Fluctuat nec mergitur - Report - NAUTICA REPORT
Report / Fluctuat nec mergitur
Fluctuat nec mergitur

Fluctuat nec mergitur

di Fabrizio Fattori

Questa locuzione latina, simbolo di Parigi, compare nello stemma cittadino insieme all’immagine di un’imbarcazione (Scilicet) che sbattuta dalle onde, resistendovi, raggiungerà, con certezza, un porto sicuro.

 

E’ quanto in queste ore il mondo intero si chiede e spera, di fronte alla tragedia del rogo di Notre Dame, che al di la del valore storico ed artistico è da secoli non solo un simbolo della città e della nazione francese ma un’icona dell’intero mondo cristiano. Sui lungosenna buona parte del mondo guarda attonito quanto accade, molti con le lacrime agli occhi, impotenti ed increduli.

 

La stessa impotenza ed incredulità che frustra il valore e l’abnegazione delle centinaia di vigili del fuoco che hanno fatto il possibile con i loro mezzi rivelatesi insufficienti per una tragedia così enorme.

 

Secoli di storia religiosa, artistica e politica carbonizzati da un rogo il cui divenire, in diretta mediatica, ha coinvolto milioni di persone in tutto il mondo, affratellandolo in uno schock emotivo che forse solo quanto accaduto a New York l’undici settembre del 2001 era riuscito a fare.

 

Quanta similitudine tra il crollo delle torri gemelle e il crollo della guglia centrale della cattedrale francese, nella speranza che la causa non sia la medesima, quell’oscurantismo ideologico-religioso che ha da sempre visto nelle torri il simbolismo di un potere da abbattere.

 

Al momento tra le varie cause, quest’ultimo sembra escluso, anche se questo evento ha suscitato, in recondite parti del mondo e dell’animo umano, entusiasmo.

 

Solo le successive indagini nella navata calcinata ed incenerita tenteranno di capirne la vera causa, per quel che possa servire, magari solo per dar luogo e dispute giudiziarie e a una definizione economica di un danno che non ha in assoluto un valore quantificabile.

 

Ore di lotta hanno riportato alla certezza che le strutture principali, se pur danneggiate, abbiano resistito al fuoco e si parla già di ricostruzione. Rifarla tale e quale a prima sembra un imperativo imprescindibile.

 

Ma forse avrebbe senso affidare il progetto ad un qualche “archistar”, come già si son visti all’opera nella città, che ne ricostruisca il ventre devastato con quella pietas architettonica che nello stridere estetico testimoni l’accaduto e denunci nel tempo la superficialità, l’incompetenza ed il pressappochismo di chi non ha avuto cura di un bene così prezioso per l’intera umanità.

 

Fabrizio Fattori

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

''L'anima dei grandi alberghi di mare e dei laghi.'' Grand Hôtel des Iles Borromées

di Berta Corvi e Vittorio Pedrotti

La storia di un Grande Albergo è sempre legata a delle perso...

Capo Leeuwin, il mistero della ''Leonessa''

Capo Leeuwin è la punta più a sud-ovest dell'Australia, sebbene il co...

Il naufragio del Meduse, 1816

di Fabrizio Fattori

La fregata “Meduse”  prese il largo, insieme ad al...

L'acqua del Re Sole

di Fabrizio Fattori

La grande macchina idraulica (detta di Marly) ideata da Arnold de V...

Le Caravelle di Colombo

La Santa María fu la più grande delle tre navi utilizzate da Cristoforo C...
Turismo e ormeggi
Goro (FE) Tra fiume e mare
Goro è un comune della Provincia di Ferrara in Emilia-Romagna.   L'abitato si formò nella prima metà del XVIII secolo sull'argine destro del Po, tra il fiume e il mare, in un territorio paludoso dove si er
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 19/07/2019 06:40

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI