Port of Venice: Smart Ship, tecnologie e problematiche associate - News - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi
Isola di San Michele (VE) - La ''Memoria'' di Venezia
San Michele è un'isola della laguna veneta, posta tra Venezia e Murano.   È nota in quanto, dal 1807, ospita il cimitero monumentale di Venezia e la grande quantità di personaggi illustri ivi sepolti ne fa uno
Fonte: wikipedia.org e Nautica Report
Titolo del: 23/05/2019 06:55
News / Port of Venice: Smart Ship, tecnologie e problematiche associate
Port of Venice: Smart Ship, tecnologie e problematiche associate

Port of Venice: Smart Ship, tecnologie e problematiche associate

Venezia, 15 maggio 2019

Smart Ship, tecnologie e problematiche associate è stato il tema affrontato all’hotel Bologna Best Western Plus a Mestre dall’International Propeller Club Port of Venice in collaborazione con Atena, l’Università di Trieste e con il Lloyd’s Register di Trieste.

 

Tema di grande attualità per capire cosa cambierà nel mondo della tecnologia, della sicurezza del trasporto, dell’ambiente, delle infrastrutture e strutture portuali, dell’economia in generale quando già dal 2020 saranno operative le prime unità completamente autonome in ambito locale mentre per il 2025 è previsto l’ingresso di navi autonome nello short-sea e addirittura entro il prossimo decennio questa tecnologia potrebbe interessare navi transoceaniche, cioè servizi a lungo raggio.
 


 

Dunque Smart Ship: navi intelligenti, cioè altamente automatizzate, poi semi autonome e successivamente completamente autonome, cioè senza equipaggio.

 

“Non è una visione a lungo termine - ha esordito il presidente del Club Massimo Bernardo - In questo contesto si stanno infatti bruciando i tempi perché si è capito che è una possibilità che – come hanno annunciato alcune importanti compagnie di navigazione - si potrà verificare, come ho detto, già nell’immediato futuro.

 

Ma allora ci chiediamo perché andare in questa direzione quando non si conosce ancora la sostenibilità economica degli investimenti necessari a sviluppare tali tecnologie? “

 

“La ragione è molto semplice ed è di carattere economico – ha spiegato il presidente di Atena Veneto ing. Walter Prendin - : sembra che le navi autonome possano permettere un risparmio nei trasporti dell’ordine del 20 percento abbattendo i costi per il consumatore finale !! Sarà vero ? Basterà per fare il grande salto con le autonomous ships .????”

 

“Alcuni esperti – come ha affermato il comandante dell’Autorità Marittima del Veneto Amm. Pietro Pellizzari - affermano che dal punto di vista tecnologico non ci sarebbero grandi problemi mentre , di contro, sembra esistano invece problemi dal punto di vista delle regole IMO che ha già classificato le autonomous ship in 4 diversi gruppi ( quelle che adottano sistemi di assistenza remoti; quelle a controllo remoto con equipaggio a bordo; le unità a controllo remoto senza equipaggio ; le navi completamente a guida autonoma) , altri problemi derivanti dall’inadeguatezza del contesto legislativo, dal valore dei premi delle polizze rispetto a quelle oggi applicate su navi tradizionali, dai problemi legati ai cyber-risk, a quelli delle infrastrutture portuali e delle relazioni sindacali fino, dulcis in fundo, all’approvazione di una nuova normativa sovrannazionale per navigare oltre le acque territoriali di quello Stato che ne dovesse approvare la navigazione”.

 

“Smart Ship: panoramica delle tecnologie chiave” è stato il tema trattato dal presidente di Atena Walter Prendin; “Digital ship and te cyber securety in the shipping sector” quello relazionato dsll’ing Paolo Scialla del Lloyd Register di Trieste, “ Sviluppi recenti dei sistemi di supporto decisionale in falla” dell’ing. Luca Braidotti dell’Università di Trieste e “Abbandono di una nave con il suo equipaggio a Titolo 2 della Convenzione MTL 2006“ è stata la relazione di Paolo Siligato Ispettore per il nord Adriatico dell’International Transport Worker’s Federation.

 

Tra i numerosi interventi quelli dell’avv. Marittimista Marco Seppi sugli aspetti legali e giuridici delle smart ships , del presidente dell’associazione Imprese di spedizione del Veneto e v.presidente di Fedespedi Andrea Scarpa e dei rappresentanti della Port Autority Nava e Todesco.

 

Massimo Bernardo

 

In copertina: China's first smart ship launched - Safety4Sea

Fonte: Port of Venice
Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Compagnia della Vela: al via domani la XXXIII edizione del Trofeo Marco Rizzotti - Classe Optimist

Venezia, 23 maggio 2019

Trofeo Marco Rizzotti 2019: 17 squadre e 72 equipaggi della classe ...

Marina Blue Dolphin, approdo sicuro e oasi naturale alle porte di Roma

Attivo e presente sul Fiume Sacro alle porte di Roma sin dagli anni 70, il&nb...

Azimut Yachts sceglie d'Albora come nuovo dealer australiano

Il Gruppo Azimut|Benetti, leader mondiale nella produzione di yacht a motore, ha annunc...

Vendée Globe - This Is a crucial year for sailors looking to participate in the Vendée Globe

The 2019 season kicks off on May 8 with the first IMOCA Globe Series event, the Bermude...

Azzurra: niente vento oggi alla 52 Super Series, si riprende domani

Mahon, Minorca, 22 maggio 2019

Nulla di fatto causa bonaccia, oggi a Mahon per il secondo giorno d...

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI