Le migrazioni nei mari - Report - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi
Isole di Razzoli e Santa Maria - La Maddalena (OT)
Le isole di Razzoli e Santa Maria appartengono all'arcipelago di La Maddalena all'estremo nord della Sardegna presso le bocche di Bonifacio.   Costituiscono, assieme alle altre isole, il Parco nazionale Arcipelago di La Maddal
Fonte: Wikipedia, lamaddalenapark.it e Nautica Report
Titolo del: 20/10/2018 07:40
Report / Le migrazioni nei mari
Le migrazioni nei mari

Le migrazioni nei mari

Gli animali marini di molte specie, fin dalla notte dei tempi hanno seguito il loro istinto, quello di spostarsi. Fin dal piccolo copepode (organismo appartenente allo zooplancton) alla gran balena blu, per un istinto atavico compiono le migrazioni, in verticale, dalle profondità verso la superficie per il plancton, alle migliaia di chilometri negli oceani per le balene.

 

Le cause che spingono gli animali marini a spostarsi sono diverse, importanti sono i fattori ambientali, la temperatura dell’acqua, la durata del giorno, la quantità di cibo disponibile o fattori interni, come i cambiamenti ormonali. I lunghi viaggi degli animali marini sono paragonabili alle migrazioni degli animali che vivono sulla terra ferma.
 


 

Copepode

 

Movimenti stagionali verso zone dove il cibo è più abbondante, o dove ci sono condizioni più favorevoli per la riproduzione e la crescita dei piccoli. I tonni ad esempio,attraversano gli oceani per la ricerca del cibo, i salmoni dal mare risalgono i fiumi e i torrenti, le anguille nuotano dai ruscelli e dai laghi fino agli abissi del Mar dei Sargassi, squali, marlin e tartarughe marine, migrano isolati o in piccoli gruppi (si sono viste migrazioni di massa per lo squalo martello), mentre aringhe, calamari e sgombri si riuniscono in banchi immensi probabilmente per difesa.

 

Molti crostacei litorali come granchi, gamberi e aragoste si spostano in acque profonde per deporre le uova. Le larve per un breve periodo saranno planctoniche, e quindi liberamente natanti e potenziali prede per molti organismi. In seguito diverranno bentoniche, vale adire che si stabiliranno sul fondale.
 


 

Banchi di tonno rosso - Foto da Greenreport

 

Infine, dopo un periodo variabile da specie a specie, si stabiliscono in acque basse e ricche di cibo, e qui diverranno individui adulti. Le aragoste formano lunghe code di 50 o più individui fra maschi e femmine, per spostarsi dai bassi fondali alle acque più profonde, e a scopo difensivo si dispongono in fila indiana riparandosi con la coda che sormonta il dorso dell’animale che segue. 
 

Diversi animali sono in grado di sfruttare le correnti prevalenti per le loro migrazioni. Indicativo è che individui adulti forti ed esperti nuotano contro corrente per raggiungere le zone ottimali, mentre i giovani e gli animali deboli e indifesi, compiano le loro migrazione in senso contrario, quindi in favore della corrente verso le zone di abbondanza.
 


 

Namibia - Le otarie di Cape Cross -  Foto da Space in the mind

 

Alcuni tornano a terra per riprodursi, fra questi le foche, le otarie e i leoni marini. Si riuniscono sulla terra ferma a migliaia formando colonie immense e rumorose. I piccoli di foca sono allattati solo per due o tre settimane, ma in questo breve periodo crescono di un chilo al giorno. Il luogo della nascita dei piccoli avviene in zone dove la temperatura dell’acqua è fredda, come le coste del Labrador, il golfo di San Lorenzo, il sud Africa e l’Alaska per le otarie.
 

La migrazione più spettacolare e avventurosa, è quella dei salmoni. Compiono sino a 5 mila chilometri, abbandonando le acque dell’oceano e i luoghi di "pastura" (dove il cibo abbonda) per risalire fiumi, i torrenti e arrivare magari ai laghi, raggiungendo i luoghi dove sono nati per deporre le uova e terminare il lunghissimo viaggio con la morte, un ciclo spettacolare di vita.
 


 

Salmoni risalgono il fiume - Foto da Farebio.it

 

Ma come può un pesce ripercorrere a ritroso un percorso non privo di difficoltà e così lungo, riuscendo a trovare la giusta via? Gli interrogativi sono molti, ma la cosa certa è che questi pesci hanno il senso dell’olfatto molto sviluppato a discapito di una vista scarsa e insieme al gusto, riescono a compiere un’impresa che a noi appare impossibile. Riescono a trovare le tracce chimiche nei valori dell’acqua del fondo, dai vegetali e dai minerali che si trovano ungo il percorso, memorizzando tutto queste informazioni al momento della nascita e nelle fasi successive.

 

Un altro migratore sorprendente è la tartaruga. Diverse specie di tartarughe solcano i mari di tutto il mondo, anch’esse come i salmoni compiono diverse migliaia di chilometri per raggiungere il luogo della deposizione delle uova, solitamente un litorale o un’isola remota, il loro luogo natio. Non tutte le tartarughe migrano ogni anno. Esiste una specie, la testuggine faranca, che trova cibo nelle acque del Brasile e migra poi verso l'isola di Ascensione, un’isoletta di soli 88 km quadri a metà strada fra l’America e L’Africa, percorrendo una distanza di 1.400 miglia marine, un miglio nautico equivale a 1852 m.
 


 

Testuggine faranca o tartaruga verde - Foto da Inseparabile

 

Si tratta di rettili che sono dei nuotatori formidabili ma goffe sulla terraferma. Arrivate sull’isola, esauste, ad intervalli regolari depongono le uova nell’arco di 12 giorni, arrivando a deporre fino a 100 uova alla volta nei nidi che scavano nella sabbia. Fra una visita e l’altra alla spiaggia le femmine si accoppiano con i maschi, rimasti nei pressi della battigia. Finito il periodo riproduttivo, le femmine ritornano nelle acque lungo le coste del Brasile, non trovando nelle acque dell’isola di Ascensione erbe idonee alla loro alimentazione.

 

 

Dopo circa due mesi le uova deposte si schiudono nella sabbia riscaldata dal sole, e i piccoli escono dal nido. Si dirigono per istinto verso il mare, trovando non poche difficoltà, e finiscono a volte preda di uccelli e altri animali che aspettano che escano dalla sabbia,per consumare un facile banchetto.
 


 

Tartarughe neonate spuntano dalla sabbia - Foto da Resto al sud

 

Le tartarughe che riescono a raggiungere il mare aperto, iniziano un viaggio avventuroso, e per quelle che diverranno adulte, si ripete il ciclo dei loro genitori. Come fa la tartaruga a trovare un’isoletta sperduta nell’oceano, dopo aver percorso tutta questa distanza? Per questo mistero, la soluzione si trova nell’olfatto e nel campo magnetico della terra, che influisce in modo notevole, ma il meccanismo non è ancora ben compreso.

 

Molti animali si regolano anche con il sole, per percorrere le lunghe distanze, e si pensa che altri siano in grado di registrare le variazioni di velocità legate alle correnti e alla posizione di determinati particolari del fondale o presenza di banchi di pesce o altro, una sorta di navigatore mentale,che memorizza tutto quello avvenuto nelle esperienze degli anni precedenti.
 


 

Banchi di pesci migratori -  Foto da Ansamed

 

Fondamentalmente alla base di questo comportamento vi è l’esigenza della riproduzione e dell’alimentazione, ma sono ancora molti i punti da chiarire.

 

Necessitano di ulteriori studi tutti quei fattori che determinano l'orientamento, fattori sia fisici che biologici, nonché i meccanismi biochimici che determinano in certi periodi dell'anno quelle maestose migrazioni che abbiamo la possibilità di ammirare sia sulla terraferma che in mare.

 

Tratto da www.biologiamarina.eu

 

Fonte: biologiamarina.eu e Nautica Report
Titolo del:

Tags

migrazioni di animali marini, pesci migratori, tartarughe migratrici
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Insulo de la Rozoj: l'isola che non c'era

di Fabrizio Fattori

Chi, andando per mare, non cerchi quel pizzico d’avventura ch...

Max Oertz, geniale costruttore tedesco

Max Oertz, nato a Neustadt in Holstein il 20 aprile 1871 e scomparso il 24 no...

La Piroga monoxila di Pesse

di Dario Galassi

Nell’immagine una piroga monoxila (o monossila, dal greco &ld...

Mobilità elettrica il futuro tra noi

di Fabrizio Fattori

Muoversi con rapidità ed efficienza è un obbligo dei ...

Van Rietschoten, l'Olandese Volante

L'unico skipper ad aver vinto due volte il massacrante giro del mondo in equipaggio...

© COPYRIGHT 2011-2018 - NAUTICA REPORT - REGISTRAZIONE TRIBUNALE DI ROMA N.314 DEL 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI