Isola di Filicudi - I. Eolie (ME) - Turismo e ormeggi - NAUTICA REPORT
Turismo e ormeggi / Isola di Filicudi - I. Eolie (ME)
Isola di Filicudi - I. Eolie (ME)

Isola di Filicudi - I. Eolie (ME)

Filicudi è un'isola appartenente all'arcipelago delle isole Eolie, in Sicilia.

 

Amministrativamente fa parte del comune di Lipari (ME) e vi si trovano due località abitate: Filicudi Porto e Pecorini a Mare.
 


 

Isola di Filicudi

 

Anticamente l'isola era nota come Phoinicussa (Φοινικοῦσσα) oppure come Phoinicṑdēs (Φοινικώδης), dal sostantivo Phoinix (Φοινιξ), che in greco antico indica la palma nana, assai diffusa in epoca antica ed oggi ancora presente sui promontori dell'isola.

 

L'isola di Filicudi è la quinta isola in ordine di grandezza dell'arcipelago delle Eolie e la seconda isola più occidentale dell'arcipelago (dopo Alicudi); è situata a circa 24 miglia nautiche a ovest di Lipari. È dominata dal monte Fossa Felci, un vulcano spento alto 773 m.
 


 

Isola di Filicudi - Fossa Felci

 

Oltre ad esso, di vulcani ce ne sono ben altri sette, tutti spenti da molto tempo e di conseguenza fortemente segnati dall'erosione.

 

La popolazione, circa 200 abitanti (che diventano 3000 nella stagione estiva), è distribuita tra i centri di Filicudi Porto, Valdichiesa, Pecorini, Pecorini a mare, Canale e Rocca di Ciavoli, collegati tra loro dall'unica strada asfaltata dell'isola e da una fitta trama di mulattiere.
 


 

Isola di Filicudi - Tipica mulattiera

 

La località di Stimpagnato, nel sud-est dell'isola, è abitata da turisti soltanto durante l'estate. Gli abitanti si chiamano filicudari ed il loro dialetto è il filicudaro.

 

Storia

 

Molto interessanti sono le rovine del villaggio Neolitico sul promontorio di capo Graziano. I reperti ritrovati testimoniano la presenza sull'isola, durante il Neolitico, di una fiorente industria e lavorazione dell'ossidiana. È presente sull'isola una sezione del Museo archeologico eoliano, con reperti provenienti dagli scavi di capo Graziano e da altre zone delle isole Eolie.
 


 

Isola di Filicudi - Capo Graziano

 

Economia e turismo

 

La luce elettrica è stata portata a Filicudi nel 1986 con un impianto di generazione a gasolio; ciò ha innescato un drammatico balzo nel futuro nella quotidianità degli isolani. Il turismo ha iniziato a svilupparsi in quel periodo, crescendo poi di anno in anno.

 

Con l'elettricità sono giunti sull'isola ausilii per ogni attività, tra i quali pompe elettriche per l'acqua dei pozzi; le televisioni sono divenute di massa, gli elettrodomestici hanno cominciato a diffondersi.
 


 

Isola di Filicudi - Caletta

 

Quanto all'acqua corrente, la si trasporta tramite navi cisterna, per poi distribuirla sulla rete idrica. La proposta di costruire un impianto dissalatore non è ancora stata attuata. Ad oggi i principali prodotti agricoli dell'isola sono i capperi ed i fichi. La principale voce dell'economia locale è il turismo. La pesca non è praticata intensamente, mentre lo è quella amatoriale o comunque non professionale.

 

Nelle spiagge di Filicudi non c'è sabbia ma solo ciottoli arrotondati. La più "in" è Le Punte; la si può raggiungere a piedi dal molo. In alternativa, Pecorini mare o la spiaggia del porto.
 


 

Isola di Filicudi - Pecorini Mare e il porticciolo

 

Via mare è d'obbligo una tappa all'ampia Grotta del Bue Marino larga 30 m e cosi chiamata dai vecchi pescatori perchè, forse, qui trovava rifugio la foca monaca. Il mare, nel tempo, ha formato una deliziosa spiaggetta sul fondo, e l'ampiezza e la profondità consentono alle imbarcazioni di potervi entrare.

 

Poco lontano si erge in mezzo al mare l'altissimo scoglio di origine vulcanica che per la sua forma è chiamato La Canna
 


 

Isola di Filicudi - Faraglione la Canna e sullo sfondo Alicudi

 

Cucina

 

La  cucina eoliana e ovviamente quella filicudara è fatta di ricette facili, con ingredienti che una volta erano considerati poveri, ma oggi sono a pieno titolo raffinatezze e prelibatezze: pensate al tonno fresco di giornata, ai gamberi rossi crudi, a cereali desueti come la cicerchia, al cappero isolano di taglia mini o all'olio extra vergine d'oliva estratto a freddo da olivi di Filicudi.

 

Tra i primi oltre alla pasta al nero di seppia troviamo l' Agliata o pasta alle mandorle filicudara, tar i secondi piatti la salsiccia di tonno e i totani ripieni di sugo.
 


 

Agliata o pasta ale mandorle

 

Arrivare a Filicudi

 

Il collegamento dell'isola di Filicudi alla terraferma è assicurato da un servizio di trasporto marittimo via aliscafo, nave o catamarano. Per andare a Milazzo, si effettuano gli scali di Rinella e Santa Marina Salina, Lipari, isola di Vulcano. Dei collegamenti esistono anche con la città di Palermo. Il Comune di Lipari ha imposto una tassa di un euro per l'entrata nel suo territorio. Info trasporti Eolie

 

Approdi

 

Due sono gli approdi principali di Filicudi, nessuno dei quali può definirsi «sicuro» per ogni condizione meteorologica:

 

il porto, quello dove approdano quasi tutte le navi, i traghetti e gli aliscafi, è naturalmente la zona più frequentata e «commerciale» dell'isola di Filicudi;
 


 

Isola di Filicudi - Il porto

 

Pecorini Mare rappresenta l'alternativa di attracco nelle giornate nelle quali, per le condizioni meteo o per altri motivi, i mezzi di collegamento non possono attraccare al Porto. Questo attracco ultimamente viene spesso utilizzato per la nave di collegamento con Napoli.

 

COORDINATE
PORTO - I. FILICUDI
38°33',68 N 14°35',00 E

 

COORDINATE
PECORINI A MARE - I. FILICUDI
38°33',45 N 14°34' E

PER CONTATTARE IL PORTO
VHF canale 16

 

Titolo del:

Tags

Lipari, Phoinicussa, Isole Eolie, Filicudi Porto, Valdichiesa, Pecorini, Pecorini a mare, Canale
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Goro (FE) Tra fiume e mare

Goro è un comune della Provincia di Ferrara in Emilia-Romagna.   L&...

Isola di San Secondo (VE) - Forse il recupero...

San Secondo è un'isola della Laguna Veneta. Sorge tra San Giuliano e Venezia...

Isola di San Servolo (VE) - Dal dolore allo sviluppo culturale

San Sèrvolo (denominazione veneziana di San Servilio, martire dell'Istria, f...

Porto Lotti, il Marina Resort di eccellenza del Golfo della Spezia

Un paesaggio da fiaba da godere in una struttura di classe internazionale che offre ser...

Oristano

Oristano è un comune capoluogo della provincia omonima nella Sardegna centro-occ...
Turismo e ormeggi
Goro (FE) Tra fiume e mare
Goro è un comune della Provincia di Ferrara in Emilia-Romagna.   L'abitato si formò nella prima metà del XVIII secolo sull'argine destro del Po, tra il fiume e il mare, in un territorio paludoso dove si er
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 19/07/2019 06:40

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI