Nuovo Codice della Nautica e Registro Telematico: audizione in Senato per Nautica Italiana - News - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi
Isola di Ortigia - Siracusa
Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa rappresentandone la rispettiva circoscrizione, la nona ed ultima sul territorio cittadino.
 
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 12/12/2017 07:00
News / Nuovo Codice della Nautica e Registro Telematico: audizione in Se...
Nuovo Codice della Nautica e Registro Telematico: audizione in Senato per Nautica Italiana

Nuovo Codice della Nautica e Registro Telematico: audizione in Senato per Nautica Italiana

Milano, 5 ottobre 2017

Bandiera Italiana, demanio, semplificazione amministrativa, aree marine protette  e l’accelerazione nell’attuazione del Registro telematico: queste le tematiche più rilevanti  per l’associazione che raccoglie i principali marchi dell’industria nautica italiana di produzione e di servizi.

 

Si è tenuta oggi, giovedì 5 ottobre, l’Audizione al Senato di Nautica Italiana in merito alla revisione del Codice della Nautica e Registro telematico. Davanti alla 8^ Commissione Lavori Pubblici e Comunicazione, hanno presenziato Lamberto Tacoli, Presidente dell’Associazione che raccoglie i principali marchi dell’industria nautica dell’alto di gamma, Marco Cappeddu e Matteo Italo Ratti, rispettivamente Vice Presidente e Consigliere, Lorenzo Pollicardo, Segretario Generale e l’Avv. Cristina Pozzi, consulente per i progetti legislativi.

 

Nautica Italiana dopo aver ringraziato Governo e Parlamento per l’impegno e auspicando che si possa rispettare la data di scadenza della delega per l’emanazione del nuovo Codice della Nautica da Diporto per dotare finalmente il settore di una disciplina chiara e dinamica che sia elemento di sviluppo, ha presentato le proprie osservazioni già anticipate pochi giorni fa nell’incontro con il Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture.

 

Registro internazionale, demanio, semplificazione amministrativa, aree marine protette  e l’accelerazione dell’attuazione del Registro telematico: queste le tematiche più rilevanti  per l’Associazione che raccoglie i principali marchi dell’industria nautica italiana di produzione e di servizi.

 

La disciplina del Registro Internazionale, in particolare l’anticipazione nell’emanando Codice di elementi che ne rinnovino la “ratio”, è il primo punto individuato dalla delegazione di Nautica Italiana. L’urgenza di tale richiesta sta nel fatto che ad oggi sono solo 10 le navi da diporto iscritte nel registro internazionale sulle 200 immatricolate in Italia.

 

Una richiesta di semplificazione burocratica della fase di iscrizione, di ispezioni periodiche e rinnovo certificati, registri e giornali di bordo e navigazione, renderebbe la bandiera italiana appetibile per molti grandi yacht pur nel rispetto dei dettami dell’Unione.

 

La leadership dei cantieri italiani da sola, non può competere a livello mondiale per creare ricchezza sul territorio.

 

“I cantieri italiani hanno conquistato circa la metà degli ordini di nuove costruzioni di mega yacht nel mondo. E sarebbe un orgoglio nazionale che queste nuove unità potessero sventolare anche il tricolore! - ha sostenuto Lamberto Tacoli, Presidente di Nautica Italiana - Rendere più appetibile la bandiera italiana vuol dire attrarre utenza e le presenze che si sono registrare questa estate possono essere incrementate con evidenti effetti positivi sull’economia del settore e del territorio. Ugualmente occorrerebbe agevolare e prevedere un regime che favorisca la circolazione sulle nostre coste,dei megayacht e delle navi destinate a noleggio”.

 

Strettamente legata al turismo nautico,come risorsa nazionale, è stata espressa la necessità di infrastrutture ricettive adeguatee di una disciplina che tenga conto della specificità dei porti turistici  e delle esigenze della nautica da diportoriguardo alle concessioni.

 

Relativamente alle Aree Marine Protette,Nautica Italiana ha proposto la definizione di un contingentamento minimo – 2 o 3 unità al giorno – su punti di ormeggi fissi per navi da diporto e di creare una deroga alla navigazione per i natanti che fungono da tender ai grandi yacht, anche in funzione del pagamento di una tariffa più consistente.

 

Nell’ambito del confronto e del lavoro sviluppato insieme a Federagenti, è stata esposta la richiesta di far comprendere in modo chiaro e senza spazi di interpretazione, come si rapporta la figura del mediatore del diporto  (art. 49 ter e quater), con la disciplina esistente dei mediatori e raccomandatari marittimi.

 

Tra le richieste di Nautica Italiana, ancora, l’esigenza di accelerare l’attuazione del Registro Telematico, fondamentale per rendere la riforma reale strumento di sviluppo della nautica in Italia.  

 

Nautica Italiana

 

Nautica Italiana riunisce oggi oltre 90 importanti marchi della produzione nautica italiana - Industria, Servizi e Territori - espressione dell'eccellenza dello stile italiano nel mondo. L’Associazione è affiliata a Fondazione Altagamma - che dal 1992 raccoglie le imprese dell'alta industria culturale e creativa del nostro paese - di cui condivide missione e obiettivi.

Nata nel 2015, Nautica Italiana opera per aumentare la competitività del comparto e per restituire al settore nautico l'elevato livello di reputazione che merita nel contesto internazionale. Per raggiungere tali obiettivi NAUTICA ITALIANA ritiene necessario adeguare lo scenario nautico ‎del nostro Paese alle nuove esigenze dell’industria Nautica e propone una strategia che punta alla ricerca e all’introduzione di nuovi format di eventi, ad  innovative modalità di confronto e cooperazione, alla trasversalità delle tematiche nautiche e alla sostenibilità.

Il Manifesto della Nautica Italiana, con proposte legislative per supportare la crescita del comparto, insieme al “Contratto etico”, a garanzia di serietà e trasparenza, e un piano di promozione nazionale e internazionale con una nuova strategia di eventi, sono i pilastri portanti della strategia dell’Associazione. In questo senso si inserisce il Versilia Yachting Rendez-vous, fortemente voluto dall’Associazione e organizzato da Fiera Milano, la prossima edizione si svolgerà a Viareggio dal 10 al 13 maggio 2018.

 

Ufficio Stampa – Studio di Comunicazione Gardella

Fede Gardella

e-mail: fede.gardella@studiocomunicazionegardella.it

Fonte: Ufficio Stampa – Studio di Comunicazione Gardella
Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Volvo Ocean Race - Leg 3 Strategic Review - Part 1

December 11, 2017 - 18:00 UTC

Into the Storm Track. The Volvo Ocean Race fleet is 24 hours into L...

Una fortezza di 3mila anni è stata scoperta sul fondo del lago di Van

Sul fondale del lago di Van sono stati rinvenuti i resti di un’antica fortezza ri...

Bermuda's Mustafa Ingham leads the charge as the first Volvo Ocean Race Academy Apprentice

The Bermuda Tourism Authority and XL Catlin have teamed up with the Volvo Ocean Race an...

Targata Schenker la più dura regata al mondo per barche a remi

Ancora pochi giorni alla partenza della “Talisker Atlantic Challenge”, una ...

Volvo Ocean Race - Qualche attimo di respiro

11 dicembre 2017 - Leg 3, Day 2

Dopo le prime 24 ore senza un attimo di tregua, la flotta che parte...

© COPYRIGHT 2011-2017 - NAUTICA REPORT - REGISTRAZIONE TRIBUNALE DI ROMA N.314 DEL 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - PUBBLICITA' - LAVORA CON NOI