del GOI sono gli eredi dei famosi operatori dei mezzi d’assalto della micidiale X^MAS operativa durante la seconda guerra mondiale.

 

Costituita nel 1939 la nascita della 1^ Flottiglia MAS sviluppò i mezzi d’assalto marini e nel marzo del 1941, a guerra iniziata, prese vita la famigerata X^ FLOTTIGLIA MAS con la creazione del “maiale” il siluro a lenta corsa pilotato, delle barche esplosive e dei minisommergibili.
 


 

Oggi l’eredità di quei uomini arditi è ancora viva negl’incursori del COMSUBIN che rivestono un ruolo ed un’ importanza strategica.

 

I moderni incursori hanno ampliato le proprie professionalità ed  oltre che esperti nuotatori e subacquei, oggi sono anche paracadutisti e rocciatori.

 

Dagli anni di piombo con la lotta al terrorismo nazionale ed internazionale con il sequestro dell’Achille Lauro negli ultimi anni le operazioni affidate agli incursori hanno subito una notevole evoluzione che li hanno portati a ricoprire un ruolo importante nella proiezione.

 

Dall’11 settembre gli incursori italiani sono stati sempre più impiegati in situazioni di crisi dove erano presenti problemi operativi urgenti con pericolosi risvolti politici.

Il Gruppo Operativo Incursori rappresenta oggi uno strumento di grande efficacia nella gestione di situazioni critiche poiché addestrato ed equipaggiato per intervenire sia in scenari di guerra che in casi di minacce terroristiche.

 

La profonda gratitudine e l’apprezzamento per il lavoro “silenzioso” svolto da questi uomini è il giusto riconoscimento da attribuirgli. 

 

Gianluca Rocca

 

Fonte: Nautica Report
Titolo del:

Tags

incursori della marina, subacquei incursori, Gruppo Operativo Incursori GOI, X^MAS
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Royal Thames Yacht Club - Nessuno come lui!

Di Tealdo Tealdi

Primo Yacht Club della storia, fondato nel 1775 dal Duca di Cumberl...

Genova e i grandi cantieri navali: da Ansaldo a Fincantieri

Di Adriana Morando

La storia dei grandi cantieri navali di Genova da cui uscirono oltr...

Arti e mestieri tra i carrugi di Genova

Itinerari dello sfizio di Olivia e Marino

Palazzi e sculture non sono la sola ricchezza della Genova storica:...

Acquario di Genova, il pi grande d'Europa

L'Acquario di Genova è il più grande acquario italiano...

Le Canarie isole fortunate

di Fabrizio Fattori

La prima narrazione intorno a queste isole, caratterizzate, nella d...

© COPYRIGHT 2011-2018 - NAUTICA REPORT - REGISTRAZIONE TRIBUNALE DI ROMA N.314 DEL 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI