Rolex Capri Sailing Week: come si vince la Tre Golfi - Sport acquatici - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi
Isola di San Michele (VE) - La ''Memoria'' di Venezia
San Michele è un'isola della laguna veneta, posta tra Venezia e Murano.   È nota in quanto, dal 1807, ospita il cimitero monumentale di Venezia e la grande quantità di personaggi illustri ivi sepolti ne fa uno
Fonte: wikipedia.org e Nautica Report
Titolo del: 23/05/2019 06:55
Sport acquatici / Rolex Capri Sailing Week: come si vince la Tre Golfi
Rolex Capri Sailing Week: come si vince la Tre Golfi

Rolex Capri Sailing Week: come si vince la Tre Golfi

Napoli, 11 maggio 2019

Il fascino di regatare di notte è indiscusso e la Regata dei Tre Golfi, prima prova della RCSW, è la regina di queste prove. Ma come si vince una regata di 150 miglia che attraversa 3 golfi diversi per tipologia di costa, venti e correnti? La parola, giusto per seguire il 3, numero perfetto, va ad altrettanti velisti napoletani e blasonati.

Paolo Scutellaro (tattico su Macchia Mediterranea), ex team manager di Mascalzone Latino ad Auckland, la sintetizza così: “I maxi, che sono barche ad altissimo livello, in questa regata non lunghissima e solitamente con poca aria, sfruttano poco la loro velocità e la compensazione li limita molto. Partire bene e controllare i rivali è sicuramente una scelta determinante”.

Francesco de Angelis (tattico su Caol Ila R), unico skipper non anglosassone a vincere la Louis Vuitton Cup nel 1999-2000 al timone di Luna Rossa e sei volte campione del mondo in varie classi tra le quali nel 1987 a Capri classe J24 nel 1989 a Napoli, avverte: “Regata complessa le condizioni posso essere molto variabili, bisogna stare sempre attenti ed essere veloci a stare nelle zone di vento per posizionarsi bene, un piccolo errore lo paghi. Tanti scenari diversi, perciò l’unica cosa da dire è: stai con gli occhi aperti e non rilassarti”.

Paolo Cian (timoniere di Lunz Am Meer) timoniere di Mascalzone Latino alla Louis Vuitton Cup nel 2003 e di Shosholoza, la prima barca africana nella storia della Coppa America, nel 2007, indica i punti da evitare: “Nelle lunghe bisogna pedalare per tutto il circuito e negli eventuali stop and go sotto le isole non bisogna commettere errori e stare sempre con gli occhi aperti. La vittoria non si determina nelle acque del golfo di Napoli, uscire bene in partenza ed agganciare il vento è importante, ma ci sono zone critiche a ridosso di Ischia, andando verso Ponza, e da come si gira proprio sotto l’isola pontina per tornare indietro. Infine occhio ai passaggi di Capri e Li Galli, se si passa alle prime ore del mattino, bisogna stare attenti al vento”.

 

www.rolexcaprisailingweek.com

 

Ufficio Stampa KÜHNE & KÜHNE

Fonte: Ufficio Stampa KÜHNE & KÜHNE
Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Barcolana 51: aperte le iscrizioni. North Sails nuovo partner tecnico. Dee Caffari Testimonial 2019

Trieste, 21 maggio 2019

Barcolana 51 presented by Generali è ai nastri di partenza. S...

Seconda vittoria stagionale sul lago di Ginevra per Alinghi che si trasferisce in Italia per il GC32 Racing Tour 2019

Ginevra, 20 giugno 2019

Ancora un successo per Alinghi, il team di Ernesto Bertar...

36th America's Cup: AC75 foil arm testing succesfully carried out at Persico Marine

18 May 2019

The second round of structural testing of the one design AC75 f...

The Ocean Race - Unfinished business

May 17, 2019 15:00 UTC

Kiwi star Blair Tuke on trying to win the Race that 'pushes you...

Anche il team di Coppa America inglese e quello cinese di SailGP al GC32 Racing Tour 2019

Sir Ben Ainslie e i velisti britannici di Coppa America  hanno confermato la loro ...

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI