Nautica: Confarca contro la sostituzione delle radio VHF sulle barche - News - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi
Capo Palinuro e le sue grotte (SA)
Le suggestive grotte del Capo Palinuro, che oggi si specchiano in un mare cristallino, circa 130.000 anni fa (fase glaciale Riss), erano circondate da un paesaggio completamente diverso. Il mare arretrando per centinaia di metri dall'attuale l
Fonte: capopalinuro.it e Nautica Report
Titolo del: 21/01/2019 06:50
News / Nautica: Confarca contro la sostituzione delle radio VHF sulle ba...
Nautica: Confarca contro la sostituzione delle radio VHF sulle barche

Nautica: Confarca contro la sostituzione delle radio VHF sulle barche

Critiche alla proposta del Ministero: "Nuove zavorre ad un settore in crisi"

La sostituzione delle radio VHF di bordo sulle imbarcazioni da diporto e la conseguenziale introduzione di un esame da diporto per usarle, proposta dal Ministero per lo Sviluppo Economico, preoccupa non poco i rappresentanti delle scuole nautiche italiane. 

 

È la sezione nautica della Confarca ad esprimere il parere negativo sul provvedimento: durante l’incontro della Confederazione, che si è tenuto giovedì sera a Milano con i vertici delle motorizzazioni della Lombardia e del Comando Navale di Genova, sono emerse le perplessità sulla normativa che sarà introdotta grazie alla legge delega e che darà il via all’obbligo d’adozione dell’apparecchiatura VHF con Dsc (il tasto di localizzazione e soccorso, che si sovrappone agli apparati GPS ed EPIRB già obbligatori) per i natanti che navigano oltre le trenta miglia dalla costa. Per utilizzare questa apparecchiatura, però, è necessario anche sostenere un esame in sede unica, presso gli uffici ministeriali di Roma.

 

“Una norma che se venisse approvata paralizzerebbe tutto il mercato della nautica - denuncia il segretario nazionale della sezione nautica di Confarca, Adolfo D’Angelo - Una apparecchiatura può arrivare a costare intorno ai 4mila euro, senza dimenticare i costi per l’esame.

 

Per utilizzare la radio di bordo, ora, occorre un certificato da radiotelefonista, con questa legge si darebbe il via ad un’assurdità burocratica, al di là di un esborso ulteriore da parte del diportista, che di sicuro danneggerebbe l’intero comparto”.

 

“L’ennesima ostruzione alla nautica da diporto - gli fa eco Marco Morana, vicesegretario della sezione nautica della confederazione - Un paletto per l’utenza perché per una chiamata d’emergenza non occorrono esami, neppure radio diverse, ma soltanto un minimo di esperienza. Tutti questi provvedimenti non sono giustificati da chissà quale numero di incidenti in mare all’anno. Noi chiediamo sviluppo, non limiti, alla nautica da diporto”.

 

Ufficio Stampa Confarca

ufficiostampa.confarca@gmail.com

Fonte: Confarca
Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Golden Globe Race - Day 204 - Van Den Heede regains the initiative... for now

Dateline: 14:00 UTC 21. 01. 2019 - Les Sables d'Olonne, France

- Leader within 1,000 miles of finish. ETA – 31st January&nbs...

Rizzardi torna al Boot Dusseldorf con il pieno di novità

Dusseldorf, 21 gennaio 2019

Il cantiere rientra a pieno titolo sulla ribalta internazionale con...

Guardia di Finanza: Effebi si aggiudica la commessa della Difesa

Viareggio, 21 gennaio 2019

A fronte della gara indetta dalla Guardia di Finanza per l’ac...

Nautica: performance al massimo del Distretto Tecnologico della Toscana e conferma dei vertici

Viareggio, 21 gennaio 2019

La Regione Toscana conferma - dopo due anni di avvio delle attivit&...

La baleniera, il piroscafo, gli scafi in legno e Nave Vespucci, al via il 6° Convegno sulle barche d’epoca

Varese, 21 gennaio 2019

Tutto pronto a Varese per la sesta edizione del convegno nazionale ...

© COPYRIGHT 2011-2018 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI