Capitan Bavastro, intrepido Corsaro nizzardo - Report - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi
Isole di Razzoli e Santa Maria - La Maddalena (OT)
Le isole di Razzoli e Santa Maria appartengono all'arcipelago di La Maddalena all'estremo nord della Sardegna presso le bocche di Bonifacio.   Costituiscono, assieme alle altre isole, il Parco nazionale Arcipelago di La Maddal
Fonte: Wikipedia, lamaddalenapark.it e Nautica Report
Titolo del: 20/10/2018 07:40
Report / Capitan Bavastro, intrepido Corsaro nizzardo
Capitan Bavastro, intrepido Corsaro nizzardo

Capitan Bavastro, intrepido Corsaro nizzardo

Giuseppe Bavastro nacque a Sampierdarena da madre genovese e padre spagnolo. Il momento della sua nascita è quasi ammantato di leggenda, ricordato come un battesimo del mare. La madre, genovese, di cognome Parodi, incinta di lui, aveva lasciato il marito, ingegnere a Nizza dove abitavano, per tornare a Genova dove intendeva far nascere il figlio.

 

Giuseppe Bavastro

Mentre era raccolta in preghiera nella chiesa parrocchiale di Santa Maria della Cella a Sampierdarena fu presa dalle doglie del parto. Dovette uscire e partorì sulla spiaggia il futuro capitano di mare, lavandolo così sin dal primo momento con l'acqua salata del mare.

 

La sua vita di mare inizia subito, a pochi giorni di vita: ancora neonato, viene messo in una cesta e portato a bordo del tre alberi dello zio materno, il capitano Giovanni Battista Parodi, che andava a Nizza e riportava la sorella e il nipote a casa. A Nizza abitava con i genitori; il padre era Michele Bavastro, ingegnere spagnolo, che dirigeva qui la costruzione di opere idrauliche.

 

Giuseppe era il terzogenito. Diretto inizialmente alla carriera paterna, a Nizza, si mostrò così svogliato negli studi cui il padre lo aveva avviato; rifiutava a tal punto l'istituzione da rimanere analfabeta per tutta la vita. Preferiva il mare, e in questa sua vocazione fu così deciso che il padre fu costretto a lasciarlo imbarcare. Giuseppe si imbarcò allora sulla nave dello zio materno, e con questa navigò per il Mediterraneo.
 


 

La sciabola di gala di Bavastro, riccamente lavorata, con accanto il fodero. É conservata a Venezia, presso il Museo Storico Navale - Da www.superstoria.it

 

Suo secondo imbarco fu poi su una fregata francese da guerra diretta in Oriente. Nel 1783 sposò Annetta, figlia di un locandiere francese, ma il matrimonio non gli impedì di riprendere la vita sul mare. Si reimbarcò su una goletta da 100 tonnellate affidatagli dallo zio, Giovanni Battista Parodi. Fece trasporti di merci per il Mediterraneo, commerciando con Spagna e Portogallo, e facendosi temere dai pirati algerini che minacciavano le rotte commerciali locali.

 

Con la Rivoluzione Francese, nel periodo del Terrore, si diede disinteressatamente al trasporto dei profughi. Ed ancora, sempre disinteressatamente, portò sempre senza remunerazioni uno dei quattro convogli per le truppe di Napoleone in Egitto. Quindi si trasferì a Genova con la moglie. Qui visse subito dopo i durissimi momenti dell'assedio di Genova del 1800. In quell'occasione si distinse forzando ripetutamente il blocco navale, al servizio dell'amico Andrea Massena, con le sue piccole imbarcazioni.
 


 

Il blocco di Genova dell' aprile del 1800 in una stampa dell' epoca- Da www.superstoria.it

 

Compì in quelle circostanze un'impresa dettatagli esclusivamente dal suo coraggio. Ogni notte una nave inglese andava indisturbata a lanciare alcune bombe su Genova. Contro di essa Bavastro armò una vecchissima galea, la Prima, provvista di soli tre cannoni, prese una schiera di galeotti al remo e un equipaggio di coraggiosi, e attaccò l'attaccante in quella che fu quasi una missione suicida. Con le sue cannonate tagliò in due lo scafo inglese che si avvicinava alla città per il bombardamento notturno.

 

Le navi inglesi che componevano il blocco, attaccarono immediatamente la vecchia galea. Ma le sue piccole dimensioni e l'agilità del capitano impedivano di centrarla, e furono costretti ad attaccare all'antica maniera dell'abbordaggio. Bavastro non fuggì e rimasto circondato continuò a combattere sinché poté, con un ultimo corpo a corpo sul suo ponte. La lotta durò ancora circa un'ora, ed il Bavastro infine si tuffò in mare, dove venne poco dopo recuperato da un gozzetto mandato a cercarlo dal generale Massena, che era anche un suo vecchio amico d'infanzia.
 


 

Abbordaggio tra inglesi e francesi all' epoca delle imprese di Bavastro, in una serie di illustrazioni dell' epoca - Da www.superstoria.it

 

Da quella notte gli inglesi interruppero il loro tranquillo stillicidio di cannonate notturne. Terminato l'assedio di Genova, il Bavastro si reimbarcò. Nel 1806 Napoleone incoraggiò la guerra da corsa, e Bavastro in questa si impegnò, da protagonista, con continui abbordaggi, duelli, atti di pirateria contro il nemico. Utilizzava anche in queste circostanze legni di vecchio tipo mediterraneo (l'Intrepido, uno sciabecco con soli quattro cannoni), che manovrava con la sua eccezionale capacità.

 

Si scontra con gli abili corsari inglesi che conducevano un'analoga guerra nel Mediterraneo, battendoli con i suoi mezzi antiquati e con il suo coraggio, e dando maggiore voce alla leggenda allora nota nei porti mediterranei. Con una seconda nave stavolta armata con 14 cannoni, ma sempre obsoleta rispetto alle navi inglesi, presso le Isole Baleari attacca mettendola alle strette la fregata inglese Phoenix.
 


 

Abbordaggio tra inglesi e francesi all' epoca delle imprese di Bavastro, in una serie di illustrazioni dell' epoca - Da www.superstoria.it

 

Dando man forte ai Corsari anconetani, compie poi altre operazioni nell'Adriatico partendo dall'importante porto di Ancona e sempre con navi di piccola e antiquata struttura, come lo sciabecco “Massena”, intitolato all'amico generale, sempre mettendo in difficoltà qui la k.u.k. Kriegsmarine. Ricevette varie onorificenze: l'ascia d'onore per meriti marittimi, la rosetta d'ufficiale della Legion d'Onore, il grado onorario di Capitano di fregata. Napoleone in un colloquio diretto con lui lo definì l'unico mio ammiraglio vittorioso.

 

Rimane però legato alle maniere individuali e ataviche di una marineria dei secoli passati, per cui quando nel 1806 Massena lo chiama a Napoli per dargli il comando della corvetta Fama, e inserirlo regolarmente nella Marina del Regno, nell'istituzione si sente a disagio e preferisce riprendere la sua guerra da corsa.
 


 

Sciabecco ligure in un’incisione di Baugean. (Stampa dell’epoca) - Da www.marina.difesa.it

 

Ora con una più potente nave, la Principe Eugenio, dotata di addirittura 16 cannoni, compie altre imprese contro sempre più potenti navi inglesi. Perde il Principe Eugenio quando viene messo alle strette e si salva con pochi uomini raggiungendo a nuoto la lontana riva, dove a Tarragona recupera il brigantino Fanny, naviglio corsaro inglese che aveva precedentemente conquistato. Con esso riprende la sua guerra da corsa. Opera poi ancora a lungo in Spagna.

 

Affascinato dall'imperatore Napoleone, Bavastro pensò di liberarlo quando era recluso all'Isola d'Elba, ma dovette rinunciare. Conclusa l'era napoleonica, Bavastro vide respinta la sua richiesta d'iscrizione nei quadri della marina sarda, memore delle sue imprese da corsaro napoleonico. Si mise allora a disposizione di Simon Bolivar in America Latina.
 


 

Simon Bolivar -  Da www.wbur.org

 

Abbandonata quella guerra di Liberazione, tornò nel Mediterraneo e posto al servizio della Francia, divenne Cadì, comandante del porto di Algeri, città che conosceva alla perfezione e nella quale parlava la lingua locale, essendo stata uno dei suoi punti di riferimento nella sua lunga carriera marinara come nei periodi della guerra da corsa in epoca napoleonica.

 

Il re di Francia Luigi Filippo nel 1832 gli concesse la cittadinanza francese. Ad Algeri nel marzo del 1833 il Bavastro fu colto da malore, e dopo 10 giorni morì, a 73 anni da compiere. Le ultime sue parole pare siano state “Aprite le finestre, voglio vedere il Mare” A Genova Pegli gli è oggi intitolata una via. Anche a Roma gli è stata intitolata una via, in zona Ostiense. Anche a Nizza (Francia) esiste Rue Bavastro - Corsaire Niçois (via Bavastro - Corsaro Nizzardo)

 

Di Gianluca Rocca

 

Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del:

Tags

assedio di Genova, Andrea Massena, galea, sciabecco, Principe Eugenio, brigantino Fanny
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Insulo de la Rozoj: l'isola che non c'era

di Fabrizio Fattori

Chi, andando per mare, non cerchi quel pizzico d’avventura ch...

Max Oertz, geniale costruttore tedesco

Max Oertz, nato a Neustadt in Holstein il 20 aprile 1871 e scomparso il 24 no...

La Piroga monoxila di Pesse

di Dario Galassi

Nell’immagine una piroga monoxila (o monossila, dal greco &ld...

Mobilità elettrica il futuro tra noi

di Fabrizio Fattori

Muoversi con rapidità ed efficienza è un obbligo dei ...

Van Rietschoten, l'Olandese Volante

L'unico skipper ad aver vinto due volte il massacrante giro del mondo in equipaggio...

© COPYRIGHT 2011-2018 - NAUTICA REPORT - REGISTRAZIONE TRIBUNALE DI ROMA N.314 DEL 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI