La sartoria del vento - Tecnologia e Design a bordo - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi
Margherita di Savoia (BT)
Margherita di Savoia è un comune della provincia di Barletta-Andria-Trani, in Puglia. Fino al 2004 ha fatto parte della provincia di Foggia.   Il centro abitato sorge in riva al mare Adriatico, in una zona pianeggiante, un temp
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 10/12/2018 06:10
Tecnologia e Design a bordo / La sartoria del vento
La sartoria del vento

La sartoria del vento

di Antonella Panella

Cime, bozzelli, paranchi, rinvii, un gioco di coordinazione e precisione. In gioco forze della natura, il vento e il mare, e umane, che al di là dei muscoli poggiano sulla coordinazione e affiatamento dell’equipaggio ma prima ancora di un team di tecnici che mettono a punto l’imbarcazione, a partire dalla scelta delle vele alla messa a punto dell’imbarcazione con un buon lavoro di rigging.

 

Il lavoro del velaio è un lavoro complesso che richiede non solo conoscenze tecniche necessarie per la realizzazione delle vele, ma anche una buona capacità di relazione col cliente e di interpretazione delle esigenze dello stesso che vanno coniugate al meglio con le possibilità tecniche a disposizione per ottenere un prodotto custom di alta qualità.

 

A guardarle possono sembrare simili o uguali tra loro, eppure ogni vela è un oggetto custom, unico, “tagliata e cucita” proprio per quella particolare imbarcazione, come un abito sartoriale di alta moda. Le barche, anche quando di serie, presentano sempre delle differenze con le loro “gemelle”. Al pari di un abile mastro di alta moda, il velaio traduce questa unicità fatta di misure, dettagli tecnici, materiali ed esigenze del suo cliente e realizza un prodotto performante ed esclusivo.

 

La raccolta di informazioni e dettagli da sviluppare avviene col sopralluogo sullo yacht da invelare. In quell’occasione si individuano le misure di cui tener conto che saranno inserite nel software a disposizione della veleria: altezza e larghezza massima, la curvatura dell’albero, le tensioni in gioco e di tutti gli off set della vela da produrre come dimensionamento dei grilli, dei carrelli delle rotaie e altri. (foto 1)
 


 

Foto 1 - Collaudo consegna vele - misurazione dei soft hanks o mandorline

 

Il software che alcune velerie hanno sviluppato al proprio interno, contribuendo anche in questa fase ad un prodotto customizzato, interfaccia i dati rilevati con dei” molde”,  individuando gli stampi vincenti proprio per quello yacht. Altre velerie invece utilizzano software che sono in commercio e quindi più standardizzati, dove la differenza di prodotto è data dall’interpretazione e uso delle singole velerie. (foto 2)
 


 

Foto 2 - La veleria - Il pianale

 

È sul pianale che si svolge la parte operativa, quella del taglio e assemblaggio dei ferzi, in caso di vele pannellate, di incollaggio, in caso di vele in membrane. (foto 3-4)
 


 

Foto 3 - La fase di assemblaggio
 


 

Foto 4 - il pianale il taglio a caldo, in genere usato per i copri boma ed accessori in tessuto acrilico

 

Le vele pannellate sono generalmente indicate per la crociera o per le vele di poppa. La robustezza della vela è data dalla grammatura (peso) del materiale e dal taglio e dalla disposizione dei ferzi. I tessuti sono in genere in trama e ordito oppure si usano i laminati, tessuti che al proprio interno hanno fibre in poliestere o aramidico fino ad arrivare al carbonio. Le vele in membrane, generalmente scelte per  le imbarcazioni da regata, richiedono meno lavoro sul pianale. In genere la lavorazione di queste avviene nei laminatoi, dislocati in diversi punti del mondo a seconda del brand scelto dall’armatore.

 

Sul pianale vengono realizzate tutte le fasi di rifinitura delle vele: i rinforzi degli angoli, le bordature della balumina, inferitura e base e gli accessori - applicazione dei compressori, stecche, garrocci, numeri velici. (foto 5-5 bis-6-7)
 


 

Foto 5 - in veleria- qui l'operaio cuce e rifinisce i dettagli della vela
 


 

Foto 5 bis – Dettaglio
 


 

Foto 6 - il pianale - si applicano gli accessori alla vela, i numeri velici
 


 

Foto 7 – Dalla vela

 

Le vele membrane contribuiscono a garantire ancora una volta un progetto custom. Hanno una struttura a sandwich costituita da una fibratura (polietere, aramidico, carbonio) tra due lamine di mylar.

 

A differenza del tessuto laminato in cui la fibratura ha un orientamento prestabilito, nella membrana il progettista stabilisce la forma e la fibratura di ciascun pannello, concentrando più fibra nei maggiori punti di sforzo e diradandola laddove la vela sarà sottoposta a minori sollecitazioni.

 

Una volta pronta la vela si torna a bordo per il collaudo, la “prova dell’abito”. È li che il velaio fa ricorso anche a tutta la sua conoscenza ed esperienza. Una volta armate, le vele nuove si provano in navigazione regolando le tensioni delle sartie e degli stralli. (foto 8-9-10)
 



 

Foto 8 - Preparazione e controllo delle vele - si esegue sia in fase di collaudo che prima e dopo la regata. le stecche che danno più forma e rigidità alla vela vengono inserite prima della regata e tolte dopo.

 


 

Foto 9 - Collaudo consegna vele - controllo tra la flessione dell'albero e la randa
 


 

Foto 10 – Controllo delle drizze, pulegge, sartie molte sono le operazioni che si svolgono salendo sull'albero

 

Spesso accade che il velaio faccia un lavoro in coordinazione con altri tecnici a bordo per la messa a punto delle imbarcazioni così il suo si intreccia con quello dei progettisti o dei cantieri.

 

La veleria seguita per questo articolo, ad esempio, ha sviluppato e investito anche nell’attività di rigging, Le foto che seguono mostrano il coordinamento con un cantiere per un’operazione molto complessa, l’alberamento di uno yacht di 107 piedi. (foto da 11 a 16)
 


 

Foto 11 - Alberamento di un 107' - si vara lo yacht da alberare. L'alberamento avviene in acqua
 


 

Foto 12 - Alberamento di un 107' - preparazione e movimentazione del boma e poi dell'albero di mezzana alto 30mt
 


 

Foto 13 - Alberamento di un 107' -preparazione delle fasce e della gru
 


 

Foto 14 – Alberamento di un 107' - preparazione e movimentazione del boma e poi dell'albero di mezzana alto 30mt
 


 

Foto 14 bis - Alberamento di un 107' - preparazione e movimentazione del boma e poi dell'albero di mezzana alto 30mt
 


 

Foto 15 -il gruista si accorda sulla manovra che eseguirà
 


 

Foto 16 – La barca da alberare

 

Testo e foto Antonella Panella

Editing Carlo Zazzera

Fonte: Nautica Report
Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Il simulatore più innovativo d'Italia è a Viareggio

Viareggio, 8 dicembre 2018

Viaggiare virtualmente, a bordo di una nave, nei porti più f...

Schenker premiata per il design del nuovo dissalatore ZEN

ZEN è il primo dissalatore “di design”. Per questo motivo la giuria ...

Videoworks svela la tecnologia a bordo del Southern Wind 105 Satisfaction

- Il cuore delle soluzioni sviluppate da Videoworks è un sistema rack centralizz...

Centrostiledesign disegna la nuova piattaforma tecnologica Naviop CSD 3200

CSD 3200 è un bridge multifunzione altamente tecnologico ideato da Davide Cipria...

Metstrade 2018 - I sistemi di copertura Opac: combinazione di tecnologia e design

Rivalta di Torino, 13 ottobre 2018

Ad Amsterdam, l’azienda torinese espone il meglio della sua p...

© COPYRIGHT 2011-2018 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI