HMHS Britannic Expedition 2018: subacquei italiani sulla nave gemella del Titanic - Vita subacquea - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi
Anzio (RM) - La villeggiatura degli imperatori
Anzio è un comune della provincia di Roma nel Lazio.   L'antica città di Anzio, in latino Antium (le attuali Anzio e Nettuno), fu per un lungo periodo capitale della popolazione dei Volsci, finché non venne as
Fonte: wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 23/04/2019 07:40
Vita subacquea / HMHS Britannic Expedition 2018: subacquei italiani sulla nave gem...
HMHS Britannic Expedition 2018: subacquei italiani sulla nave gemella del Titanic

HMHS Britannic Expedition 2018: subacquei italiani sulla nave gemella del Titanic

L’HMHS Britannic, nave gemella del Titanic è stata adibita a nave ospedale durante la Prima Guerra Mondiale per conto della Marina Britannica.

 

Il Transatlatico è affondato nel 1916 al largo di Kea, isola delle Cicladi, in Grecia. Il relitto è stato scoperto dall’esploratore francese Jacques Yves Cousteau nel 1975, da allora è divenuto uno dei relitti più significativi e importanti all’interno del panorama subacqueo tecnico internazionale tanto da essere considerato l’Everest del continente sommerso.
 


 

La targa deposta in ricordo della scoperta da parte di Jacques Cousteau - Fhoto credit "Armando Frugatta Ando"

 

Il Britannic giace a una profondità di -118m in un braccio di mare attraversato spesso da forti correnti che complicano ulteriormente le immersioni. Ottenere i permessi esplorativi dal Ministero Archeologico Greco per fare immersioni è una pratica lunga e a ostacoli. Quest’anno una spedizione internazionale composta da 7 subacquei di altissimo livello è riuscita a immergersi sul relitto.

 

Andrea “Murdock” Alpini (classe 1985), istruttore e subacqueo tecnico varesotto è stato parte della Spedizione, l’unico a immergersi con un sistema respiratorio a circuito aperto, le tradizionali bombole, anziché attraverso l’uso di un rebreather, macchina a circuito chiuso con recupero delle miscele respirate, sistema utilizzato dagli altri sei membri della Spedizione. Le immersioni hanno avuto tempi esplorativi oltre i cento metri di trenta minuti, esposizione alla profondità che ha poi richiesto quasi tre ore di risalita per tornare alla superficie.
 


 

La prua del Britannic - Photo credit Jean Bhon

 

Il giovane subacqueo varesotto ha preparato questa spedizione negli anni precedenti e soprattutto con duri allenamenti negli ultimi mesi che hanno anticipato la partenza. La Spedizione in Grecia è durata circa venti giorni, durante questo periodo sono state effettuate ben tre immersioni sul relitto del Britannic. Nell’anno 2018 Andrea “Murdock” Alpini e compagni di team sono stati la sola missione che è riuscita a portare a termine l’obiettivo.

 

“Se è vero che il relitto del Britannic rappresenta l’Everest della subacquea e quindi un traguardo per molti, è anche si vero che il Monte Everest è l’obiettivo ma anche il punto di partenza degli alpinisti che poi scalano gli Ottomila. Io ho inteso così la mia partecipazione alla Britannic Expedition 2018” così ha dichiarato Andrea “Murdock” Alpini al rientro in Italia.

 

Andrea "Murdock" Alpini
Diving Instructor

 

Immagine di copertina Fhoto credit "Armando Frugatta Ando"

 

Fonte: Andrea "Murdock" Alpini Diving Instructor
Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

ASD Mondo Sub presenta Relitti: testimoni del passato Serata Fanatic Wrecker con Andrea ''Murdock'' Alpini

Buccinasco (Milano), Gioved́ 9 maggio 2019 - Ore 21.15

L’associazione sportiva Mondo Sub in collaborazione con Fanat...

U455. 5 aprile 2019 - 75° Anniversario dell'affondamento del sottomarino tedesco

di Andrea "Murdock" Alpini

Una croce grafata nera svetta nell'angolo superiore sinistro de...

Primo ristorante sottomarino in Europa inaugurato in Norvegia

di Vitttorio Pedrotti

Il 20 marzo 2019 è stato aperto il primo ristorante subacque...

Subacquea di tutti e subacquea per tutti 30 e 31 marzo 2019 con HSA Italia

Lezioni gratuite per bambini e adulti con disabilità a Novi Ligure e a Porto Santo Stefano

Progetto ‘Il Mare, un Sorriso per tutti’ di HSA Italia,...

Parco sommerso di Gaiola (NA) - Paradiso possibile

L’Area Marina Protetta “Parco Sommerso di Gaiola” prende il nome dai ...

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI