Copanello (CZ) - Turismo e ormeggi - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi
Punta Palascìa o Capo d'Otranto (LE) - Il punto più orientale d'Italia
« I pescatori del tratto di mare tra la Torre del Serpe e la Palascìa raccontano che in certe giornate, quando le nuvole in cielo sono gonfie di pioggia e il sole le illumina come fossero vele, sulla superficie dell'acqua si pu&og
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 11/12/2018 06:10
Turismo e ormeggi / Copanello (CZ)
Copanello (CZ)

Copanello (CZ)

Copanello è una frazione del comune di Stalettì in provincia di Catanzaro, situata lungo la costa jonica della provincia calabrese a sud del capoluogo.
 


Si menziona spesso in quanto è una delle tante rinomate località balneare del mare Ionio. Si suddivide in Copanello alta, Copanello lido e Santa Maria del Mare.
 


 

Golfo di Squillace

 

Copanello èsSituata al centro del Golfo di Squillace, sul quello splendido tratto di costa detto Costa degli Aranci o Costa dei Saraceni. 

 

L'intero territorio di Copanello è caratterizzato da colline lussureggianti della tipica flora e fauna mediterranea e da promontori di granito bianco che digradano dolcemente verso il mare, creando arenili di sabbia fine, mista a enormi scogliere granitiche perforate in alcuni punti da grotte in cui si insinua il mare, la più famosa delle quali è quella di San Gregorio, tra Copanello e la vicina frazione Caminia.
 


 

Copanello - Grotta di San Gregorio

 

La costa di Copanello è estremamente suggestiva, specie al momento dell'alba, quando i primi raggi solari, investendola di luce, creano uno spettacolare paesaggio surreale.

 

A tratti la costa si articola in una spiaggia molto ampia e pittoresca, sempre ventilata da una leggera brezza rinfrescante, caratterizzata da un litorale di sabbia dorata o bianca, intervallata periodicamente da suggestive scogliere.
 


 

Copanello - Alba sulla spiaggia - Da maestrarosasergi.wordpress.com

 

Il mare è azzurro e con sfumature turchesi, ideale per nuotare, fare il bagno e con condizioni eccellenti per gli appassionati di snorkeling. Ma queste stesse acque sono inoltre meta prediletta per le immersioni: una volta lasciata la spiaggia, si scopre un nuovo mondo; in una profondità tra gli 0 m e i 10 m è possibile esplorare un fondale sabbioso, con scogli che formano in alcuni punti passaggi ad arco e sifoni.

 

Stupenda la fauna marina: tra la soffice sabbia è possibile scorgere bei cerianti e stupende conchiglie, gli scogli e le rocce sono spesso ricoperti di alghe brune, code di pavone, spugne dai colori vivaci e ricci. Negli anfratti sottomarini si nascondono molte stelle serpentine e fra le pietre si muovono veloci bavose e cernie. Il tutto è attorniato da banchi di castagnole, occhiate, saraghi e cefali, senza dimenticare triglie e tracine che si aggirano, anch'essi, sulla sabbia.
 


 

Copanello - Il mare e la spiaggia

 

Storia

 

Meta di villeggiatura fin dal primo dopoguerra, ospita nel suo territorio numerose testimonianze archeologiche di epoca tardo-romana, come i resti della piccola cappella triabsidata di S.Martino, unica vestigia paleocristiana calabra, per molto tempo identificata come la tomba di Cassiodoro personaggio storico originario della vicina Squillace, il museo naturalistico Libero Gatti, le vasche di Cassiodoro (un antico sito romano di acquacoltura) e la Rotonda sul mare che ispirò il cantante Fred Bongusto nella composizione del testo dell'omonima canzone.

 

Notevoli le altre testimonianze archeologiche, dalla chiesa di Santa Maria Vetere ai resti del castrum bizantino, dall'antica via romana che si ricongiunge alla via Grande di Stalettì, alla Fontana di Cassiodoro attigua al Casino Pepe, già antico ninfeo romano e successivamente cristianizzata all'epoca di Gregorio Magno e da non confondersi con la fonte Arethusa citata dallo stesso Cassiodoro.
 


 

Copanello - Vasche di Cassiodoro

 

Questo tralasciando le testimonianze più recenti, dal casino Pepe, che parrebbe essere stato costruito sul luogo in cui sorgeva il Vivarium, ai bunker di piccole e medie dimensioni costruiti dagli italo-tedeschi durante la seconda guerra mondiale.

 

Achille Fazzari eroe garibaldino

Nel 1882, all’epoca già vecchio e malato, Giuseppe Garibaldi volle fermarsi una notte a casa di alcuni suoi amici, la famiglia Fazzari, a Stalettì di Copanello.

 

A ricordo della sua visita, la famiglia Fazzari depose una lapide in occasione del cinquantenario della morte di Achille, l’amico fraterno di Garibaldi.

 

Tuttora è possibile vederla sulla facciata di Casa Fazzari (oggi di proprietà Gatti) a Copanello.

 

Ben presto la spiaggia di Copanello è diventata una residenza estiva di eccellenza e sognata da tutti i calabresi. Negli anni 60 in molti ambivano a poter avere una proprietà in questa località. Questo fenomeno era dovuto al fatto che Copanello rappresentava la residenza estiva della Calabria bene come ad esempio l'illustre Barone "Don Ciccio" Varcasia ed il compianto e stimato imprenditore Tony Boemy.
 


 

Copanello - Villaggio turistico

 

Turismo

 

Negli anni sessanta, l'imprenditore Guglielmo Papaleo acquistò dal marchese Lucifero di Crotone i terreni su cui avrebbe poi realizzato un moderno villaggio vacanze con animazione.

 

Questo sarebbe stato l'inizio del tumultuoso sviluppo del turismo balneare di Copanello, la cui apoteosi è raggiunta negli anni settanta, quando locali come La Rotonda, il Rendez-vous, l'Hamilton, il "Rebus",il Bilbò e il Blu70 occupano la scena notturna non solo del capoluogo, ma di tutta la penisola. Qui si sono esibiti artisti come Gloria Gaynor, Franco Califano, Gino Paoli, Rocky Roberts, Rita Pavone e Frank Sinatra.
 


 

Copanello Lido - La Rotonda - Da www.tripadvisor.it

 

Purtroppo, come spesso accade, con il benessere è arrivato anche la ricerca del guadagno smodato, senza scrupoli, ecco che così, negli anni '80, un'ondata di abusivismo edilizio, ai danni dello splendido patrimonio naturalistico, è culminata con la costruzione dell'ecomostro di Copanello.

 

15000 metri cubi di cemento armato ripartiti in quattro corpi di fabbrica, due di sei piani, uno di cinque, uno di nove, collegati con gradoni di cemento armato, una vera ferita, uno squarcio nella natura incontaminata della costiera, incurante delle vicine testimonianze archeologiche.
 


 

Copanello - L'ecomostro oggi finalmente demolito

 

Dopo lunghe vicende giudiziarie, e un'ordinanza di demolizione del 1987, finalmente il 17 gennaio 2007, grazie all'Amministrazione Comunale guidata dal sindaco Pantaleone Narciso, con la presenza del presidente della regione Calabria, Agazio Loiero e dell'allora ministro dell'ambiente Alfonso Pecoraro Scanio, si è iniziata la demolizione dell'ecomostro, ad oggi conclusa. Al suo posto è stata realizzato un'area verde, nella quale sono stati ripiantati giovani alberi.

 

 

Oggi, dopo tutte le vicende, anche poco piacevoli che la hanno coinvolta, Copanello è ritornata ad essere uno dei maggiori centri balneari e di divertimento della Calabria.
 


 

Copanello - La scogliera

 

Cucina e prodotti tipici

 

Calabria, un territorio fra costa e montagna dove il peperoncino è re. Qui sono stati inventati il morsello, il panino alla trippa più piccante del mondo, e gli spaghetti aglio, olio e peperoncino, apprezzati, in versione edulcorata, in tutta la Penisola.

 

Secondo ingrediente d’eccellenza della cucina calabrese è la cipolla rossa di Tropea, dolce e croccante, che offre il meglio di sé cruda, in un’insalata di pomodori condita con ottimo olio locale.
 


 

‘Nduja Calabrese

 

Da non perdere sono poi i salumi calabresi: soppressata, capocollo, e, soprattutto,‘nduja, morbido salame spalmabile di Spilinga, utilizzato per condire le fileja al sugo, un antico formato di pasta che le appassionate di cucina preparano ancora in casa avvolgendo piccolo pezzi di impasto attorno a un ferretto spesso ereditato da nonne e zie.

 

Porto

 

Non esistono possibilità di attracco; trattasi di spiaggia attrezzata con possibilità di fonda in specchio d'acqua riparato da venti provenienti dal I e IV quadrante. Vi è solo una spiaggia sede di un villaggio turistico. Tra Le Castella e Capo Rizzuto c'è un'insenatura dove si può ancorareL'ormeggio più vicino è a Soverato.

 

COORDINATE

LIDO DI COPANELLO
38°46',40 N 16°34',50 E

PER CONTATTARE IL PORTO
E-mail: catanzaromarina@guardiacostiera.it
Telefono: 0961-31642

SERVIZI PUBLICI, NAUTICI E TURISTICI
COPANELLO (CZ)

 

 

Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del:

Tags

Calabria, Stalettì, Catanzaro, costa jonica, Copanello alta, Copanello lido, Santa Maria del Mare
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Punta Palascìa o Capo d'Otranto (LE) - Il punto più orientale d'Italia

« I pescatori del tratto di mare tra la Torre del Serpe e la Palascìa racc...

Margherita di Savoia (BT)

Margherita di Savoia è un comune della provincia di Barletta-Andria-Trani, in Pu...

Santa Maria di Leuca (LE)

Tra muretti a secco, ville ottocentesche e scogliere da sogno

Il suo nome deriva dal greco: leucòs, ossia bianco. L'et...

Area Marina Protetta Secche della Meloria (LI)

L'Area Marina Protetta Secche della Meloria, si trova nel bacino nord occidentale d...

Otranto (LE) - Messaggero di Pace

Otranto è un comune della provincia di Lecce in Puglia, situato sulla costa adri...

© COPYRIGHT 2011-2018 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI