Il giro di chiglia: una crudele pratica tutta inglese? - Report - NAUTICA REPORT
Report / Il giro di chiglia: una crudele pratica tutta inglese?
Il giro di chiglia: una crudele pratica tutta inglese?

Il giro di chiglia: una crudele pratica tutta inglese?

Era comminata anche a pirati e a comandanti negligenti

Nella tradizione marinara, il giro di chiglia era una punizione cui venivano sottoposti i marinai rei di infrazioni gravi, come ad esempio codardia verso il nemico o ammutinamento.

 

Era comminata anche a pirati e a comandanti negligenti o che avessero causato danni per imperizia commesse durante la navigazione.

 

Consisteva nel legare il colpevole ad una cima che dal parapetto su un lato della nave raggiungeva l'altro lato passando appunto sotto la chiglia. Il punito doveva quindi resistere in apnea all'immersione forzata, tirato dagli altri marinai, strisciando lungo la carena, eventualmente ricoperta di denti di cane ed altre concrezioni.

 

La velocità di trascinamento era influente sul tipo di sofferenza, in quanto con un tiraggio troppo veloce il condannato si sarebbe strofinato violentemente contro le dette taglienti concrezioni, mentre con un tiraggio troppo lento rischiava l'annegamento. Il rischio di morte era assai elevato, ed anzi alcuni autori hanno intravisto in questa punizione una sorta di pena di morte sui generis.

 

Il giro di chiglia fu espressamente previsto nei codici della navigazione della marina olandese dal 1560 al 1853, quando fu definitivamente abolito. Il termine della lingua olandese con cui è definito, kielhalen ("trascinare lungo la chiglia"), è fonte etimologica anche per il corrispondente keelhauling della lingua inglese e per il kielholen della lingua tedesca.

 

Anche nella marina inglese l'istituto fu di qualche diffusione, sebbene non ufficialmente; secondo alcuni autori sarebbe addirittura nato con le grandi navi inglesi del XVI secolo e sarebbe stato vietato nel 1720, mentre secondo altri sarebbe nato al tempo dei Romani, quando si diffusero le galee. L'uso è attestato anche in Francia.

Contro la pratica negli Stati Uniti di questa punizione, considerata un barbarismo inglese, contribuì l'allora neolaureato e futuro presidente degli Stati Uniti John Adams, con l'opera scritta nel 1755 Articles of war.

 

In copertina Il passaggio sotto la chiglia - Woodcut Print of Keelhauling
 

Titolo del:

Tags

torture, punizioni sulle navi, keelhauling, kielholen, kielhalen
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

L'Arca di No e il Diluvio Universale

di Giulio Galassi

La Bibbia narra che Noè costruì un’Arca allo sc...

Porquerolles, l'isola del commissario Maigret

A Porquerolles ambientato il libro di di George Simenon Mon ami Maigret

Porquerolles è l'isola più grande e la più...

Veicoli Anfibi

I veicoli anfibi sono automezzi, che possono viaggiare sia su acqua sia su terra

Il termine è preso in prestito dalla biologia. Le creature a...

L'antico porto di Mersa Gawasis

di Fabrizio Fattori

Che gli egiziani fossero abili costruttori di navi è testimo...

Storia della cartografia nautica

Da sempre l'uomo ha cercato di disegnare il mondo

L'assenza di documenti nautici dei secoli prima del 1200 ha cre...
Turismo e ormeggi
Blue Dolphin, un Marina di alto livello immerso nell'Oasi Naturale della Foce del Tevere
Le foci dei fiumi mantengono, spesso, inalterato un ambiente naturale ricco di particolarità faunistiche e, come il caso del Tevere, anche storiche e a solo pochi chilometri dal centro città.   In questa realtà si
Fonte: Nautica Report
Titolo del: 07/12/2019 07:20

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI