Il Dio del Mare - Report - NAUTICA REPORT
Report / Il Dio del Mare
Il Dio del Mare

Il Dio del Mare

Secondo la mitologia abitava in fondo al mare e comandava mostri marini e tempeste

Nettuno (in Latino Neptunus) è una divinità della religione romana, dio delle acque correnti, e in seguito divenne, dopo il 399 a.C., il dio del mare, trasformandosi nell'equivalente del dio greco Poseidone.
 

Già Cicerone nel suo trattato ‘Sulla natura degli dei’ così lo descrive: “ …Il primo regno, cioè il dominio su tutto il mare, fu affidato a Nettuno che la tradizione vuole fratello di Giove…”



 

Poseidone

 

Malgrado il fatto che il suo culto si sviluppò dopo il suo accostamento a Poseidone, Nettuno fu sempre meno popolare fra i marinai. Inoltre veniva anche identificato con Nethuns, il dio etrusco delle acque dolci e dei pozzi.
 

Secondo la mitologia abitava in fondo al mare e comandava ai mostri marini e alle tempeste. Viene spesso rappresentato su di un carro trainato da cavalli marini, e con un tridente nella mano destra come simbolo di comando.
 

 
Salacia

Veniva onorato il 23 luglio, con le festività dei Neptunalia, a cui furono poi uniti i ludi Neptunialicii (dal III secolo a.C.). Il suo tempio si trovava al Circo Flaminio all'interno del Campo Marzio a Roma e nella mitologia Romana aveva una divinità associata detta a volte Salacia a volte Venilia.

Nettuno, signore del mare e delle acque, ha dato il nome al Nettunismo, una teoria proposta del geologo tedesco Abraham Gottlob Werner nel XVIII secolo, secondo la quale tutte le rocce avrebbero avuto origine marina.


Denominato Nettuno nella mitologia romana, Poseidone, fratello di Zeus era il Dio del Mare, il protettore dei cavalli, colui che scatena i terremoti.  La relazione tra il mare e i cavalli viene giustificata da alcuni studiosi i quali affermano che originariamente Poseidone doveva essere nato come Dio-cavallo e che solo successivamente sia stato associato al mare, quando i popoli greci cominciarono a dedicarsi più alla pesca e ai commerci marittimi che alla coltivazione delle terre.
 

 
Zeus

In alcune leggende, Poseidone compare come il fratello maggiore di Zeus, in altre come il fratello minore. La più accreditata rimane quella che accomuna tutti i fratelli e sorelle, secondo la quale il padre Crono divorava i suoi figli alla nascita per evitare di cadere vittima della profezia che a sua volta lo condannava  ad essere spodestato dai propri eredi.
 

Ma Rea, moglie di Crono, stufa di vedersi divorare tutti i figli, alla nascita dell’ultimo, Zeus, mise in atto uno stratagemma: sostitui il piccolo con un sasso e lo copri con delle fasce affinché il marito non scoprisse l’inganno e lo divorasse. Una volta cresciuto, Zeus poté affrontare Crono e liberare tutti i suoi fratelli costringendo il padre ad espellerli da suo ventre rigettandoli. A sorte si divisero i vari regni e Poseidone divenne così il Dio dei Mari. In età adulta prese in moglie Alia, la quale partorì sei figli maschi ed una figlia femmina di nome Rodo.


Anche il Dio del mare, come suo fratello Zeus, vanta una lunga lista di amanti, sia tra le Dee (tra cui Afrodite, Anfitrite, Calice, Clito, Demetra, Cea, Melia, Medusa etc…), sia tra ninfe e donne mortali (come ad es. Alope, Amimone, Autiope, Arene, Aretusa, Cenide, Cerebia, Chione, Enope, Etra, Europa, etc…).
 

 
Medusa Gorgone

Fu proprio a causa della relazione sentimentale con il Dio del mare se Medusa Gorgone venne trasformata nel mostro con i serpenti al posto dei capelli che tutti conosciamo. Infatti ella, si narra, consumò la sua unione amorosa con il possente Dio sul pavimento di un tempio dedicato ad Athena, la quale per vendicarsi della sfacciata mancanza di rispetto trasformò la giovane in un orribile mostro in grado di pietrificare ogni essere vivente che avesse incrociato il suo sguardo.

Numerose erano altresì le celebrazioni in onore di Poseidone soprattutto da parte dei pescatori e dei marinai, il cui atto sacrificale consisteva nell’annegare cavalli di razza. Per dimostrare la sua benevolenza, il Dio del mare permetteva loro di navigare in acque calme e trovare nuove e buone terre per l’approdo delle proprie navi.

 

Se offeso o irato invece, Poseidone scatenava tutta la sua furia distruttiva, generando delle tempeste così violente da uccidere chiunque. 

 

www.mitiemisteri.it
 

Titolo del:

Tags

Nettuno, Poseidone, mitologia, Afrodite, Anfitrite, Calice, Clito, Demetra, Cea, Melia, Medusa
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Abel Tasman, al servizio della Compagnia delle Indie Orientali

Ha dato il nome allo stato dell'Australia

Abel Janszoon Tasman  navigatore, esploratore e cartografo ola...

I Piombi di Venezia, prigione per i VIP della Serenissima

I detenuti godevano di molte facilitazioni

I Piombi sono un'antica prigione sita nel sottotetto del Palazz...

La giusta guerra di Salvatore Todaro

di Fabrizio Fattori

Il dolore connesso con gli eventi bellici è spesso dato per ...

Highlands, terre di Gaeli e Highlander

Una delle pi belle regioni d'Europa

Le Highlands scozzesi sono la regione montuosa della Scozia, posta ...

Sir Francis Chichester, il primo a 65 anni ''Solo'' intorno al mondo

Sula Gypsy Moth IV, barca entrata nella storia

Sir Francis Chichester (Barnstaple, 17 settembre 1901 - Plymouth, 2...
Turismo e ormeggi
Isola di Dino (CS) - L'isola che c'
L'isola di Dino è la maggiore delle due isole calabresi; l'altra è l'Isola di Cirella. Sorge sulla costa nord occidentale del Tirreno calabrese, di fronte l'abitato di Praia a Mare in Provincia di Cosenza, davanti Cap
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 22/05/2022 07:30

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI