UCINA: riunione commissione UE su direttiva 2013/53/UE - News - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi
Bari, Porta d'Oriente
Bari è la città più grande ed economicamente più importante che si affaccia sul Mar Adriatico.    È nota per essere la città nella quale riposano le reliquie di San Nicola. Tale privilegi
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 26/04/2019 07:15
News / UCINA: riunione commissione UE su direttiva 2013/53/UE
UCINA: riunione commissione UE su direttiva 2013/53/UE

UCINA: riunione commissione UE su direttiva 2013/53/UE

Genova, 22 marzo 2019

Si è tenuto quest’oggi a Bruxelles, al Conference Centre A. Borschette presso la Commissione Europea, l’incontro del Comitato di lavoro in merito alla Direttiva 2013/53/EU sulleimbarcazioni da diporto e moto d’acqua.

 

Il Comitato, composto dai rappresentanti dei Ministeri di riferimento degli Stati Membri e dai Tecnici delle principali Associazioni europee e internazionali, è chiamato a discutere su eventuali modifiche e interpretazioni a due anni dall’entrata in vigore della Direttiva 2013/53/EU.

 

La nuova Direttiva, a partire dal 2016, ha introdotto tutti gli elementi necessari a garantire procedure efficaci per la valutazione della conformità e la marcatura CE, per l'accreditamento degli organismi notificati (gli enti certificatori) e la vigilanza del mercato, incluso il controllo dei prodotti provenienti da Paesi esterni all'Unione, creando un regolamento più coerente per il mercato unico dell'UE.

 

“In particolare – spiega Stefano Pagani Isnardi, Responsabile dell’Ufficio Studi UCINA Confindustria Nautica, tra i tecnici facenti parte del Gruppo di lavoro, insieme ai rappresentanti di EBI (European Boating Industry) e ICOMIA (International Council of Marine Industry Associations), l’Associazione europea e mondiale della nautica entrambe presiedute da UCINA Confindustria Nautica - tra le tematiche oggetto di verifica del Comitato c’è allo studio la possibilità di un'ulteriore riduzione dei livelli di emissione dei gas di scarico e l'introduzione di limiti alle emissioni evaporative”.

 

In merito alla Direttiva, è disponibile una “Guida alla nuova Direttiva sulle unità da diporto 2013/53/UE” realizzata da EBI e ICOMIA in collaborazione con UCINA Confindustria Nautica.

 

La Direttiva 2013/53/UE

 

Dopo avere consentito per 15 anni il libero scambio di imbarcazioni, motori e componenti nel mercato unico dell'UE, la Direttiva UE sulle unità da diporto 94/25/CE, modificata dalla Direttiva 2003/44/CE, è stata sostituita dalla Direttiva 2013/53/UE, pubblicata il 28 dicembre 2013.

 

Dalla prima applicazione della Direttiva nel 1996, il settore della nautica si è evoluto fortemente e numerose innovazioni, come la propulsione elettrica o ibrida, sono diventate più comuni nei vari mercati europei. Grandi sfide ambientali come i cambiamenti climatici e la qualità dell'aria hanno influenzato e continuano a influenzare le politiche europee in ogni settore, incluso il settore della nautica. Inoltre, l'Unione europea ha rivisto il suo approccio alla normativa sui prodotti e ha adottato, nel 2008, il "nuovo quadro giuridico".

 

La nuova Direttiva include le modifiche determinate dal nuovo quadro giuridico, che introduce tutti gli elementi necessari a garantire procedure efficaci per la valutazione della conformità e la marcatura CE, per l'accreditamento degli organismi notificati (gli enti certificatori) e la vigilanza del mercato, incluso il controllo dei prodotti provenienti da Paesi esterni all'Unione, creando un regolamento più coerente per il mercato unico dell'UE. I requisiti essenziali della Direttiva sono stati aggiornati e resi più chiari per rispecchiare il massimo stato dell'arte nel settore della cantieristica nautica e della produzione di equipaggiamenti.

 

Come già la Direttiva precedente, il nuovo testo stabilisce le condizioni per la prima vendita e la messa in servizio di unità da diporto, motori e di alcuni componenti in Europa. Tutti gli Stati membri dell'Unione europea, nonché i paesi dello Spazio economico europeo (Islanda, Liechtenstein, Norvegia) e la Svizzera, applicano la stessa normativa. È quindi tassativo conformarsi a tutti gli aspetti della Direttiva UE 2013/53/UE poiché quest'ultima garantisce di fatto l'accesso all'ampio mercato europeo, nel quale i prodotti possono essere commerciati e acquistati liberamente.

 

Ufficio stampa UCINA Confindustria Nautica

Fonte: Ufficio stampa UCINA Confindustria Nautica
Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Rizzardi Yachts sulla ribalta del Palma International Boat Show

Sabaudia (LT), 26 aprile 2019

Il cantiere consolida la sua presenza sulla scena internazionale co...

The Ocean Race wins two prestigious global sport industry awards

April 26, 2019 05:50 UTC

The Race fights off competition from the biggest names in sport to ...

Pip Hare: Chasing The Vendée Globe Dream Hard.

Wednesday 24 April 2019, 17H34

British solo skipper Pip Hare has just had her famous IMOCA 60, ori...

Marina Militare: seconda giornata della Settimana Velica Internazionale con l'arrivo delle marine estere

Livorno, 26 aprile 2019

Con l’arrivo delle 26 delegazioni delle accademie navali este...

NotifyfMe Pilgrim vince la prima giornata della Regata Nazionale Trofeo J24 L.N.I. Livorno

Livorno, 25 aprile 2019

Nelle acque labroniche antistanti l’Accademia Navale e Ardenz...

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI