ÍTILLÍ : nuotare e correre, la nuova frontiera dello sport estremo - Report - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi
Isola San Francesco del Deserto (VE)
San Francesco del Deserto è un'isola della Laguna Veneta, con un'estensione di circa 4 ettari, situata tra Sant'Erasmo e Burano. Ospita un convento di frati minori, originariamente fondato dallo stesso San Francesco.  
Fonte: wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 25/09/2018 06:50
Report / ÍTILLÍ : nuotare e correre, la nuova frontiera dello sport estrem...
ÍTILLÍ : nuotare e correre, la nuova frontiera dello sport estremo

ÍTILLÍ : nuotare e correre, la nuova frontiera dello sport estremo

Di Fabrizio Fattori

Sembrava un gioco da ragazzi. Una sfida infantile a “chi arriva primo” e non qualcosa destinato a diventare una pratica di moda tra chi ama svolgere  attività fisica in piena natura.

 

“ÖTILLÖ: da isola a isola” questo il termine svedese che identifica questa nuova attività inventata, per scommessa, diversi anni fa da alcuni ragazzi alla periferia di Stoccolma e divenuta ben presto disciplina sportiva apprezzata a tutte le latitudini. “Swimrun”, nuotare e correre in ambienti incontaminati (o quasi) per chilometri e chilometri alternando le due pratiche a ritmo incalzante.


 


 

Foto da The Local

 

Mare, fiumi, laghi si alternano a foreste , pianure e arenili, in un divenire chilometrico che impegna i partecipanti fisicamente ma che consente anche momenti di ineguagliabile esperienza naturalistica. Ad oggi sono migliaia gli amatori di questa disciplina che in diversi paesi d’Europa e non solo, Italia compresa, si iscrivono alle gare annuali indette dalle singole associazioni.

 

L’attività mette a dura prova gli atleti, sia individualmente sia a livello di squadra. Nel nord Europa il vincolo di squadra è addirittura sancito da una corda, più o meno lunga, che lega la coppia indissolubilmente. Al traguardo non si arriva in molti ma il partecipare gratifica tutti al di là della consistente fatica.
 


 

Foto da Class Life

 

Le distanze, sancite da regole, più o meno, riconosciute internazionalmente, variano dai 5 km ai 75 km (limite massimo fisicamente sopportabile ma destinato ad essere ampliato) dove il nuoto assorbe circa il 15% del percorso.

 

Sono consentiti equipaggiamenti che contribuiscano alla buona riuscita della gara, in particolare un  galleggiante  (pull buoy) da stringere tra le ginocchia per consentire il riposo dalla corsa durante la frazione nuoto, ma anche leggerissime scarpe che non intralciano il nuoto, nonché mute protettive per le acque fredde, occhiali da nuoto, cuffie e quanto possa garantire un buon risultato.

 

In Italia, nel 2014, si è svolta la prima gara indetta in assoluto fuori dai confini svedesi, quindi in acque calde. Le iniziative si sono moltiplicate anche grazie al “Comitato per lo Sviluppo dello Swimrun in Italia” (CSS) che ha facilitato lo svolgersi di competizioni in varie regioni.

 

Fabrizio Fattori

 

Foto di copertina da LOST Swimming

 

Fonte: Nautica Report
Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Cino Ricci e Azzurra, la prima sfida italiana alla Coppa

Cino Ricci riminese e cresciuto a Forlì, si avvicina giovane alla vita del mare,...

Arte profonda

di Tealdo Tealdi

In copertina una delle sculture di Jason deCaires Taylor “Il ...

Le Canal du Midi

Il Canal du Midi è un canale artificiale lungo circa 240 km che si trova ne...

Il Cristo degli abissi

Il Cristo degli abissi è una statua bronzea posta nel 1954 sul fondale della bai...

Royal Thames Yacht Club - Nessuno come lui!

Di Tealdo Tealdi

Primo Yacht Club della storia, fondato nel 1775 dal Duca di Cumberl...

© COPYRIGHT 2011-2018 - NAUTICA REPORT - REGISTRAZIONE TRIBUNALE DI ROMA N.314 DEL 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI