La grande impresa del Destriero - Report - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi
Isola di Procida - I. Flegree (NA)
Procida è un comune italiano della provincia di Napoli in Campania. Il territorio comunale comprende interamente le isole di Procida e Vivara.   Le origini del nome dell'isola si perdono tra realtà e leggen
Fonte: www.procida.net e Nautica Report
Titolo del: 21/05/2018 07:10
Report / La grande impresa del Destriero
La grande impresa del Destriero

La grande impresa del Destriero

Il Destriero, costruito dalla Fincantieri, (costruzione 5921 del 1991), è il monoscafo in alluminio con carena a V profondo con propulsione a idrogetti che il 9 agosto 1992 percorse 3.106 miglia nautiche senza rifornimento sull'Oceano Atlantico, da New York (faro di Ambrose Light) al faro di Bishop Rock nelle Isole Scilly in Inghilterra in 58 ore, 34 minuti e 50 secondi, alla velocità media di 53,09 nodi (98,323 km/h), impiegando ventuno ore e mezza in meno del precedente record appartenuto al catamarano inglese (del tipo wavepiercing) Hoverspeed Great Britain. La miglior distanza coperta nell'arco di 24 ore è stata di 1.402 miglia nautiche alla velocità media di 58,4 nodi.

 

L'equipaggio che prese parte all'impresa era composto da Cesare Fiorio, come responsabile e organizzatore, da Odoardo Mancini come comandante, Aldo Benedetti come comandante in seconda, Sergio Simeone come primo ufficiale, Franco De Mei come operatore di telecomunicazioni, Giuseppe Carbonaro come direttore di macchina, Mario Gando e Nello Andreoli come capi macchinisti, Massimo Robino come elettricista, Silvano Federici e Cesare Quondamatteo come motoristi e i tecnici Davide Maccario, Giacomo Petriccione, Giuseppe Valenti e Michael Hurrle.
 


 

Destriero - Foto da FormulaPassion.it

 

Design e costruzione

 

Il Destriero, nato da un progetto dello studio navale Donald L. Blount and Associated, era equipaggiato con tre Turbine a gas General Electric LM1600 (in moduli realizzati dalla tedesca MTU, capaci di sviluppare complessivamente 51.675 hp / 38.535 kW (continui) e collegate a tre idrogetti KaMeWa model 125[10] tramite riduttori Renk-Tacke.

 

L'autonomia a pieno carico era di oltre 3.000 miglia nautiche con una velocità a pieno carico di oltre 40 nodi e nominale (in dislocamento leggero) di oltre 60 nodi.

 

L'unità aveva una LOA (lunghezza fuori tutto) di 67,7 metri, una LBP (lunghezza tra le perpendicolari) di 60,0 metri e una larghezza di 13 metri.
 


 

Destriero - Foto da www.formulapassion.it

 

Come raccontato dallo stesso progettista, gli studi preliminari per il Destriero iniziarono nel 1989 e portarono già a inizio del 1990 alla scelta della forma definitiva dello scafo (del tipo single chime hullform); il contratto con la Fincantieri venne siglato a maggio dello stesso anno. Il costruttore italiano che in quegli anni stava svolgendo ricerca sul campo degli scafi SES (surface effect ship) per il mercato dei traghetti commerciali, dopo il Destriero si indirizzò e concentrò esclusivamente sui monoscafi ad alte prestazioni.

 

Contemporaneamente alla costruzione del Destriero, in Svezia si continuarono a svolgere analisi sia in vasca idrodinamica che con modelli di 7 metri sui laghi e sul mare per lo studio del comportamento dello scafo in condizioni reali; era la prima volta in assoluto che si sperimentavano analiticamente le conseguenze dell'interazione tra idrogetti e scafo su di un natante.
 


 

Destriero - Foto da Navi e Armatori - Approdi di Passione

 

La prima piastra in alluminio dello scafo venne tagliata a luglio del 1990 e il taglio di tutte le parti che compongono l'intera nave venne completamente gestita attraverso macchine a controllo numerico (CNC); la costruzione e l'assemblaggio della struttura del Destriero è avvenuta con le stesse modalità e schemi derivati dalla costruzioni delle unità militari della Fincantieri mentre il design e lo studio aerodinamico delle sovrastrutture è stato curato da Pininfarina.

 

Lo scafo è stato varato il 28 marzo 1991 presso i cantieri Fincantieri di Muggiano, La Spezia.

 

Per quegli anni si trattava della più grande unità navale completamente in alluminio mai costruita (e che montava i più potenti idrogetti mai sviluppati) ma il Destriero, in virtù delle sue potenziali future applicazioni, soddisfaceva anche altri requisiti come una contenuta accelerazione verticale in navigazione con mare mosso, e un basso livello di rumorosità nella zona equipaggio. Inoltre, come riportato dallo stesso Blount, il Destriero dimostrava una notevole efficienza energetica e propulsiva con prestazioni, anche in termini di accelerazione e decelerazione, pari a quelle di un'auto sportiva che giustificavano, in termini di arredamenti interni, l'adozione di soluzioni derivate dalle corse automobilistiche.
 


 

Gesare Fiorio al timone, responsabile del progetto, e il comandante Odoardo Mancini. Collezione A.C. Foto da www.naviearmatori.net

 

Secondo quanto certificato dalla società di classificazione Det Norske Veritas (DNV), la struttura del Destriero consentiva velocità fino a 65 nodi con condizioni del mare Forza 4 (con onde di altezza fino 2,5 metri) e fino a 30 nodi con condizioni del mare Forza 5-6 (con onde di altezza fino 5 metri).

 

 

 

Scheda
 

Tipo                 monoscafo in alluminio
Proprietà Bravo Romeo Ltd.
Cantiere Muggiano, La Spezia
Varata 28 marzo 1991
Destino finale

a febbraio 2009 ormeggiato presso
i cantieri Lürssen sul fiume Weser,
Lemwerder, Brema (Germania)

Caratteristiche generali
 

Dislocamento 400
Lunghezza 67,7 m
Larghezza 13,0 m
Propulsione tre Turbine a gas General Electric LM1600 accoppiate a tre idrogetti KaMeWa model 125
Velocità 40 nodi
Autonomia 3000+ miglia nautiche
Equipaggio 14 (al momento del record del 9 agosto 1992)
Note
Motto                                                                    Excellere L'unità batteva bandiera delle Bahamas
con Nassau come porto di registrazione;
il guidone è quello dello Yacht Club Costa Smeralda

 

Fonte: wikipedia e Nautica Report
Titolo del:

Tags

record di velocità sull'acqua, scafi veloci, imbarcazioni veloci, fincantieri
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Beaufort: marinaio, cartografo, esploratore e ''Principe dei Venti''

Sir Francis Beaufort (Navan, 7 maggio 1774 – Hove, 17 dicembre 1857) è sta...

Gabriel García Márquez - Racconto di un naufrago

Un ricordo del grande Gabo a quattro anni dalla sua scomparsa

«Quella mattina avevo scelto tra la vita e la morte. Avevo de...

Andrea Gail, ''La Tempesta Perfetta''

L'Andrea Gail era una nave da pesca commerciale che naufragò in mare con tut...

Sundarbans: mangrovie e tigri del Bengala

Sundarbans è il nome attribuito alla più grande foresta di mangrovie del ...

Sailing in Scotland: quante emozioni...

La Scozia è la meta ideale, per la nautica da diporto, sia per velisti esperti c...

© COPYRIGHT 2011-2018 - NAUTICA REPORT - REGISTRAZIONE TRIBUNALE DI ROMA N.314 DEL 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - PUBBLICITA' - LAVORA CON NOI