Transat Jacques Vabre: Thomas Coville e Jean-Luc Nélias vincono e battono il record di Cammas - News - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi
Porto Empedocle (AG)
Nata come zona portuale dell'antica Girgenti, oggi Agrigento, con il nome di Marina di Girgenti, dal XV secolo era il luogo di commercio dei cereali di tutta la zona.
 
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 17/01/2018 07:45
News / Transat Jacques Vabre: Thomas Coville e Jean-Luc Nélias vincono e...
Transat Jacques Vabre: Thomas Coville e Jean-Luc Nélias vincono e battono il record di Cammas

Transat Jacques Vabre: Thomas Coville e Jean-Luc Nélias vincono e battono il record di Cammas

Salvador de Bahia, 14 novembre 2017

Thomas Coville e Jean-Luc Nélias con il loro maxi trimarano Sodebo Ultim’ hanno vinto la 13esima edizione della Transat Jacques Vabre dopo aver superato la linea di arrivo nella Baia di Tutti i Santi a Salvador del Bahia, ieri lunedì 13 novembre alle 10.42.27 UTC, dopo 7 giorni, 22 ore, 7 minuti e 27 secondi dalla partenza a Le Havre, in Normandia.

 

Sodebo Ultim’ batte così il record precedente di Frank Cammas e Steve Ravussin su Groupama 2, che era di 10 giorni, 0 ore e 38 minuti.
 


 

Thomas Coville e Jean-Luc Nélias

 

Sodebo Ultim’ ha percorso le 4,742 miglia nautiche ad una velocità media di 24,94 nodi. Durante questa Transat Jacques Vabre è stato stabilito anche il record di velocità sulle 24 ore, venerdì dal Class40 V and B, dei francesi Maxime Sorel e Antoine Carpentier, che si trovavano in seconda posizione nella numerosa classe dei Class40: hanno percorso 377,7 miglia nautiche da giovedì alle 7,30 fino a venerdì alla stessa ora, con una velocità media di 15,7 nodi.

 

Secondi a tagliare il traguardo a Salvador de Bahia i francesi Sébastien Josse e Thomas Rouxel a bordo di Gitana 17, solo un’ora, 47 minuti e 57 secondo dietro a Sodebo Ultim’, dopo aver condotto la regata nei primi tre giorni in Atlantico.

 

Al momento gli italiani sono ancora impegnati nel mezzo dell’Oceano. Giancarlo Pedote con Fabrice Amedeo a bordo dell’IMOCA sono dodicesimi e hanno completato il 54% del percorso; nei Class40 Massimo Juris con Pietro Luciani sono sesti, ma non sono ancora arrivati nemmeno a metà del percorso; Andrea Fantini e Alberto Bona si sono invece purtroppo ritirati qualche giorno fa al largo del Portogallo dopo aver urtato contro un oggetto non identificato. Lo shore team ha valutato che i danni fossero troppo gravi per poter sistemare la barca in tempi compatibili con lo svolgimento della regata.

 

www.federvela.it

Fonte: Federazione Italiana Vela
Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Volvo Ocean Race - SHK/Scallywag fighting to the finish

Leg 4, Race Day 16 -17 January, 2018

As the Volvo Ocean Race stopover village opens in Hong Kong, the ho...

Alto mare: Agenzia delle Entrate risponde a richieste di chiarimenti di UCINA

Genova, 17 gennaio 2018

Navigazione in "alto mare"“ e non imponibilit&agrav...

Italia Yachts al boot Düsseldorf 2018 con Italia 9.98 Club

Come ogni anno, Italia Yachts sarà presente al Salone Nautico &ld...

AssArmatori: allargare ulteriormente gli effetti positivi del Marebonus

Roma, 17 gennaio 2018

Strategici incentivi per l’evoluzione tecnologica delle flott...

Borse di Studio di aiuto territoriale a 29 atleti under 25 delle classi olimpiche

E' iniziato ieri dal Porto Turistico di Roma il tour dei Direttori Tecnici FIV Ales...

© COPYRIGHT 2011-2017 - NAUTICA REPORT - REGISTRAZIONE TRIBUNALE DI ROMA N.314 DEL 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - PUBBLICITA' - LAVORA CON NOI