Delfini d'acciaio - Report - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi
Ravenna - Capitale del mosaico a vocazione marinara
È la città più grande e storicamente più importante della Romagna; il suo territorio comunale è il secondo in Italia per superficie, superato solo da quello di Roma e comprende nove lidi sul litora
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 21/11/2018 07:15
Report / Delfini d'acciaio
Delfini d'acciaio

Delfini d'acciaio

L'equipaggio di un sommergibile classe Toti era costituito, dopo alcuni "aggiustamenti" apportati dalla nascita fino agli anni '80, dal seguente personale:  
 

UFFICIALI

 

Comandante

Ufficiale in 2^ e AS

Direttore di Macchina

Ufficiale di Rotta
 

SOTTUFFICIALI
 

Contabile di Macchina

Nostromo

Capo Ecogoniometrista +2 sottordini

Capo silurista +1 sottordine

Capo telegrafista

Capo radarista +1 sottordine

Capo Macchina +3 sottordine

Capo Elettricista +2 sottordine

Infermiere

Furiere segretario

Cuoco
 

Erano inoltre assegnati, in numero variabile a seconda dell'attività del battello e delle necessità di addestramento un certo numero di tirocinanti. L'attività del personale veniva scandita da 3 momenti particolari: la navigazione, l'attività in porto e l'attività con il sommergibile ai lavori. 

La navigazione 
 

La navigazione inizia in genere il giorno prima con i preparativi per testare tutti i macchinari, acquistare i viveri, considerare gli aspetti della missioni e i materiali (dalle armi alle carte nautiche) che possono servire. 
 

L'assemblea nella banchina del sommergibile è il primo atto: dopo l'appello in genere l'ufficiale in 2^ dà le eventuali disposizioni di dettaglio e quindi l'ordine del Comandante: "preparativi per l'uscita in mare pronti alle zerocinquezerozero". 
 

L'equipaggio sale a bordo e avvia gli ultimi macchinari, il Comandante e il 2^ in plancia mentre il direttore di macchina sovrintende i preparativi all'interno e l'ufficiale di rotta dà i rilevamenti dei punti cospicui dal periscopio. I sottufficiali, il fondamentale braccio destro degli ufficiali, seguono ed eseguono in dettaglio le operazioni per mollare gli ormeggi. 

 
E appena questi sono mollati il cuoco (che dava una mano in coperta) inizia subito a produrre caffè. 


Arrivati a poche miglia dal porto di partenza il battello si prepara all'immersione, l'ultimo raggio di sole per molto tempo... Chiuse tutte le comunicazioni con l'esterno il Direttore comunica il "pronti all'immersione" e dopo l'autorizzazione del Comandante (che rimarrà al periscopio per tutta la manovra) i classici 2 fischi avvertono l'equipaggio che E' ORA.

 

Adesso il sommergibile è nel suo elemento naturale e anche l'equipaggio assume i ritmi, ora lenti ora frenetici, della navigazione subacquea. 


Tutto il personale svolge turni di guardia di 4 ore intervallati da 4 ore di riposo a meno di poche eccezioni. 

 

Il Comandante ad esempio: lui non fà guardie perchè è SEMPRE di guardia! 
Anche gli ecogoniometristi (gli addetti al sonar) seguono un turno diverso: 4 ore di guardia e 8 di riposo; loro sono l'unico contatto con l'esterno e non possono permettersi di perdere la concentrazione. 
 

Un'altra guardia in 4 e 8 è quella dei timonieri orizzontali, un lavoro molto arduo quando si tratta di timonare a quota periscopica con una tolleranza di pochi centimetri e il mare è agitato! 

Anche il cuoco non fà guardie ma la sua giornata inizia alle 6 e finisce a mezzanotte di ogni giorno tra il preparare i pasti e lavare le pentole. 

Vediamo una giornata tipo in navigazione: alle 07.30 il capo silurista (che è di guardia a prora) viene a darvi la sveglia. Saltate giù dalla vostra branda in pieno buio e vi dirigete verso la fila per il bagno passando e salutando i colleghi di guardia in manovra. Tornate a prora, fate la fila per il lavandino e poi vi dirigete verso il vostro posto di guardia. 


 

Sorseggiate il caffè ( o il latte) con qualche biscotto mentre vi passate le "consegne" (significa aggiornarsi sulla situazione del sommergibile in relazione alla vostra guardia ed eventuali disposizioni ricevute per adempiervi al meglio) e poi assumete la guardia comunicandolo all'ufficiale in comando. 
 

Se siete in esercitazione tutte le vostre attenzioni sono proiettate al maggiore silenzio possibile e al miglior modo di trovare l'avversario; se siete in una navigazione di trasferimento aspettatevi qualche esercitazione, in genere antincendio. 
 

Alle 11.55 (ma spesso anche qualche minuto dopo) arriva il vostro collega a rilevarvi nella guardia. A prora i tavoli sono già apparechiati dalla mensa precedente, manca solo il pasto che stà per essere servito. 


 

Finito di mangiare (primo, secondo, frutta fresca o in scatola, caffè) in genere c'è qualche documento da compilare per gli ufficiali e qualche manutenzione da curare per i sottufficiali. Se va male c'è anche qualche avaria da riparare. Alle 15.30 è pronto il tè con qualche biscotto e poi tornate a montare di guardia per altre 4 ore. Dopo la cena in genere si guarda un film alla televisione (col videoregistratore perchè le onde radio non arrivano sott'acqua) o si fà una partita a carte. Negli anni 80 il quintilio andava per la maggiore... 

Molti, specialmente quelli che sono di guardia in 4 e 4, preferiscono andare in branda a riposarsi. Nel frattempo,in camera manovra, le luci sono passate dal bianco al rosso. Il motivo è semplice: le pupille di chi è di guardia devono essere adatte all'oscurità in qualsiasi momento, che si sia a quota periscopica (e quindi deve esplorare l'orizzonte) o che si sia a quota profonda (perchè potrebbe essere necessario tornare rapidamente a quota periscopica). In locale macchine la luce rimane bianca mentre a prora sono accesi solo i "testaletto" per i pochi che hanno voglia di leggere. 

Alle 01.30 vi vengono a svegliare di nuovo, in una navigazione lunga si preferisce infatti fare 6 ore di guardia la notte in modo che a turno si riesca a riposare un poco. Rilevate assonnati il vostro collega, magari mangiando un pezzo della pizza di mezzanotte: una istituzione nella Marina Militare ma anche un espediente che aiuta a rimanere svegli durante la notte. Se non intevengono avarie o emergenze la notte passa raccontandosi barzallette, aneddoti, sfottendo amichevolmente il collega o anche giocandosi in una specie di lotteria chi pagherà le cocacole da abbinare alla pizza. 


 

L'accensione delle luci bianche in manovra segnalano che nel mondo esterno è sorto il sole e manca poco per andare a dormire, alle 07.55 il vostro collega viene a rilevarvi e voi vi tufferete nella branda ancora calda del corpo del vostro collega, senza neanche accorgervi del tanfo che vi può ristagnare dopo tanti giorni di navigazione. 
 

Ma il sonno sarà fin troppo breve perchè alle 11.00 vi daranno la sveglia per apparecchiare, nutrirvi e preparavi a rilevare il collega. Questo sempre se non ci sono avarie da riparare o emergenze da contrastare perchè in questo caso il riposo diminuirà in maniera esponenziale! 

In porto 

L'attività in porto inizia alle 08.15 con l'assemblea di fronte al battello, l'ufficiale in seconda che dà le disposizioni e le informazioni di massima per la giornata. Sciolta l'assemblea generale ogni reparto fà la su assemblea per valutare eventuali problematiche verificatesi durante la notte, le manutenzioni previste per la giornata e le eventuali avarie da aggiustare. Segretario, infermiere, cuoco tornano in caserma nella loro segreteria; gli altri sono a bordo o per le officine dell'Arsenale per seguire gli apparati in manutenzione. 
 


 

Alle 13.00 mensa, dopo caffè e amaro alle 14.00 nuova assemblea a bordo per proseguire con i lavori già iniziati. Il "cessa lavori", normalmente alle 16.30, raramente riuscirete a rispettarlo... Potreste anche essere di guardia. Dopo un primo periodo in cui il battello non era presidiato in orario non lavorativo, già dai primi anni '70 dormiranno a bordo un sottufficiale anziano con compiti di capo guardia, un sottufficiale tecnico e tre sottufficiali/marinai giovani per la guardia armata in coperta. Ognuno, ad orari stabiliti, dovrà effettuare delle ronde dentro e fuori il sommergibile. 

In bacino 
 

L'attività in bacino è solo simile a quella in porto. Le categorie non interessate dai lavori approfittano per impostare turni di licenza, le più sfortunate seguiranno le ditte a bordo o eseguiranno di persona i lavori di smontaggio, rimontaggio e manutenzione. D'estate il caldo a bordo supera i 50°C, d'inverno raramente sale sopra i 10°C. 
 


 

Molti pezzi devono essere seguiti fino in ditta o in arsenale e, quando possibile, si invia il personale più qualificato a fare dei corsi presso le ditte che hanno costruito i macchinari di bordo.
 

Raramente quello del bacino è considerato un periodo felice per l'equipaggio. 
 

 

www.delfinidacciaio.it

 

Fonte: delfinidacciaio.it
Titolo del:

Tags

sommergibili, sommergibilisti, classe Toti, sottomarini
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Ching Shih, spietata ''Piratessa''

di Fabrizio Fattori

Intorno alla vita e alle storie dei pirati si è sempre conce...

Herman Melville, successi e dolori del: ''The Whale Writer''

Herman Melville autore nel 1851 del romanzo Moby Dick, considerato uno dei capolav...

La pirateria nel Golfo dei Caraibi - I ''Diavoli del mare'' che terrorizzarono le colonie spagnole

Di Roberta Gallina

Le "Indie Occidentali", scoperte da Cristoforo Colombo, f...

Quando infuria il Libeccio

di Rosario Concilio

Esistono popolazioni costiere abituate da sempre a convivere con la...

Arandora Star: il tragico destino di una nave da crociera

Di Fabrizio Fattori

Tra gli eventi che condizionano la vita degli uomini certamente i p...

© COPYRIGHT 2011-2018 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI