Nautica, Confarca: ''Preoccupati dalla chiusura dell’ufficio dell’Ispettorato di Porto'' - News - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi
Capo Palinuro e le sue grotte (SA)
Le suggestive grotte del Capo Palinuro, che oggi si specchiano in un mare cristallino, circa 130.000 anni fa (fase glaciale Riss), erano circondate da un paesaggio completamente diverso. Il mare arretrando per centinaia di metri dall'attuale l
Fonte: capopalinuro.it e Nautica Report
Titolo del: 21/01/2019 06:50
News / Nautica, Confarca: ''Preoccupati dalla chiusura dell’ufficio dell...
Nautica, Confarca: ''Preoccupati dalla chiusura dell’ufficio dell’Ispettorato di Porto''

Nautica, Confarca: ''Preoccupati dalla chiusura dell’ufficio dell’Ispettorato di Porto''

“La possibile chiusura di un ufficio così importante come quello dell’ispettorato di porto rischia di mettere in ginocchio tutto il settore della nautica da diporto di Venezia, ecco perché crediamo che bisogna immediatamente adoperarsi affinché si attuino nuovi piani per scongiurare la paralisi delle attività legate alle licenze, ai collaudi e ai passaggi di proprietà di oltre 1500 imbarcazioni”.

 

È il commento del segretario nazionale della sezione nautica della Confarca, Adolfo D’Angelo, in merito alla notizia di una possibile chiusura, nel mese di aprile, dell’ufficiodell'Ispettorato di Porto della Regione Veneto da cui dipendono tutte le imbarcazioni di Venezia e del suo hinterland. A provocare la paralisi del settore – come anticipato dal Gazzettino – potrebbe essere il pensionamento dell’unico impiegato dell’ufficio, da cui oggi dipende un intero settore economico fondamentale per l’intera area lagunare.

 

Una problematica a cui, per il segretario nazionale della Confederazione che rappresenta le scuole nautiche e gli studi di consulenza, bisogna dare “risoluzioni adeguate e rapide per scongiurare tra due mesi una paralisi annunciata”, e che rimanda al mancato ricambio generazionale negli uffici pubblici regionali e nazionali.

 

“Questa problematica, ormai divenuta emergenza nazionale e non solo un problema veneto, ci ricorda che bisogna accelerare con le normative per il via libera all’apertura degli STED, gli sportelli telematici per la nautica da diporto che permetterebbero alle agenzie e agli studi di consulenza di espletare le pratiche che riguardano le imbarcazioni, come già avviene già da anni nel settore automobilistico, ed ovviare alle lungaggini burocratiche di una pubblica amministrazione che non riesce a rispondere alle esigenze dei cittadini” afferma D’Angelo.

 

Ufficio Stampa Confarca

ufficiostampa.confarca@gmail.com

Fonte: Ufficio Stampa Confarca
Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Golden Globe Race - Day 204 - Van Den Heede regains the initiative... for now

Dateline: 14:00 UTC 21. 01. 2019 - Les Sables d'Olonne, France

- Leader within 1,000 miles of finish. ETA – 31st January&nbs...

Rizzardi torna al Boot Dusseldorf con il pieno di novità

Dusseldorf, 21 gennaio 2019

Il cantiere rientra a pieno titolo sulla ribalta internazionale con...

Guardia di Finanza: Effebi si aggiudica la commessa della Difesa

Viareggio, 21 gennaio 2019

A fronte della gara indetta dalla Guardia di Finanza per l’ac...

Nautica: performance al massimo del Distretto Tecnologico della Toscana e conferma dei vertici

Viareggio, 21 gennaio 2019

La Regione Toscana conferma - dopo due anni di avvio delle attivit&...

La baleniera, il piroscafo, gli scafi in legno e Nave Vespucci, al via il 6° Convegno sulle barche d’epoca

Varese, 21 gennaio 2019

Tutto pronto a Varese per la sesta edizione del convegno nazionale ...

© COPYRIGHT 2011-2018 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI