Paul Cayard - Anima nel vento - Report - NAUTICA REPORT
Report / Paul Cayard - Anima nel vento
Paul Cayard - Anima nel vento

Paul Cayard - Anima nel vento

Figlio dello scenografo dell'Opera di San Francisco, città in cui è nato il 19 maggio 1959, Paul Cayard ha come velista due padri putativi: l'americano Tom Blackaller, che conobbe quando aveva 18 anni e fece di lui un grande timoniere di Star (classe di cui nel 1988 è stato campione del mondo) e Raul Gardini, che a 25 anni gli affidò il timone del suo maxi Il Moro, e a 29 anni gli affidò la gestione della sfida miliardaria del Moro di Venezia per la Coppa America 1992, a San Diego.

 

Paul Cayard è sposato con Icka, figlia di Pelle Peterson, campione svedese di Star e timoniere di Coppa America. Due i figli, Daniel e Alessandra, quest'ultima nata a Milano.
 


 
Coppa America 1992 - Cayard vince con il Moro di venezia
 

Se negli USA Cayard ha mosso i primi passi nella vela mondiale, è su barche italiane che Cayard ne è diventato un protagonista: nel 1989 vince il Mondiale Maxi con il Moro di Gardini e la One Ton Cup a Napoli, su Brava di Pasquale Landolfi, dove al timone c'è Francesco De Angelis come skipper, che nel futuro diventerà con Luna Rossa uno dei suoi avversari più temibili.

 

Dal 1989 al 1992 si occupa della sfida del Moro: ha già avuto due esperienze in Coppa America, nel 1983 su Defender di Blackaller e nel 1987 su USA.

 

Con il Moro vince la Vuitton Cup contro i neozelandesi, che ancora adesso non gli hanno perdonato la querelle del bompresso, e perde nella finale con America 3.
 


 

Coppa America 1992 - Il Moro di Venezia 

 

Tre anni dopo, nel 1995, si ritrova a San Diego come defender, timoniere di Stars & Stripes di Conner: questa volta i Kiwi si prendono la rivincita e portano ad Auckland la Coppa.

 

Dopo la Coppa America 1995 decide di avviare un suo progetto per mettere a frutto quello che ha imparato nella gestione dell'avventura del Moro. Trovare sponsor non è facile e Cayard si rende conto che deve fare qualcosa per renderlo appetibile per aziende interessate a investire miliardi nello sport.

 

Tenta invano di trovare degli sponsor italiani per non disperdere il patrimonio di uomini ed esperienze raccolto, ma nell'Italia scossa dallo scandalo di "Mani Pulite" non trova ascoltatori interessati.
 


 

Whitbread 1997-1998 - Paul Cayard su EF Language

 

Accetta di guidare un team della Whitbread, il Giro del Mondo a tappe in equipaggio, con EF Language. Accanto a sè chiama l'amico Francesco De Angelis, ma al velista napoletano pochi mesi dopo Patrizio Bertelli offre il ruolo di skipper per la sfida di Prada alla Coppa America.

 

De Angelis accetta; Cayard dichiarerà: "avrei fatto la stessa cosa".

 

Alla Whitbread, sua prima esperienza di regate oceaniche, sbaraglia tutti e vince: ora è facile trovare gli sponsor che gli consentono l'accesso con AmericaOne alle finali della Louis Vuitton Cup.
 


 

Auckland - Una fase dei duelli tra Luna Rossa e AmericaOne. Foto Borlenghi

 

Poco dopo arriva una delle più grosse delusioni della sua vita: viene battuto durante l'Americas Cup dall'ormai mitica imbarcazione italiana "Luna rossa".

 

In seguito, fra Luna Rossa e AmericaOne si è stabilita un appassionante sentimento di competizione che, con i suoi alti e bassi, ha tenuto tutti col fiato sospeso.

 

Nel 2006 ha partecipato alla "Volvo Ocean Race" arrivando secondo: nell'occasione Cayard è stato skipper della barca "Pirates of the Caribbean" sponsorizzata dalla Walt Disney, proprio per promuovere l'uscita del secondo capitolo dell'omonimo film.
 


 

Volvo Ocean Race 2006 - Paul cayard su Pirates of the Caribbean

 

Per l'America's Cup 2007 Paul Cayard è la voce che in Italia commenta le gare su La7. Poi da novembre 2007 diventa direttore sportivo del team Desafio Espanol. Nel 2011 gareggia con un rc 44 chiamato Katusha.

 

Nella Coppa America 2013 Paul Cayard ha partecipato con il team svedese di Artemis.

 

Nelle prove a San Francisco la barca si è rbaltata causando la tragica morte dell'olimpionico inglese Andrew Simpson.
 


 

San Francisco - Coppa America 2013 - Paul Cayard su Artemis

 

Paul Cayard in occasione del Venice Hospitality Challenge (17 ottobre 2015)  è stato il timoniere di Any Wave un maxi Yacht completamente rimesso a nuovo grazie al progetto OnBoard! Info

 

Paul Cayard sito ufficiale


 

Titolo del:

Tags

skipper, Moro di Venezia, Tom Blackaller, Raul Gardini, Coppa America 1992, Defender di Blackaller
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Il Canale di Suez e il turismo, la vera economia egiziana

La prima nave attravers˛ il canale il 17 febbraio 1867

Il Canale di Suez è un canale artificiale navigabile si...

''Krassin'' un potente angelo salvatore

di Fabrizio Fattori

L’impresa di Umberto Nobile culminata con la conquista del po...

Everglades, tra le paludi della Florida

Si estendono dal Lago Okeechobee alla Baia di Florida

Le Everglades sono una regione paludosa subtropicale situata nella ...

Alain Bombard: un'avventura estrema

Di Fabrizio Fattori

Navigare espone a rischi che con il tempo sono andati via via dimin...

La riva sinistra del Gange. Varanasi ''CittÓ Santa''

Per gli ind¨ il fiume Gange (che Ŕ femminile) Ŕ sacro

È adorato dagli indù ed è personificato come u...
Turismo e ormeggi
Isola di San Giorgio Maggiore (VE)
L'Isola di San Giorgio Maggiore è una piccola isola situata di fronte a Piazza San Marco a Venezia.   Separata dall'isola della Giudecca dal piccolo canale della Grazia, è bagna
Fonte: wikipedia.org e Nautica Report
Titolo del: 03/04/2020 07:00

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI