La storia nelle acque mute di Miseno - Report - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi
Alghero: Marina di S.Elmo
Ormeggiare tra storia e natura. Succede in Sardegna, succede ad Alghero. E' l'emozione offerta ai diportisti ospiti della Marina di S. Elmo che si estende davanti alle mura antiche della cittadella, al centro della cost
Fonte: Nautica Report
Titolo del: 16/08/2018 06:45
Report / La storia nelle acque mute di Miseno
La storia nelle acque mute di Miseno

La storia nelle acque mute di Miseno

Di Franco Nocella

E' commovente leggere i nomi delle navi della flotta imperiale di Miseno. Le vedo sfilare silenziose, solenni e maestose in parata, come avveniva un tempo.

 

Sento le grida dei soldati e gli ordini degli ufficiali. Riecheggia nelle orecchie il suono dei tibicines, le trombe militari usate allora.
 


 

Navi romane in un bassorilievo

 

Scorgo sulla cresta della Punta Pennata il profilo degli edifici che ospitavano la residenza del praefectus della flotta. Facendo un salto indietro nel tempo, avverto il suadente bisbiglio di Menocrate che, nelle orecchie di Ottaviano, suggerisce di sbarazzarsi degli altri due triumviri per consentire al suo padrone di aggiudicarsi subito il controllo del mondo romano.
 

 
Marco Vipsanio Agrippa

Intravedo la figura di Marco Vipsanio Agrippa (12 a.C.)  mentre ispeziona i  moli fatti costruire con tecniche innovative. Assisto  incantato al movimento del pons versatilis, il ponte di legno girevole a cavallo dell'ampio canale che univa il bacino interno (oggi lago Miseno) con quello esterno per far passare le navi, mosse a remi,.in occasione dell'Isidis Navigium  (5 marzo) per inaugurare la stagione della navigazione.

 

Passano davanti agli occhi della mia fantasia le scene della solenne cerimonia funebre che accompagnò (37 d.C.) le spoglie di Tiberio, morto nella villa che era stata di Caio Mario e di Lucullo. Ho sotto il mio sguardo il tripudio del trionfo tributato dai militari della flotta a Caligola, proclamato Imperatore, che iniziò da Miseno la marcia che lo avrebbe portato a Roma. 

 


 
Tiberio

Osservo il cantiere navale dove Aniceto fece costruire, in gran segreto, la nave trappola che avrebbe dovuto essere la tomba di Agrippina.

 

Seguo con lo sguardo le fedelissime truppe di stanza a Miseno mentre partono per dar vita all'ultima, disperata difesa dell'imperatore Nerone contro i ribelli guidati dal governatore della Spagna citeriore, Galba.

 

Scorgo la quadrireme a bordo della quale Plinio, praefectus della classis e uomo di scienza, si avviò (79 d.C.) al suo appuntamento con la morte ai piedi del Vesuvio.

 

Mi sembra di sentire il brusio e vedere i colori della folla cosmopolita che affollava  la piazza o il teatro del municipium di Miseno. Arriva alle mie orecchie il fragore delle armi usate negli addestramenti di classari e legionari nella Scola militum.

Quadrireme

 

Immagino il pianto delle madri e delle mogli dei soldati che partivano per le campagne militari. Mi giunge l'eco delle grida di gioia e delle espressioni di sollievo di parenti e amici che vedevano sbarcare i loro congiunti arruolati nella Prima Legio Auiditrix di Miseno al ritorno dalle imprese in cui avevano messo il gioco la laro vita.

 

Percepisco il silenzio agghiacciante che dovette accompagnare l'imbarco (476 d.C.) dell'ultimo imperatore d'Occidente, Romolo Augustolo, sulla nave che lo portò sull'isolotto di Megaris, a Neapolis, dove venne consegnato agli Eruli di Odoacre.
 


 

Odoacre con Romolo Augustolo

 

Penso alle grida di rabbia, alle imprecazioni e alle espressioni di orgoglio con cui ufficiali e soldati dovettero vivere, dopo la deposizione dell'ultimo Imperatore.

 

L'evento conclusivo della storia della flotta: l'abbandono della base di Miseno e la partenza per l'ultimo viaggio alla volta di Ravenna, dove navi e uomini di quella che era stata la Classis Praetoria Misenensis si unirono alla flotta imperiale d'Oriente assieme alla quale continuarono a servire un'idea che aveva regolato la storia del Mediterraneo per 5 secoli.



 

Veduta panoramica del luogo ove sorgeva l'antico porto di Miseno.

 

Oggi restano pochi segni di quello che avvenne a Misenum dall'inizio alla fine dell'Impero Romano d'occidente.

 

Tuttavia, da quelle pietre e da quelle epigrafi, da quei luoghi e da quelle acque sta riemergendo una storia che ci appartiene, che fa parte della nostra identità e che - a saperla interpretare e attualizzare - ci può anche fornire preziosi suggerimenti per il futuro. Grazie, allora, ai Classari di Miseno per esserci stati.

 

Franco Nocella

 

Fonte: Franco Nocella e Nautica Report
Titolo del:

Tags

flotta imperiale di Miseno, tibicines, Punta Pennata, Menocrate, Ottaviano, Marco Vipsanio Agrippa, Tiberio
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

La Trireme

La trireme era un tipo di nave da guerra che utilizzava come propulsione, oltre alla ve...

Yann Eliès: Figlio d'Arte

Yann Eliès è nato 31 gennaio 1974 a Saint-Brieuc, è uno skipper e ...

Kubilai Khan e il vento divino

Di Tealdo Tealdi - Foto © Marco Merola/Prefettura di Nagasaki

Solo il D-Day, lo sbarco delle truppe alleate del 6 giugno 1944 sul...

Jean-Pierre Dick: il ''Veterinario Nizzardo''

Jean-Pierre Dick è nato a Nizza l'8 ottobre 1965, è uno skipper ...

Joseph Conrad, il 'Marinaio' che inventò l'avventura

Joseph Conrad, (Berdyčiv, 3 dicembre 1857 - Bishopsbourne, 3 agosto 1924), è...

© COPYRIGHT 2011-2018 - NAUTICA REPORT - REGISTRAZIONE TRIBUNALE DI ROMA N.314 DEL 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - PUBBLICITA' - LAVORA CON NOI