Giano, il primo Ingegnere Navale - Report - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi
Anzio (RM) - La villeggiatura degli imperatori
Anzio è un comune della provincia di Roma nel Lazio.   L'antica città di Anzio, in latino Antium (le attuali Anzio e Nettuno), fu per un lungo periodo capitale della popolazione dei Volsci, finché non venne as
Fonte: wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 23/04/2019 07:40
Report / Giano, il primo Ingegnere Navale
Giano, il primo Ingegnere Navale

Giano, il primo Ingegnere Navale

di Fabrizio Fattori

Arcaica figura esclusiva della mitologia, italica, latina e romana, forse di derivazione sumerica, il cui nome rimanda alla “porta” intesa come luogo di passaggio tra il dentro ed il fuori e per estensione tra il presente ed il futuro. Viene rappresentato come un uomo maturo con il volto “bifronte” con in mano una chiave ed un “cardine”.

 

A Giano viene attribuito il nome del primo mese dell’anno e da lui prende il nome il colle Gianicolo, a lui consacrato, essendo quel luogo sovrastante Roma un punto di transito tra il mondo etrusco ed il mondo latino.

 

Preposto dunque ad ogni inizio, passaggio o transito materiale od immateriale si arricchisce nel tempo di ulteriori significati sino a permeare ogni attività umana. Lo stesso tempio di Giano che manteneva , nel foro, le porte aperte in caso di guerra testimonia la transitorietà dell’evento bellico.

 

Nel mito è considerato il primo re del Lazio, fondatore di un villaggio sul colle Gianicolo, dispensatore di civiltà e prolifico “Pater”, tra i vari figli anche Tiberino divinità fluviale romana. In questa veste di apportatore di conoscenza il mito gli attribuisce anche il ruolo di costruttore navale e maestro nell’arte del navigare.

 

Egli progetta la prima imbarcazione definendone gli aspetti tecnici, le proporzioni le misure e i pesi al fine di renderla sicura per consentire, coerentemente con il suo ruolo mitico, il transito da un luogo ad un altro.

 

Sono state rinvenute monete del III° secolo a.c., tra le più antiche della monetazione romana, dove compaiano in abbinamento sulle due facciate la prua di una nave e la testa bifronte della divinità.

 

Nel rinascimento è ancora viva questa similitudine e vari autori ripropongono Giano quale costruttore di navi, in particolate un disegno attribuito alla scuola del Mantegna, lo ritrae all’opera circondato dagli attrezzi atti alla realizzazione di una imbarcazione.

 

Fabrizio Fattori

 

Foto in copertina: Asse con l'effigie di Giano e la prora di una nave. Circa 240-225 a.C. https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Vecchi_051_-_transparent_background.PNG

Fonte: Nautica Report
Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

La gondola e gli ''Squeraroli''

La gondola è un'imbarcazione tipica della laguna di Venezia.   ...

Storia del costume da bagno

Il XX secolo è considerato, a tutta ragione, quello in cui si sono succeduti i p...

Il Rio delle Amazzoni

Il Rio delle Amazzoni è un fiume dell'America meridionale che scorre attrave...

Verso Kythnos, momenti di anarchia

di Francesca Carignani - Foto di Giovanni Rinaldi

Questa non è una democrazia, le acque in cui navighiamo sono...

Il punto dove tutti i venti arrivano da Sud

di Tealdo Tealdi

Arrivare al Polo Nord a bordo di una nave mossa dall’energia ...

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI