Il Mississippi di Mark Twain - Report - NAUTICA REPORT
Report / Il Mississippi di Mark Twain
Il Mississippi di Mark Twain

Il Mississippi di Mark Twain

Il nome di Mark Twain e quello del Mississippi sono strettamente legati; lo scrittore infatti è nato poco lontano dal fiume, ma la sua famiglia si è trasferita quando lui era piccolissimo lungo le rive del grande fiume americano. Molti dei suoi romanzi, inoltre, sono ambientati lungo il Mississippi e il nome stesso che lo scrittore scelse per firmare le sue opere deriva da un grido che i battellieri lanciavano, quando misuravano il fondo del fiume.
 

La professione del marinaio di battello diviene una grande ambizione per i ragazzini che lo vedono passare dalle rive. Twain scappa di casa, e riesce a salire prima su un battello piccolo verso New Orleans, dove trova quello che gli farà da maestro, poi insieme a lui su una nave più grande e lussuosa.
 


 

Mark Twain

 

Nel suo libro Vita sul Mississippi 1885, (opera autobiografica), Twain scrive sulla fauna che si conosce facendo vita di nave. "Sulla terra ferma ci vogliono 40 anni per conoscere tanti tipi umani; a me in nave bastarono i due anni e mezzo di apprendistato... Quell'addestramento mi ha consentito di conoscere praticamente tutti i tipi umani che si ritrovano nei romanzi, nelle biografie, e nei libri di storia". E sui padroni molto aggressivi.

 

E sempre raccontando se stesso, Twain liquida con pochissime righe ciò che accade nei 21 anni successivi: prende il brevetto di pilota, è felicissimo e pensa di vivere e morire sul timone, ma poi arriva la guerra, e finisco gli scambi commerciali. Così deve cercarsi altri modi per vivere. Fa il giornalista, il cercatore d'oro, l'educatore, il corrispondente e lo scrittore. E descrive tutto ciò come una "lenta deriva" finché - 21 anni dopo - torna sul fiume.
 


 

Life on the Mississippi - Ph by www.mirrorservice.org

 

Il Mississippi è uno dei maggiori fiumi al mondo: lungo circa 3.800 km, supera i 6.800 km contando anche il corso del Missouri, che è un suo affluente.
 

È un fiume vitale per gli Stati Uniti d’America, sia per l’economia, sia per la cultura. Da quest’ultimo punto di vista va ricordato che il fiume è entrato nell’immaginario collettivo (non solo americano) per alcuni degli aspetti che ne hanno caratterizzato la storia. Per esempio con i battelli a vapore che ne hanno solcato le acque nel XIX secolo, rappresentando il mezzo di trasporto più comodo e veloce per molti decenni.
 


 

Mappa del Mississippi - Da america24.com

 

Nel 1811, le acque lente e maestose del Mississippi sentirono sbuffare per la prima volta una caldaia a vapore: era quella del “New Orleans”, l’imbarcazione progettata dall’americano Robert Fulton, l’inventore che, dopo gli infruttuosi tentativi effettuati in Francia (per Napoleone aveva costruito anche un sommergibile, il “Nautilus”, suscitando però scarso interesse), era tornato in patria per dare vita alla grande stagione dei battelli fluviali a vapore. Il geniale Fulton aveva già sperimentato una prima navigazione a vapore sul fiume Hudson quattro anni prima, facendo percorrere al suo “Clermont” il tratto tra Albany e New York in sole trentadue ore, anziché nelle tradizionali centosettanta richieste dai battelli a vela.
 

Ma fu il Mississippi, con i suoi 3.778 chilometri di lunghezza, a imporsi come lo scenario dei progressi delle navi a vapore. Nel 1816, fu varato il “Washington”, che andava da New Orleans a Louisville in appena ventiquattro giorni (ma già nel 1838 ne bastavano sei).
 


 

Minneapolis - Porto di attracco delle barche - Foto da www.pinterest.com

 

Con il passare del tempo, i viaggiatori pretendevano sempre più lusso e comfort, sicché compagnie come la Anchor Line e la Southern Transportation Line iniziarono a darsi battaglia a colpi di cabine sempre più eleganti, statue di bronzo e candelabri d’argento, mogani e stucchi, ampi saloni con spettacoli e orchestrine per allietare i passeggeri più ricchi, trasformando spesso un viaggio d’affari in una crociera di lusso. 

 

E dove scorreva il denaro non poteva mancare il gioco d’azzardo, tanto che i battelli a vapore diventarono ben presto dei casinò, teatro preferito delle gesta di bari e truffatori, ma anche di raffinati giocatori di professione attratti dal verde colore dei dollari fruscianti. Molti di loro si riunivano in vere e proprie “associazioni”, spesso sotto la protezione di pezzi grossi della politica locale, come il “gambling syndicate” di John North o quello messo in piedi da Elijah Skaggs; altri agivano servendosi di “partners”, come George Devol e i suoi compari Tom Brown e Canada Bill Jones, oppure l’affiatata coppia Pinckney Pinchback e Holly Chappel.



 

Saloon of Mississippi River Steamboat Princess" (Adrien Persac, 1861

 

A parecchi di loro andò bene, tanto che Skaggs potè ritirarsi a vita privata dopo aver incassato un gruzzoletto di qualche milione di dollari che investì in una immensa piantagione in Louisiana, mentre Devol, che era specializzato in micidiali e memorabili partite “testa a testa”, dichiarava nella sua autobiografia un guadagno netto di duecentomila dollari l’anno. Altri, invece, finirono nelle prigioni di Vicksburg, New Orleans e Natchez e qualcuno sul fondo del Mississippi con un buco di pallottola in testa o nella schiena. Come dire: il fiume dà e il fiume prende…

 

Fra gli anni '40 e '50 dell'Ottocento, il battello a vapore conosce il momento di massimo splendore. Nel 1849 sono circa mille i vapori che fanno la spola sul Mississippi. Le litografie di Currier & Ives (sopra e sotto) documentano proprio quest'età d'oro, quando i battelli assomigliano ormai ad alberghi galleggianti, con più di una cucina, cabine arredate con eleganza, lussuosi saloni. Netto il contrasto tra i passeggeri che viaggiavano in cabina e quelli che si dovevano accontentare del ponte: emigranti, vagabondi, avventurieri di ogni specie.
 


 

Il giocpo d'azzardo sulle steamboats - Da www.gaminganddestinations.com

 

La Mayflower (che aveva lo stesso nome della nave da cui sbarcarono i primi pionieri inglesi, che fondarono la Nuova Inghilterra, culla dei futuri Stati Uniti) andava fiera delle sue dimensioni e dei numerosi ponti. Ma la velocità era considerata un pregio maggiore della comodità e la concorrenza si fece spietata.

 

D'intesa con le compagnie di navigazione in cerca di pubblicità, i capitani ingaggiavano gare di velocità, spesso nelle ore notturne, alla luce dei lampioni di bordo: l'equipaggio del battello più veloce veniva premiato e godeva di grande prestigio. Il giro delle scommesse era sostanzioso quanto quello sui cavalli.
 


 

High Pressure Steamboat.Mayflower - Da springfieldmuseums.org

 

Anche in una famosissima canzone dei Creedence Clearwater Revival, “Proud Mary” del 1968, compare l’ambiente dei battelli del Mississippi.

 

Proud Mary (Lyrics)

 

Left a good job in the city,

Workin' for The Man ev'ry night and day,

And I never lost one minute of sleepin',

Worryin' 'bout the way things might have been.

Big wheel keep on turnin',

Proud Mary keep on burnin',

Rollin', rollin', rollin' on the river.

 

Cleaned a lot of plates in Memphis,

Pumped a lot of pain down in New Orleans,

But I never saw the good side of the city,

'Til I hitched a ride on a river boat queen.

Big wheel keep on turnin',

Proud Mary keep on burnin',

Rollin', rollin', rollin' on the river.

 

If you come down to the river,

Bet you gonna find some people who live.

You don't have to worry 'cause you have no money,

People on the river are happy to give.

Big wheel keep on turnin',

Proud Mary keep on burnin',

Rollin', rollin', rollin' on the river.

Rollin', rollin', rollin' on the river.

Rollin', rollin', rollin' on the river.

 

Foto di copertina: Mark Twain got his steamboat pilot’s license on April 9, 1859 - Da www.barnesandnoble.com
 

Titolo del:

Tags

new orleans, fiumi americani, missouri, stati uniti, battelli a vapore, navigazione fluviale, steamboat
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

L’acqua de Re Sole

di Fabrizio Fattori

La grande macchina idraulica (detta di Marly) ideata da Arnold de V...

Sparkman & Stephens, la storia americana dello yacht design

La Sparkman & Stephens è un società di architettura navale di yacht e...

America's Cup 1885, una sfida doppia

La sesta edizione dell'America's Cup del 1885 quinta difesa della Cop...

'Colui che non aveva mai visto il mare'

dal “Mondo et autres histoires” di J. M. GUSTAVE LE CLÉZIO

Si chiamava Daniel, ma gli sarebbe molto piaciuto chiamarsi Sindbad...

Wieliczka un mare di sale

di Fabrizio Fattori

Che il mare abbia ricoperto in passato ampi territori è prov...
Turismo e ormeggi
Isola di San Secondo (VE) - Forse il recupero...
San Secondo è un'isola della Laguna Veneta. Sorge tra San Giuliano e Venezia ed è facilmente individuabile in quanto si trova a soli 114 m a sinistra del Ponte della Libertà per chi va verso Venezia.   Inizial
Fonte: wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 18/07/2019 06:15

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI