La goletta ''N° 5 Elbe'' la banalità della sfortuna - Report - NAUTICA REPORT
Report / La goletta ''N° 5 Elbe'' la banalità della sfortuna
La goletta ''N° 5 Elbe'' la banalità della sfortuna

La goletta ''N° 5 Elbe'' la banalità della sfortuna

di Fabrizio Fattori

Si sa navigare è pieno di imprevisti ma a volte a questi si aggiungono le banalità dei fatti e la leggerezza delle scelte … spesso con disastrosi accadimenti.

 

Quanto capitato alla goletta, banalmente contraddistinta dal nome “N°5 Elbe”, in relazione alla sua originaria zona di competenza, dopo un costosissimo restauro sembra essere il risultato di scelte non appropriate da parte del suo equipaggio che manovrando in un tratto fluviale in prossimità di Amburgo non ha tenuto conto sufficientemente della presenza dell’intenso traffico commerciale di uno dei porti più trafficati d’Europa.

 

Lo scontro con un porta containers cipriota pur evitabile, non e stato evitato. L’impatto con la massiccia mole dell’ “Astro Sprinter”, il cui nome rimanda ad un’ eccessiva velocità di navigazione, è stato fatale. Una falla aperta nello scafo di legno, il tracollo dell’albero maestro, hanno portato al rapido affondamento del naviglio che essendo destinato a brevi crociere turistiche aveva a bordo circa 43 persone, per altro prontamente salvate dal servizio di soccorso presente nell’area, anche se non tutte indenni, così come è stato arginato il pericolo di fuoriuscita di carburante. Il cargo ha continuato la sua corsa praticamente senza danno alcuno.

 

La goletta costruita nel 1883 conosciuta anche con il nome di “Wander bird” era stata sottoposta ad un accurato restauro in Danimarca, costato circa 1.500.000 euro e mille ore di lavoro, e destinata, nello splendore dei suoi 37 metri, dei suoi due alberi e delle sue vele auriche, ad essere uno dei pochi velieri in legno di quel periodo sopravvissuti a vanto e gloria della cantieristica amburghese.

 

Dopo una lunga carriera al servizio dei piloti nell’area dell’estuario dell’Elba, divenuta proprietà privata compie diverse attraversate oceaniche compreso il passaggio di capo Horn (1937). Dopo il restauro vivrà solo pochi giorni di splendore ( 29 maggio – 8 giugno 2019) a beneficio dei pochi turisti che vi hanno compiuto brevi crociere o l’hanno ammirata all’ormeggio. C’è comunque da essere certi che verranno trovati altri soldi per un successivo restauro così come un altro più esperto equipaggio.

 

Fabrizio Fattori
 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Eugène Cornu, architetto di ''Stelle''

Nel 1943 nacque il famoso Bélouga che decretò il vero inizio della sua carriera

Eugène Cornu è stato un architetto navale francese, n...

Mary Celeste: la nave fantasma

Il 4 dicembre del 1872 fu avvistata, alla deriva, a vele spiegate, verso lo stretto di Gibilterra senza alcuno a bordo

La Mary Celeste era un brigantino canadese varato in Nuova Scozia, ...

Royal Thames Yacht Club - Nessuno come lui!

di Tealdo Tealdi

Primo Yacht Club della storia, fondato nel 1775 dal Duca di Cumberl...

Il Canale di Panama

Il canale di Panama è un canale artificiale che attraversa l'istmo di Panama...

Viaggio in Vietnam e Cambogia - Khmer, un impero sull'acqua

di Fabrizio Fattori

La disponibilità di risorse idriche ha da sempre condizionat...
Turismo e ormeggi
Ispica - Santa Maria del Focallo (RG) - Mare, sole e Kitesurf
Santa Maria del Focallo è una frazione di Ispica, comune della provincia di Ragusa in Sicilia e dista circa 9 km dal capoluogo comunale.   È una località balneare che si estende
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 21/08/2019 07:05

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI