Max Oertz, geniale costruttore tedesco - Report - NAUTICA REPORT
Report / Max Oertz, geniale costruttore tedesco
Max Oertz, geniale costruttore tedesco

Max Oertz, geniale costruttore tedesco

Uno dei maggiori yacht designer all'inizio del ventesimo secolo

Max Oertz, nato a Neustadt in Holstein il 20 aprile 1871 e scomparso il 24 novembre 1929 a Amburgo, è stato uno dei maggiori yacht designer tedeschi che hanno influenzato in modo significativo la costruzione di yacht all'inizio del 20° secolo.
 

Frachtschiff + Oertz-Ruder im Dock 1958

Max Oertz crebbe nella sua città natale, Neustadt in Holstein, all'età di cinque anni persi entrambi i genitori, visse in una casa adottiva a Berlino. Studiò costruzione navale al Royal Technical College di Charlottenburg. L'amore per la nautica lo portò da Neustadt all'Akademische Segler-Verein (ASV) di Berlino e determinò la sua vita da quel momento in poi.

 

Dopo aver completato gli studi, lavorò come senior designer presso Blekholmens-Varf a Helsingfors (ora Helsinki) per poi aprire un cantiere a San Pietroburgo dove sviluppò la costruzione di yacht da regata (Nahtspantenbauweise).

 

Tornato a Berlino nel 1895, Max Oertz costruì per il banchiere berlinese Barthold Arons Luna il primo yacht da regata interamente in alluminio.

 

Gli yacht di Oertz erano famosi per la loro velocità ed eleganza, senza trascurare il comfort a bordo. Oertz era un appassionato perfezionista che curava ogni dettaglio nei disegni di uno yacht. Quindi maturò in lui il desiderio di costruire le sue barche nel proprio cantiere navale. 

 

Nel 1895 Max Oertz con il suo amico Hans Harder sulla Reiherstieg in Amburgo acquisì il cantiere Dreyer rinominandolo Max Oertz & Harder. Nel 1902 il cantiere fu da lui rilevato diventandone l'unico proprietario.
 


 

Lo Schooner Germania Foto: Sir James - https://1.2.3.11/bmi/www.yacht.de/typo3temp/pics/6_5155e2194d.jpg (Yacht.de; evtl. Historisches Archiv Krupp; Fotograf unbekannt).

 

Max Oertz raggiunse la sua grande popolarità costruendo il grande schooner Germania, commissionato da Gustav Krupp von Bohlen und Halbach nel 1907, definito " Tedesco dalla chiglia all'asta della bandiera ", lo yacht divenne un simbolo per il  fatto che la cantieristica locale era finalmente riuscita a raggiungere le altre nazioni industrializzate di allora, soprattutto l'Inghilterra. 

 

Fatta eccezione per gli alberi costruiti in Oregonpine americano, tutto il materiale, anche le vele di cotone, provenivano dalla Germania. Nel 1909 progettò Meteor IV per l'Imperatore Guglielmo II lungo 47.14 m. e nel 1914 Meteor V, entrambi costruiti nel cantiere navale Krupp Germania a Kiel.
 


 

Il Meteor IV - Foto: https://commons.wikimedia.org/wiki/File:KielerWoche1A1.png

 

Un totale di 450 yacht e barche furono prodotti nel cantiere ad Amburgo. Durante la prima guerra mondiale furono costruiti i motoscafi LM 5, LM 6, LM 14-16 e LM 27-30 (barca veloce con motore Luftschiff) e il piccolo sottomarino distruttore UZ 9 e IP 10 per la Marina Imperiale,
 

Ma Oertz costruì soltanto yacht e motoscafi veloci. I suoi progetti includevano aeroplani e palloni aerostatici. Per la Zeppelin Oertz costruì un pallone spia, per l'osservazione dei movimenti sopra le nuvole dei dirigibili militari, poteva essere abbassato con una lunga corda sotto la copertura nuvolosa. Come il suo collega americano Starling Burgess Oertz era interessato al mercato aereonautico.
 


 

Pesa

 

Già nel 1909 costruì il suo primo aereo a motore, nel 1911 la prima fusoliera aerodinamica chiusa. Per la Marina Max Oertz costruì diverse imbarcazioni e mantenne per voli di prova il proprio campo d'aviazione a Schneverdingen. I velivoli più noti erano gli Oertz W6 un biplano con una doppia coda.

 

Nel 1918 fu insignito del dottorato onorario in ingegneria (Dr. Ing. Hc ) dall'Università Tecnica di Darmstadt per i suoi servizi nel settore dell'aviazione.
 


 

Aello

 

Nel 1922, Oertz si ritirò dal cantiere che era stato venduto e lavorò come designer freelance. Dopo la guerra Oertz costruì barche da pesca rivoluzionando la pesca a strascico attraverso l'uso di una rete da traino curva che a tutt'oggi rappresenta lo standard di questo tipo di pesca.

 

Max Oertz nell'ambito dello yacht design ottenne numerosi brevetti. Uno di questi il timone Oertz, montato anche sul transatlantico Rex, che ridusse del 15% la resistenza in acqua e il diametro di sterzata di una nave. Seguirono altre iinvenzioni di motori e record di velocità.
 


 

Il transatlantico Rex

 

Dal 1926 Max Oertz affrontò anche l'aerodinamica dei camini delle grandi navi oceaniche. Il 24 novembre 1929 Max Oertz morì ad Amburgo per le conseguenze di un infarto.

 

Gli yachts
 

Lo schooner Germania, costruito sul Germaniawerft per Gustav Krupp von Bohlen und Halbach fu completato nel 1908. Fu il primo yacht da regata di queste dimensioni disegnato e costruito in Germania. In seguito al successo dell'imbarcazione Max Oertz ricevette importanti commesse. Per la prima volta grande entusiasta della vela fu il Kaiser Wilhelm II che gli commissionò due yachts il Meteor IV (1908) e il Meteor V(1913).
 


 

Meteor IV in Travemünde (1910) - Foto Die Kaiseryacht Meteor IV liegt am Ufer des Priwalls in Travemünde. Blick über die Trave auf das alte Travemünde.

 

Numerosi yacht di varie classi furono disegnati da Max Oertz e il Kaiser Wilhelm ordinò le classi speciali da Samoa I a III da da Angela I a IV nati per il principe ereditario tedesco, Oertz diventò famoso per le classi speciali da Wannsee I a IX, costruite per conto del Berliner Verein Seglerhaus am Wannsee. Condotte alla vittoria dal navigatore tedesco di maggiore successo Otto Protzen. Tra le classi speciali esistenti oggi la più antica sopravvissuta (S OE 1) risale al 1904.

 

Altre costruzioni di yacht:

 

- Sea cruiser 150 KR Prosit III (1918)

- Swordfish Dora (1894)

- Racing Yacht Marina (1894)

- Barca da regata Navigare necesse est (1894)

- Barca da regata in alluminio Luna (1895)

- Renn- und Fahrtenyacht Prosit (1898) dell'Akademischer Segler-Verein a Berlino.

- Schooner Margola (1898)

- Racing yacht Klein Polly (1899). il primo yacht tedesco partecipante a regate in Francia.

- Racing Yacht Polly (1900)

- IIB Cruiser Yacht Carola (1905)

- Barca a vela Skidbladnir (1905)

- Racing yacht Felca (1906). Vincitore nella gara internazionale per la Coppa di Francia nel 1906

- 12mR Sword Yacht Davo II (1911)

- Motor Cruiser Roland (1910)

- 12mR yacht Heti (1912) per l'imprenditore Lubecca e presidente del LYC Hermann Eschenburg

- 19mR yacht Cäcilie (1913)

- 8mR Yacht Stint (1914)

- Cacciatorpediniere sottomarini veloci, imbarcazioni LM, motosiluranti a siluri e barche poco profonde per la Marina Imperiale (1916-1917)

- Eight Oertz trawler per la compagnia di navigazione Cordes & Peters, Lübeck. Da Holsten HH 177 1925 il cutter è stato di Amburgo , con la Carl Kircheiß navigato in tutto il mondo

- Schooner Yacht Aello (1922) per l'Egitto

- Motor yacht a doppia vite Camalote (1922) per un banchiere argentino

- Incrociatore da corsa Marianne (1925) per Franz Brinkmann

- Ketsch Senta (1928) per il cantiere navale Lavori tedeschi, dal 1931 in possesso della famiglia Schmidt, Brema, 1935 presso A & R convertiti allo Spreizgaffelketsch.
 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Van Rietschoten, l'Olandese Volante

L'unico skipper ad aver vinto il giro del mondo per due volte

L'unico skipper ad aver vinto due volte il massacrante giro del...

La Lanterna: la Superba dei Mari

La prima torre risale all'epoca medioevale (1128)

La Lanterna di Genova è il faro portuale del capoluogo ...

Galata - Museo del Mare di Genova

Il museo dedicato al mare Ŕ il pi¨ grande dell'area del Mediterraneo

Il Galata - Museo del Mare di Genova è il museo dedicato al ...

America's Cup. Thomas Lipton, il pi¨ grande e instancabile perdente

di Mario Scialoja

Shamrock III, di nuovo progettato da Fife, ha un’ottima veloc...

Il Museo delle Navi Romane di Nemi: la Casa di Caligola

Il Museo rappresenta un centro fondamentale per il consolidamento del rapporto con il t...
Turismo e ormeggi
Porto di Calasetta: un paradiso di approdo nell'isola di Sant'Antioco
Un 'isola nell'isola, un paradiso nel paradiso. Si chiama Sant'Antioco, si trova nel Sud della Sardegna, il suo territorio si compone di due paesi e un mare di natura, storia, cultura, ottima cucina. Meraviglie tutt
Fonte: Nautica Report
Titolo del: 16/09/2019 06:50

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI